Clica per turnÓ al'indice

Stampelina

 

Fratelo de Giordano el pasticere, era alto un bel po' e seco come un spý, cun dˇ gambe longhe longhe, ch'el facevane cure cume 'na gazela, ma pareva che ciavesse dˇ stampele; da qui el sopranome del "Stampelina".

Un giorno Stampelina, chi c'el sa perchÚ, je viene in mente de scrive intel muru de la chiesa del Domo: abasso el fascio!...

'Na fiuleta, che l'a visto, cure subito a fa la spia a l'atendente d'un Magiore de la Milizia che se mete a cure de dietro a Stampelina cu 'na baionetta intele mÓ!...

Capirai!... 'Na dona da la finestra se mete a stride: - CurÚ Cesira, che ve mazane vostru fiolo!... La madre de Stampelina riva intun atimo, smugina soto tera tacato al muro de la casa vicino al Domo, tira fori 'na rivoltela e spara a l'atendente tutu el carigatore!...  Pe fortuna che el soldato se salva drento 'n magazý, ma Cesira fenisce in pregiˇ arestata da le Guardie Regie.

Dopo cinque giorni, grazie anche a l'intervento del Magiore, Cesira viene liberata, sorte da la prigiˇ e va subito a casa indˇ fa 'na scenata al fiolo e cul poro Stampelina se pia pure un saco de scopoloni da la madre che je fa giurÓ da nun scrive pi¨ int'i muri anche perchÚ le cartuce de la rivoltela ene fenite, l'Ó sparete tute!!...

Cuscý, a la fine, la storia Ŕ fenita bŔ e, passata la paura, dicevane che era stata 'na scena comica!...


Per turnÓ al'indice clica sopro el titulo