AnconaNostra.com   in culaburaziˇ cu'  AnconaLine.com   e  Uacs.it  ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana  in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 7 - El famosu sparegiu cu' la Bielese

 

Bruta gente, queli a Roma
qui nun c'Ŕ propiu da ride:
pare ch'Ŕne andati in coma
che nisciuno se decide!

    GiÓ el bagnetu se faceva,
    giÓ s'andava a Portunovo
    scý', ma pr˛ nun ze sapeva
    ndˇ giugami l'anu novo.

Ala fine sŔ decisi
hane datu el gran verdeto
ch'j pudesse pjÓ la tisi!
chiaro e tondo l'hane deto.

    Salvi n'erimi pe' gnente!
    se duvea giugÓ e' sparegio
    Che nutizia, bela gente!
    Nun pudeva, no, esse pegio!

Chi era andato su in muntagna,
chi a Treviso, chi a Beluno
chi cul treno e chi a pedagna
ma nun c'era pi¨ nisciuno!

    - Svelto, pja qul celulare
    chiama tuti, sopro e soto! -
    - Ma si el devene inventare,
    cu' discori, o sciapigoto? -

AdŔ c'Ŕ el telefuný
l'esse-m-esse... na svelteza!
Sc', ma alora: "Viene aquý,
caro Alceo, taca 'na peza!"

    Eca alora Alceo Mureti
    che li trova tuti e venti
    la sardela a scutadeti
    magna dopu j alenamenti!

Ene pronti ala partita
Cu' 'na squadra piemuntese
SarÓ morte o sarÓ vita
SarÓ Ancona... o la Bielese?

    NtÚl ricordo ancora brila
    sci stu grande risultato.
    Digo solo che in domila
    fino a note ha festegiato!

pr

 

Fenisce la segonda guera mundiale, e Ancona Ŕ tuta da ricustruý. La situaziˇ dela CittÓ nostra era tragica e uno pudria penzÓ che nun c'era el tempo da dedicÓ al palˇ...e invece no! El populo nostro Ŕ sempre stato tignosu 'na muchia e a na tradiziˇ gluriosa e solida cume l'Ancunetana nun ce vuleva rinunciÓ. E p˛, era tanta la voja de ricuminciÓ dacapo e de divertisse 'n po' ala fine dela guera...
E cuscý, fadigosamente ma cun tanto entusiasmo, la dirigenza del'Ancunetana s'era data da fÓ. El "papÓ" del'Ancunetana del dopuguera Ŕ stato Armandu Fereti, che ciÓ messo tanta de qula voja e de qula tigna pe' rimette in piedi 'sta squadra, che ala fine c'Ŕ riuscito, e l'Ancunetana Ŕ stata una dele poghe squadre in Itaglia giÓ in grado da disputÓ el primo Campiunato dopu la guera, ciuŔ la stagiˇ 1945-46.
Io me ricordo che quantu l'Ancona era andata in zerie A ntel 1992, c'era qualcuno che diceva che, a dý el vero, na stagiˇ in zerie A l'emi giÓ giugata. MbŔ... dimo che questa Ŕ na bugia inteligente. ╚ na bugia perchŔ nun ze pole dý che ala ripresa del campiunato ce fosse subito le serie A e B; Ŕ na veritÓ se penzamo che, per decisiˇ de Fereti, l'Ancunetana aveva chiesto de partecipÓ al Campiunato misto A e B. Sta roba mischiata era venuta fori perchÚ la situaziˇ del'Itaglia era talmente incasinata, che nun c'era la pussibilitÓ d'urganizÓ na serie A e na serie B: la Federaziˇ aveva fato na specie d'apelo e chi rispundeva giugava.
Fereti s'era dato da fÓ na muchia e, cu 'n zzacu de dificultÓ era riuscito a ritruvÓ guasi tuti i giugatori de prima dela guera (e cusa penzÚ vujaltri?... che a qui tempi c'erene i celulari e se pudevane rintraciÓ i giugatori cuj SMS ?!? o sciapi!). L'Ancunetana ripartiva cume Ancunetana e basta, la fusiˇ cul'Emiglio Bianchi nun ciaveva pi¨ senzo, e la majeta era arturnata bianca e roscia.

