L'Ancunetana e i cumenti de Pieru Rumagnoli

 

EFETI STRAMBULI


Legio ntÚl Bugiardˇ che l'Ancunetana ciÓ avuto l'idea bula da fÓ na partita d'alenamento cul PiÓ San Lazaro e che sta partita se saria giugata al vechio Dorico. E na mastŔla, penzzo, me possu pŔrde n'ucasiˇ del genere? E quantu tempu Ŕ che nun ce pogio pi¨ le chiape ntÚi gradoni sbruzulosi del vechio stadio sganganato ndˇ s˛ diventato grande a fÓ el tifo pele majÚte rosce?

El conto Ŕ presto fato: l'Ancona ha chiuso cul Dorico dopu avÚce giugato le prime partite del favuloso campiunato de serie A, e io nun n'ho vista nisciuna de quele. E alora c'Ŕ pogo da dý! L'ultima Ŕ stata quela del trionfo finale in zzerie B, la partita col'Udinese, cula prumuziˇ de Bulogna dagiÓ in zzacocia e cule mile bandiere biancurosce che sventulava. Na cunclusiˇ ala grande, u' spetaculo che ancora me viŔ la pela d'oca a ripenzzace: era giugno del Nuvantadˇ, era pi¨ de sedici ani che nun me metÚvo a sÚde al Dorico!
Ho penzzato, mentre che caminavo su pel Viale, chissÓ che emuziˇ! Un ciamboto cume me che ciÓ la lagrima facile, cume se mÚte a sÚde taca a piagne e nun se ferma pi¨!

Penzzavo ala retrucessiˇ cul Grusseto al'ultima giurnata del 77 cul rigore sbajato al'ultimo segondo, ai dˇ gole ala fine contro ala Mestrina, ale partite de quarta serie e ala cavalcata in zzerie A, sentivo la voce de Avio Venturini che chiamava: - Le squadre in campo! Agli ordini del'arbitro ... -, me ricurdavo in tanti pumerigi d'inverno, tuti picigati cume i moscioli ntÚla gradinata.
E invece ... miraculo! cume me s˛ meso a sŔde, dal primo mumento m'Ŕ parzzo che in quel stadio c'ero stato sempre fino ala dumeniga prima. Le porte era quele, le tribune era quele, el curvˇ unigo certo era propio l¨, el panurama dele case tute intorno e miga era gambiato pe' gnente!

DuvÚ sapÚ, gente mia, che io spesso ala note fago na serie de sogni, cume se dice, ricurenti, queli che ene sempre uguali, e uno de questi Ŕ che io sto a sÚde al Dorico a vÚde l'Ancona: l'uniga roba che gambia Ŕ che na volta s˛ a sÚde in tribuna, na volta in curva, na volta in gradinata e qualche volta quanto ci˛ pi¨ fantasia
del zzolito me capita che sto int'un zzetore n˛vo che nun l'avevo visto mai prima, ma Ŕ sempre l¨, Ŕ sempre el Dorico e gioga sempre l'Ancunetana.
Quanto s˛ arturnato a casa, mý fjolo me fÓ: - O babo, hai pianto cume 'n ciamboto tuta la partita? - e quanto ha inteso la risposta mia: - Ma cusa pianto? Ma se me pareva da esse stato lý fino ala dumeniga prima! - mý moje ha dito: - Ma certo! e' stadio tuu Ŕ quelo ndˇ ce cresci da fjolo! -

Santa d˛na: aveva capito tuto! Ma davero l'Ancona gioga a' Stadio del Conero? Miga s˛ pi¨ sciguru....
 

12 agosto 2008

Pieru

torna al'indice d'i giramenti