la "Crica Onori" al'esterno del CafŔ Gareli
sta a studiÓ el prossimo scherzo

La Crica de Onori

 

La famosa "Crica"c'aveva na sede guasi uficiale al "CafŔ Gareli" tanto che el 3 Aprile 1916 quanto cinque aruplani 'ustriaci hane bombardato Ancona, ntÚ l'elenco d'i feriti c'erane dˇ componenti della crica: Oscar Onori e MosŔ Coen, racolti tra i tavulini del cafŔ. Oltre a Oscar Onori diverzi altri bontemponi facevane parte dela crica: Curado Murpurgo (deto "Maometo"), Enrico Belavigna ("Richetý de mama"), Nuveli, Alfieri, "Verigola", ecc.
Questo uno d'i scherzi:

"Un giorno Scarincio, fachý del porto, specialista pel stucafisso, n'aveva preparata a casa sua Ĺna bela teja cu le patate che pudeva bastÓ pe pi¨ de ventiperzone. Sicome duveva surtý de casa, lassa ditu a la moje: guarda, Cesira, ch'Ó da vený uno a piÓ la teja... dajela, che l'anamo a magnÓ in cantina, che dopu iu vagu lÓ diretu.
La crica de Onori, saputu el fato, manda s¨ uno a piÓ sta teja de
stucafýssu. Cesira, pureta, se crede ch'e l'amicu incarigato dal marito, ce casca e jÚ la dÓ!... El poru Scarincio e i altri qula sera Óne spetato un bel p˛ e nun Óne magnato gnente... intanto che intun'antra cantina c'era chi se lecava i bafi!
Per la veritÓ bisogna dý che la crica faceva i scherzi, sci, ma ripagava i dani e cuscý a casa de Scarincio el giorno dopo Ŕ rivato un cesto cun tre bei stucafýssi de prima qualitÓ, le patate, i udori, e la butija d'ojo pel condimento pe rifiÓ qula teja che disgraziatamente era... andata a male! 

E c'era pure un biglietý copiato paro paro da Ceriago:


Eviva el stucafisso!

Non solo per la festa de la panza,
nemeno per la pesta o prel sapore,
per 'sta bontÓ che te fa tanto unore
t'avemo dato la citadinanza.
Te ripresenti ormai Ĺna tradizi˛,
sei un amico per nˇ,
sei l'anima gemela,
ciai qualcosa de grande che Ĺfratela
e, nun cel z˛ com'Ŕ, davanti a te,
sentimo de volÚce tuti bŔ!"


Per turnÓ al'indice clica sopro el titulo