A zonzo per un'Ancona che non c'Ŕ pi¨:  
Bagnanti sulla spiaggia sotto San Ciriaco

La stradina che parte all'altezza della "Casa del Boja", sotto San Ciriaco, conduceva sino al mare passando dietro il muro di cinta del Cantiere.

Vi era una breve spiaggia sassosa poi una zona di scogli che rapidamente prendeva profonditÓ sentita.  Sullo sfondo era il gruppo formato dai tre scogli maggiori: San Clemente, San Clementino e la Volpe.

Il nome di San Clemente e di San Clementino sono di facile derivazione: ricordano l'omonima chiesa che nella seconda metÓ del Cinquecento era ancora in piedi, anche s eviene prescritto che doveva essere rinnovato il tetto e si fa presente che per arrivarvi bisogna aspettare la bassa marea.  Poi, senza saper precisamente quando, la chiesa sparisce e si formano i tre scogli principali con altri meno voluminosi.

La chiesa, secondo la tradizione, era stata eretta sui resti di un tempio dedicato a Diomede, appartenente quindi al periodo pre-romano.

Pi¨ difficile Ŕ trovare la derivazione del nome dello scoglio della Volpe.  Secondo uno storico francese il porto principale era chiamato 'vulpulum' mentre quello secondario o adibito a cantiere navale era detto Arcina, da cui poi deriverÓ Arsenale.  Escluso quindi ogni riferimento all'animale, Ŕ da ritenersi che il nome di Scoglio della Volpe sia quanto rimane della memoria dell'antico porto romano. 


Da "Ancona dentro le mura" di Vincenzo Pirani - Bagaloni Editore - Ancona 1979  -  Torna all'indice di Pirani