" L'Uriente d'Ancona "

Storia dela Massuneria dorica (1815-1914) de Luca Guazzati

Recenziˇ de Piero Rumagnoli

 


 

SarÓ perchÚ in Ancona pr'oltro tre seculi c'Ŕ stato el guverno dela Chiesa, fatu sta che ntÚla bela citÓ nostra d'amighi d'i preti ce n'Ŕ poghi davero. E d'anticlericali, invece, na muchia, e de tuti i tipi: liberali, ripublicani, sucialisti, cumunisti, anarchici e massoni.

╚ proprio sui massoni, che Ŕ la categuria che se ne sa de meno de tute, che stu libro recente cerca de fÓ 'n po' de luce. E ce riesce solu a metÓ. Si uno v˛le cumprÓ stu libro (che nun costa tanto) pe' cercÓ de capý qualc˛ de pi¨ su sta seta semi-segreta, sul perchÚ la gente - che era tuta gente che ntÚl'ecunumia d'Ancona cuntava 'n bel po'! - ce s'iscriveva, cusa tieneva inzieme i massoni... mbŔ, alora ha speso male i quadrini, perchÚ stu libro nun risponde a nisciuna de stÚ dumande. Si invece t'interessa a sapÚ come i massoni s'Ŕ dati da fÓ e che ruolo hane giugato ntÚla storia del'Otucento e - molto de meno - del Novecento ancunetÓ, alora scý, Ŕ propio el libro che ce vuleva.

Dito in altre parole, stu libro te raconta pogo su chi era i massoni, ndˇ se riuniva, cusa penzava e cume era urganizati. Fˇrze, dato che Ŕ stato scrito cul'intenziˇ, dimo cuscý, celebrativa dela Logia Garibaldi, el libro stesso ciÓ pogo interesse a parlÓ de robe che i massoni stessi era i primi a nun avÚce voja da falo sapÚ in giro. Invece, interessanti 'n bel po' Ŕ j articuli che parla del cuinvugimento dela massuneria ancunetana ntÚi muvimenti prima liberale e dopo ripublicano.

Ancona Ŕ na citÓ ndˇ pe' diverzo tempo Ŕ parzo che la strada dela storia avria puduto pijÓ na direziˇ 'n po' diverza da quela che invece ha pijato davero cul'UnitÓ d'Itaglia soto le inzegne d'i Savoja. C'Ŕ state tante idee, dimo cuscý, "alternative", che ha fato preferý prima Garibaldi e Mazini a Caure, e la Ripublica a Vitorio Emanuele, po' ha fato spÓnde de fuga el zzeme del sucialismo e del'anarchia.

NtÚl'Otucento la massuneria d'Ancona ha incarnato ala perfeziˇ ste idee pi¨ radicali, ma quantu Ŕ scatato el zzeculo novo, el Novecento, le strade dela massuneria e dele idee rivuluziunarie s'Ŕ separate. Questo Ŕ stato un guaio grosso, perchÚ la burghesia Ŕ diventata pi¨ reaziunaria, e invece le idee nove s'Ŕ incanalate ntÚl marxismo, che po' se sa che bruta fine jÚ farÓ fÓ la storia. Fatu sta che, quantu 'riva el Duce, la massuneria giÓ fa rýde e nun Ŕ n'ustaculo al fascismo.

'Ncora che nun Ŕ propio el libro che cercÓmi, dýmo pure che n'opera cuscý mancava e che anzi ce ne vuria ancora. Si non altro, Ŕ un libro che fa andÓ el cervŔlo, che de sti tempi de reaziˇ, Ŕ na roba rara.

 


Torna al'indice d'i libri