Come alenatore era stato chiamato Picini, un tuscano che aveva passato da 'n pezo la trentina ma che, se serviva, pudeva ancora giugÓ... e serviva spessu... Era 'rivato ancora 'n purtiere longo longo, da Varese, che se chiamava Busani. Cuscý l'Ancunetana disputa el campiunato misto de serie A-B, girˇ centro-sude. El risultato miga Ŕ stato 'n granchÚ, perchÚ semo rimasti ntel'ultima pusiziˇ, dal'inizo ala fine. Nove punti su venti partite... 'n po' pogo. Unica sudisfaziˇ, la dopia vitoria contro la Lazio, dˇ a uno al Dorico e uno a zeru a Roma. La gente ma pr˛ se rendeva conto che forze nun era el caso da fÓ prugeti in grande: cun tuti qui squadroni nun c'era gnente da fÓ e era mejo stÓ boni in zerie B.
Per la stagiˇ dopo, 1946-47, arivane un par de giugatori che sarane impurtanti: Astore Catabrini, un difenzore cativo 'n bel po', che era 'n ancuneta' che giugava a Milanu, e... 'n milanese che avria giugato in Ancona: Redaeli, pescato ntÚla ProSesto, che era n'ala destra. Impurtante ancora "Mimý" Conti, fratelo de "Serafý" che avemu giÓ cunusciuto. E in pi¨ c'era la cunzacraziˇ de 'Roldo Culesi cume titulare in porta. La serie B era divisa in 3 gironi: in quelo de l'Ancunetana c'erene 21 squadre e a fine stagiˇ l'Ancunetana era arivata sedicesima. Pareva che fosse salva, ma salva nun era, perchÚ in Federaziˇ avevane deciso de riduce la serie B a dˇ gironi invece de tre, solo che nun se riuscivane a decide quante squadre ce duveva avÚ ogni girˇ. A segonda de come se decidevane, l'Ancunetana era salva opure duveva fÓ e' sparegio cu la Bielese che era la sedicesima del girˇ del nord, e invece la sedicesima del girˇ sud era salva pe' tuta na serie de discorzi cumplicati 'n bel po' che nun ve st˛ a dý.
Inzzoma, discore de qua, discore de lÓ, passa l'istate e niantri nun zapemi se erimi salvi o se duvemi fÓ e' sparegiu: bela roba! Ala fine s'Ŕne decisi, e purtropo hane preso la decisiˇ de face fÓ e' sparegio cula sedicesima del girˇ nord, che era la Biellese. Partita seca da giugÓ a Bulogna el 31 agosto.
Prima de cuminciÓ a parlÓ de 'sta famosa partita che Ŕ rimasta uno d'i capituli gloriosi dela storia de 'sta squadra, gunfiamo el peto d'urgojo e dimo che guasi sempre (unica eceziˇ 'ntj ani Cinquanta, che vedremo), l'Ancunetana j sparegi l'ha vinti, el che vole dý che 'sta squadra ciavrÓ avuto tanti periodi bruti, ma 'ntj mumenti cruciali dela storia sua guasi sempre ha tirato fori i denti.
Alora, ntÚl mezo del'estate ariva la bruta nutizia che nun erimi salvi e che bisugnava giugÓssela cula Bielese. I giugatori bisugnava radunali tuti in freta e furia e fali alenÓ. L'alenatore nun c'era pi¨... mumento de panigo generale! Eca che dal cilindro el Presidente Bruno Batistˇ tira fori la magia che va sotu el nome de Alceo Mureti, omo famusissimo ntÚl panurama spurtivo ancunetÓ. Forte del'esperienza maturata ntÚl mondo del'atletiga, Mureti raduna la squadra e cumincia 'n prugrama fito d'alenamenti. Ariva 'diritura a dumandÓ al Presidente qualche giorno de ritiro... a Monte Conero! Erene antri tempi, e el palˇ nun era na roba scientifiga cume adŔ... e perdepi¨ subito dopo la guera nun c'erene manco tanti quadrini. Cumunque el Presidente j'Ó risposto che se serviva da andÓ a pjÓ l'aria bona a Monte Conero, cusa spetavane a partý?
La squadra ariva a Bulogna cu' na giurnata d'anticipo e Mureti porta ancora i giugatori a fÓ na pasegiata distenziva ntÚl centro storigo. Quelo che era impressiunante, era la risposta d'i tifosi ancunetani che cun ogni mezo erene 'rivati in domila a Bulogna. Duvemo penzÓ che a qui tempi, cul'Itaglia che era tuta p'r aria, ancora andÓ a Bulogna era n'aventura! E cuscý propiu in qul campo ndˇ guasi mezu seculo dopo l'Ancona avria centrato el pi¨ grande apuntamento cu' la storia, s'Ŕ realizata una dele vitorie pi¨ bule, propiu perchÚ pi¨ suferta.
La partita era cuminciata ntÚl pegiore d'i modi perchÚ al dudicesimo minuto l'ancunetano Faturini, che avrýa vestito la majeta roscia ma che alora giugava ntÚla Bielese, aveva segnato el gole del vantagio pr'i piemuntesi., superando ntÚ l'uscita el bravo 'Roldo Culesi. L'Ancunetana pareva che nun ce se racapezava pi¨ e nun riusciva a fÓ giogo, nunustante la cuntinua pressiˇ. Azioni da gole, poghe, e pure qualche brivido in difesa. I Nostri tornane ntÚi spujatoi a testa bassa, ma Ŕ aquý che se vede quantu pole cuntÓ el mister.

Se ricumincia cu l'Ancunetana che pare pi¨ cunvinta. Al ventesimo dela ripresa, cuminciane i foghi d'artificio. Readeli spedisce in mez'al'area e in mischia Mimý Conti realiza al volo mandando in visibiglio i domila tifosi. Quattro minuti dopo el giogo se ripete a parti invertite: Conti scapa via al difenzore e passa a Redaeli che mete drento el gole del 2-1. In campo uramai c'Ŕ na squadra sola, e l'Ancunetana dopu che s'Ŕ magnata n'antri tre gole, va a segno de novo al 32' con Conti. Suj spalti sucede el finimondo. Fenita? Manco pe' gnente: i Nostri sul 3-1 se rilassane e la Bielese 'corcia le distanze, p˛ sbaja un gole fato che vuleva dý i suplementari. A dˇ minuti dala fine, ma pr˛, Redaeli segna el gole dela liberaziˇ e la partita fenisce quatro a dˇ cul'Ancunetana che se salva infrÓ le scene de gioja del publico.
Quarantacinqu'ani dopo, la storia se duveva ripete, propiu lý a Bulogna... ma Ŕ tuta n'antra facenda. SpetÚ gente mia, stÚ boni, che ce n'ha da sucede ancora tante, ma cuscý tante...

 


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini