a cura de Pieru Rumagnoli

 

La muneta grega d'Ancona

 

 

La muneta grega d'Ancona

 

Prima da cuminci a discre de quela che una dele testimugnanze pi intighe e misteriose dela Cit nostra, duvmo ricurd a tuti, ancora ai pi sumari, el perch Ancona se chiama cusc... me pare fadiga spregata, perch el duvria sap tuti, ma mejo and sul sciguro.

Ancona deriva dala parola grega ANKON che vle d "gomito". El perch de stu nome facile da cap si dmo na smiciata al prufilo dela costa adriatiga dale parti nostre. ANKON in letere greghe se scrive: Alfa Gamma Kappa Omega Ny, che s propio le 5 letere magighe che se vede int sta muneta.

Sta misteriosa muneta cunusciuta in apena 14 esemplari: 2 al Museo d'Ancona, 4 al museo de Berlino, 1 ciascuna ntj musei de Londra, Glasgow e Torino, e 5 in culezi private.

Da na parte ci na testa de dna, cu' na curona che pudria esse de mirto, girata dala parte de destra, cuj urechini e cui capli racolti dietro ala zzoca. Dal'altra parte c' 'l bracio piegato che ad diventato 'l zzimbulo dela pruvincia d'Ancona. Ntla m, stu bracio ci 'n ramo che frzze de palma. In basso c' la famosa scrta ANKON in carateri greghi.

De sta muneta se sa pogo o gnente. Sula data i studiosi ha fato sempre a cagnara. El pi famoso de tuti, che era gnentedemeno che 'l todesco Mommsen, pratigamente 'n'enciclupedia Trecani del'antighit, penzzava che supergi pudeva esse stata cuniata fra 'l 290 e 'l 268 avanti Cristo, e nialtri j duvmo d rta a stu capisci.

Nun ze sa 'l perch, ma sta muneta ci na gran variet de peso, fra pogo pi de 4 grami e meze a guasi 8 grami. El metlo 'l bronzo. Stu discorzo del peso variabile lascia penz che sta muneta stata cuniata in periodi diverzi: defti capitava spesso che 'l peso dele munete seguiva al'andamento del valore del metlo. A Siracusa pr'esempio, che senzza dubio stata la madrepatria dj culni greghi che arivati in Ancona, stu fato capitava spesso.

Nun cunusciuto assulutamente el valore de sta muneta e nmanco s' mai visti multipli o soto-multipli. Dopu che i studiosi s' danati l'anima cun tute le ipotesi pussibili, ha cuncluso b na signora che na sessantina d'ani fa scriveva: "Il pezzo non ha multipli n sottomultipli... questo bronzetto fa parte del gruppo notevole e vario di monete di bronzo di sistema greco, monete divisionali spicciole, di valore puramente nominale, che vennero coniate da numerosi centri della penisola, nel quarto e terzo secolo a.C., fra le quali il gruppo pi ricco ed importante quello di Neapolis Campaniae (ciu Napuli)"

De chi sar la zzoca de dna? Era molto cumune ntle munete greghe de qui tempi. Se penzza a Afrudite, la dea Venere dj antighi Rumani, che in Ancona era venerata 'n bel po', tant' vero che nd ad c' 'l Dmo, ai tempi antighi c'era el tempio de Venere Euplea, che prutegeva ai naviganti (euplea in grego vle d: "dela bona navigazi").

Pi semplice el discorzzo del gomito. I greghi era queli che ci penzzato per primi, ma ancora i Rumani su sta facenda nun faceva na piega: "Ancona adposita promontorio Cumero in ipso flectentis se orae cubito" diceva Plinio; vuleva d che Ancona mesa sul prumuntorio del Conero, nd che la costa se piega a gomito.

Pi chiaro ancora Pumponio Mela che diceva "Illa in angusto duorum promontorium ex diverso coentium inflexu cubiti sedens, ideo a Graiis dicta Ancon". Traducmo: "Quela cit mesa nt qul posto strto nd che s'incontra d prumuntori che formane 'n gomito piegato, e pe' stu mutivo i Greghi la chiamane ANCON".

De grego in Ancona c' armaste solo sta muneta e le fundamenta del tempio de Venere sotu al Dmo.

Nialtri ma pr, andmo fieri de ste urigini greghe, che ala cit nostra j'ha dato nun zzolo l'incunfundibile sapore mediteraneo che ci e la voja de vard sempre verzzo 'l mare, ma 'ncora e' spirito libero e tignoso che ciavmo sempre avuto in domila e trecento ani de storia. A nialtri d'Ancona, Roma antiga ce mte rispto, sc, ma me racumando, mantenmo le distanzze, perch smo gente de mare e no de tera, gente grega e no latina. Chiaro, no?

 

Nota: se ringrazia el Circulo Filateligo Numismatigo Dorico e 'l zzignor Giorgio Casagrande che ntl 1985 ha publicato el libric: "La monetazione di Ancona all'epoca della Colonizzazione Greco-sirausana", 'n po' palosto da lge, ma indispenzzabile per cunosce b sta storia (e 'ncora per fme scrve ste quatro sciapate).

 


Torna al'indice