L'Ancunetana e i cumenti de Pieru Rumagnoli

 

DE PROFUNDIS


La vita piena de pruverbi che fa cap che gnente dura in eterno ma tuto ricumincia da capo. Tuto, cumprese le squadre de pal. 
E' morta l'Ancona de pal. E magari campassi io centocinque ani cume ha fato lia! Chi nun more mai solo el core biancuroscio che ce purtamo dietro da quanto erimi picenini, e che passamo da babo a fjolo. Le squadre no, invece: nasce, sale de categuria, scende, e ala fine mre. 
Questo successo al'Ancunetana de nialtri, sepolta da farabuti che gnente cine a che spart cul tifo e cul giogo del calcio. 
E' cume quanto more un vechio che ha visto tuto del mondo, e nasce un fjolo picen che ancora nun sa f gnente, e la tristza dj funerali lascia el posto ala speranza e al'impegno de f cresce sto fjolo belo, aribusto e sano. 
Forza ragazi, el funerale fenito e el morto sepolto. L'andaremo a truv de tanto in tanto e j purteremo i fiori del ricordo nostro apassiunato. Ma la vechia Ancona nun c' pi. 
C' l' US Ancona 1905: nova, picenina e debule debule. Tuta nostra, tuta de nialtri!       
Na volta tanto stato m fjolo che m'ha inzegnato a camp: M'ha dito: "Babo, j sempre sugnato d'arturn al Dorico a rived giug l'Ancona, ad sucede davero! Cusa importa se cula Cingulana? Ricordate che na volta mo batuto l'Inter! Torna al Dorico chiude j ochi, ripenza al passato e penza al futuro!" Che fjolo che c'ho! 
 

24 agosto 2010

Pieru

torna al'indice d'i giramenti