L'Ancunetana e i cumenti de Pieru Rumagnoli

 

 

Al mumento che scrivo ste robe, nun se sa ancora cume andarÓ a fený, ma adŔ Ŕ molto, molto prubabile che el campiunato prossimo se giugherÓ, al massimo, in zzerie C2. E questo nun saria manco 'n prublema per gente cume nialtri che la C2 dagiÓ l'ha pruvata e sa cus'Ŕ. Anzi, pudria esse la segonda oportunitÓ che ce viŔ data de ricuminciÓ da capo in modo serio.  Ma pr˛ questa Ŕ l'ucasi˛ per stapÓ le rechie a qul branco de farabuti del nord che ciÓ pijato pj fundŔli fino adŔ, inzieme a qualche pajacio ancunetÓ che j'ha tenuto de mÓ, e per dije a tuta sta gente, un gigantesco "MA ANDE' A FAVE DA' NTEL CULO!" 
MetÚmo in fila le robe e vedÚmo d'aricurdacce cus'era successo 6 ani fa, quanto int'un pumerigio l'Ancona s'era artruvata dala serie B (apena retrucessa dala A) ala quarta serie. C'era un signore, un certo Pierˇ che dopu ha magnato a gratise ntÚla menza de Muntacuto pr'un po' de tempo, che faceva l'equilibrista infrÓ finanziamenti dela lega, introiti TV, fidejussi˛ falze, prestiti vari, bufi de qua e de lÓ, finchÚ el bubˇ nun Ŕ schiupato e l'Ancona Ŕ falita: un bugio da diverzi miglioni de euri! Giusto el falimento, giusta la scumparza dela sucetÓ. C'era un certo industriale d'Ancona, che aveva spetato al'ultimo segondo pr'oprý el portafojo in modo da pagÓ el meno pussibile, e po' cul'ajuto de qualche omo pulitigo de destra, era riuscito a fÓ ricuminciÓ l'Ancona dala C2 invece che dai diletanti. Npo' cula bona cuscenza dela Lega che ciaveva ripescati in C1 dopu 'n par d'ani, e npo' cula bravura de qualche alenatore, magari pogo pupulare ma serio, erimi riusciti prima a salvacce in C1 po' adiritura a arturnÓ in zzerie B. Che nun era na roba da pogo! Intanto s'era fatu vÚde in Ancona el Centro Spurtivo Itagliano, ciuŔ l'asuciaziˇ dj Uratori d'Itaglia, n'urganizaziˇ clericale putentissima e legata a filo dopio cul Vaticano. InfrÓ i mugugni del publico nustrano, che i preti nu l'ha pudutu mai supurtÓ, l'Ancona era stata adiritura ricevuta dal Papa! V'aricurdÚ de quantu Capitan Langella aveva cunzegnato a Sua SantitÓ el gajardÚto biancuroscio? C'ero cascato ancora io quela volta, e penzzavo che sta storia pudeva fÓ la furtuna dj culori nostri! De tante cantunate che ho pijato in vita mia, questa Ŕ stata una dele pi¨ grosse!  Cul'arivo de sti pretacci, s'era fati vÚde in Ancona certi perzunagi del nord, pi¨ bituati a fÓ afari in Borza che a gestý squadre de palˇ. A poghe dumenighe dala fine del campiunato de B stÓmi pe' retrucŔde ma quel sant'omo de Salviˇ, arivato da Bergamo, aveva salvato la squadra, che giugava con dieci ciamboti e un campiˇ, e per furtuna el campiˇ era quelo che tirava fori le castagne dal fogo per tuti. El resto, Ŕ tropu fresco pe' racuntÓlo. 
E adŔ???? AdŔ se torna giˇ. E' na disgrazia? Segondo me, no! El grosso dela tifuseria nun la penza cume me e vuria vŔde sti quatro curnuti che porta avanti la Beneamata pe' n'antro ano in zzerie B, in mezo a bufi, truchi, aprussimaziˇ e retrucessiˇ scigura. Io no. Per me, Ŕ molto, ma molto mejo na squadra in C2 ntÚle mÓ de gente nustrana, che ciavrÓ magari poghi soldi e poghe idee, piutosto che dÓ in mano i culori biancurosci a dilinquenti che viŔ da f˛ri. N'antri dieci ani de serie C? E chi se ne frega! Io ho spetato trentadˇ ani per vÚde la prima serie B dela vita mia! Industriali nustrani de destra? E chi se ne frega: nialtri semo de sinistra! DÚme rŔta, ntÚl mondo del pal˛, sopratuto de quelo de pruvincia, ce v˛le gente "del teritorio". 
Basta coi ladri, basta cuj incapaci! Chiamamola ANCONITANA, ala vechia magnera, e magari turnamo a giugÓ ancora al Dorico, in C2 a fÓ el derby cul Fano!   
E ala maledizi˛ del Vaticano e dei pretacci vestiti de nero, jÚ famo na pernachia che jÚ stromba le rechie! W l'Anconitana!


 

19 lujo 2010

 

Pieru

torna al'indice d'i giramenti