" Filipo Boni "

Catalugo dela Mostra ala Pinacoteca ôFrancesco Pudestiö

Recenziˇ de Piero Rumagnoli

 


Sta mostra picenina ntÚla pinacutega su a Palazo Bosdari, io ho fato in tempo a vÚdela giusto giusto al'ultimo giorno, che saria stato el 24 de lujo.

E' una dele tante idee bule de Michele Polverari, che pare che ce penzza de n˛te a cusa urganizÓ pe' stuzzigÓ l'interesse dj anconetani, visto la quantitÓ de iniziative che mŔte in cantiere. Stavolta Ŕ venuta na roba fata propio bŔ, dato che Ŕ stato spalegiato ancora dal'Assessurato ala Cultura del Cumune d'Ancona, e dal Lions Club Colle Guasco presieduto dal'amigo Alessandro Badalˇ, che ha curato stu mini-catalugo e che ha dimustrato che 'l Lions nun Ŕ solo 'n clŔbe de richi che nun ciÓne gnente da fa, cume pudria penzzÓ qualcuno, sbajandose de brutu, ma Ŕ n'istituzi˛ benemerita che dÓ na bela mÓ ala cultura lucale.

Filippo Boni era 'n vedutista che Ŕ nato in Ancona ntÚl 1818, ultimo de nove fjoli de 'n cumerciante, che per furtuna sua de quadrini duveva avÚne fati parechi, perchÚ, nunustante che cula famija ce pudeva fÓ na squadra de palˇ, era gente che nu jÚ mancava gnente e che ciaveva ancora 'n po' de tera in campagna.

Filipo aveva partecipato ale Cinque Giurnate de MilÓ ntÚl 1848 ľ inzzoma, era 'n patriota. Ma dato che nun era andata a fený tantu bŔ qula volta, pr'un po' de tempo aveva duvuto emigrÓ al'estero. Ma pr˛ nun faceva la fame, perchÚ ciaveva l'arte ntÚle mÓ, e aveva ancora studiato scenografia a MilÓ, ndˇ aveva dipinto ancora el teatro ala Scala. Inzzoma, era unu che ce sapeva fa e che aveva girato 'l mondo. Ancona sua, ma pr˛, j'era armasta sempre ntÚl core e alora, dopu l'UnitÓ d'Itaglia, era arturnato e s'era specializato a fÓ i paesagi. Nun zzolo queli dela citÓ sua, anzi, sopratuto queli dela campagna romana, ma pr˛ ancora abbastanza vedute d'Ancona da fÓcce stÓ alegri.

L'Ancona che viŔ f˛ri dal penŔlo de Boni Ŕ na citÓ che incredibilmente nun pare intiga pe' gnente. E penzzÓ che stÓmo a disc˛re del'Ancona de 150 ani fa! Ma, chissÓ come, mentre quanto unu guarda le foto d'epuga jÚ pare da vÚde na citÓ morta e sepolta, invece ntÚle vedute de Boni c'Ŕ na freschÚza e na luce che te la fa sembrÓ vicina 'n bel po' ai tempi nostri, ancora si certi scorci, per forza de robe, nun pudeva esse i stessi d'adŔ.

Boni se specializa ntÚle vedute del porto. Prutagunisti assoluti Ŕne: el Domo, la Linterna e l'arco de TrajÓ, ma inzieme a loro ancora tante figure de pescatori e portul˛ti che ciÓne na gran spuntaneitÓ. Po' jÚ gusta ancora fa i paesagi dela Riviera del Conero: Portunovo, Scirolo... e po' le scene de campagna, ndˇ la fa da padrˇ el monte Conero che c'Ŕ sempre ntÚ sfondo.

Boni era n'omo che piturava no cula testa ma cul c˛re, e se vedeva che la citÓ sua e nostra jÚ gustava 'n bel po'. A distanza de 'n zzeculo e meze, Ŕ stata n'idea bula davero quela da fa n'esŔpusiziˇ dele opere sue.

Unigo prublemý: stu catalugo era in umagio pr'i visitatori dela mostra: se riuscirÓ a truvÓlo ancora a mostra fenita? PruvÚ a dumandÓ al buchesciop dela Pinacutega!

 


Torna al'indice d'i libri