Sbandavapori (a sinistra) inzieme al'indimenticabile Giorgio Ochiodoro

Sbandavapori

 

Pure ogi ch'Ŕ sparito da 'n pezeto, Ŕ uno d'i supranomi pi¨ ricurdati d'Ancona vechia, tra la gente del porto ma nun zzolo.

Tipigo purtuloto, Aldo Cesaroni, classe 1900, dunatore del zzangue (in tuto n'ha dati 120 litri!!!), anarchigu pi¨ per inzuferenza de suprusi che per idee pulitighe, tanto forte e rubusto quanto bono e pacifigo, generoso cun tuti queli che ciaveva bisogno de na mÓ, deve stu bel sopranome a'n fato che j Ŕ capitato.

Al porto i fachini stavane a scarigÓ 'n vapore de garbˇ; i fachini passavane sopra na passerela fata cule tavule in modo che dal vapore andavane diretamente drento ai vagoni a scarigÓ i sachi.

A 'n certo punto uno d'i fachini j ha sbigiato 'n piede, e stu poro fiolo Ŕ cascato drito filato ntÚl'aqua, tra el vapore e el molo.

E' spazio era pogo, e sicome c'era pure la mareta, el vapore se smuveva in qua e in lÓ, e rishchiava de sfragne qul pureto, che urlava dala paura.

Aldo alora ha piantato i piedi sul molo e la schina sul bordo del capore e cun tuta la forza che ciaveva adosso ha tenuto la nave distante dal molo finchŔ i cumpagni nun Ŕ riusciti a tirÓ su qul pureto ch'era cascato ntÚl'aqua.

Cuscý tuto Ŕ fenito bŔ, cu' na bela bevuta de vý che ha fato passÓ la cagona a qul pureto ch'aveva rischiato de murý ciacato.

Da qula volta Aldo Cesarˇ per tuti Ŕ diventato "Sbandavapori".


Per turnÓ al'indice clica sopro el titulo