Questo era Spacamele

Spacamele

 

"Spacamele": un perzunagio "capemontese" guasi da legenda! Chi era "Spacamele"? Intanto era un fachý, cume se vede ntÚla futugrafia qui soto, in mezo al grupo cul camigioto bianco e la paieta ntÚla testa, circundato dai culeghi.

Dutato de na forza eceziunale, pure se ciaveva 'n fisico nurmale, Ŕ riuscito a rege sula testa tre sachi da un quintale uno sopro l'altro, pi¨ un fiolo sopra i sachi.

El sopranome iÚ veniva dala capacitÓ de spacÓ na mela stregnendola tra dˇ dÚti de na mÓ, l'indice e el medio.

NtÚ qul'altra foto se vede i musculi pussenti e sopratuto el colo tuto d'un pezo, che ce fa crede a quelo che la gente racuntava e ciuŔ che "se meteva e se cavava la camigia senza sbutunÓ el coleto e senza scioie el nodo dela gravata!"

A "Spacamele" (che po' sarýa Dante) iÚ piaceva 'n bel po' la musica lirica e era 'n grand'intenditore; nun mancava mai ale opere che veniva date al Teatro dele Muse, e viene ricurdato come l'ultimo "capoclaque".

Ma in via Astagno "Spacamele" era la cantina, na cantina frequentata dai capedemuntesi e da gente d'i altri rioni.  A Dante l'aiutava la moie Ersiglia, deta "Mela", na dona picula e vivace, brava in cucina pe i piati de tripa e de stucafisso che atirava ntÚl lucale i bongustai dela burghesia media ancunetana.

Spacamele (quelo in mezo cul camigioto bianco e la paieta)

in mezo ai culeghi fachini


Per turnÓ al'indice clica sopro el titulo