AnconaNostra.com   in culaburaziˇ cu'  AnconaLine.com   e  Uacs.it  ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana  in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 8 - I teribili fati del Doricu qul 21 dicembre 1947

 

Io stavolta ve racontu
'na facenda 'n bel po' bruta
e nun famo el fintu tontu
VeritÓ... dýmula tuta!

    Che se adŔ la gente Ŕ bona,
    se sta calma e sta tranquila,
    Ŕ per qula scupulona
    de sta a casa un ano in fila!

Per furtuna che nun c'ero,
che nun ero ancora nato!
San Ceriago, 'cendo un cÚro
a penzÓ quelu ch'Ŕ stato!

    De dicembre, era el vintuno
    de qul'ano maledeto
    Ma p˛ stÓ che aquý nisciuno
    sui tifosi ponta el deto?

C'Ŕ da dý che qul Vanini
ce l'ha cumbinata grossa:
va bŔ 'n par de scupulini,
no a cacialo ntÚla fossa!

    'Ste perzone scalmanate
    hane perzu la ragiˇ
    l'ane preso a matunate
    a qul'arbitro cujˇ.

E cuscý, squalifigati
sempre in giro pe' l'Itajia
a giugÓ no' semo andati:
Retrucessi, nun se sbajia!

pr

 

La storia dele squadre de palˇ Ŕ tale e quale come la storia dela vita dele perzone: c'ene i periudi che passane j ani e nun te sucede gnente, e po' al'impruviso te capita de tuto ntÚl giro de poghi mesi. El 1947 se ricurderÓ come na pietra migliare dela storia del'Ancunetana perchŔ in meno de quattro mesi, dal 31 agosto al 21 dicembre, 'sta squadra Ŕ passata da uno d'i mumenti pi¨ esaltanti al'episodio pi¨ neru dela vita sua. La storia che ve sto per racuntÓ Ŕ sculpita ntÚla mente d'i tifosi pi¨ anziani: io a qul'epoga ancora nun ero nato, ma mi socero bonanima, che qul tremendo 21 dicembre a' Stadio Dorico c'era, me racuntava che 'na roba cuscý spaventosa int'un campo de palˇ, l¨ nun l'aveva vista mai e nun l'avria rivista pi¨.
Dˇ setimane dopu e' sparegio cula Bielese, nun emi ancora fenito da stapÓ e' spumante, che giÓ ricumincia el campiunato de serie B. Era 'na serie B che se presentava dificile na muchia, perchÚ la ristruturaziˇ che aveva custreto l'Ancunetana a giugÓ e' sparegio cula Bielese, ancora nun era fenita: da tre gironi erimi passati a dˇ, ma l'ano dopu se duveva passÓ a uno solo. E alora, la prima de ogni girˇ saria andata in zerie A, e solo quele che se clasifigavane dal zegondo al setimo posto sariane armaste in zerie B; tute le altre, giˇ in zerie C. La cuncurenza de l'Ancunetana era teribile perchÚ c'erene squadroni come el Palermo, el Pisa, el Pescara e l'Empuli.
El campiunato nun era cuminciato be' perchÚ l'Ancunetana aveva perzo la prima partita a Rieti. Dopu, c'era stata n'altalena de risultati boni e meno boni, che avevane purtato al'esonero de l'alenatore Picini dopu poghe dumenighe. Al posto suo era stato chiamato 'n alenatore friulano che se chiamava Curbiˇ (Corbions), e i risultati s'erene visti subito. L'Ancunetana nun era 'na cativa squadra e s'era ancora rinforzata parechio, pr'esempio cul'atacante Mangulini (Mangolini) che segnava 'n zzacu de gole.
Era 'rivato in Ancona ancora Faturý, l'autore del gole dela Bielese ntÚ sparegio... Bielese scý, ma pr˛ l¨ era un pianarolo purusangue! S'era fatu male 'Roldo Culesi che jÚ tucato de stÓ fori per dˇ mesi, ma per furtuna Úmi presu 'n purtiere de riserva veneto che se chiamava Lunghý (Longhin) e che se dimostrava al'alteza. Cul gambio d'alenatore, l'Ancunetana aveva ricuminciato a risalý la china e a infilÓ diverzi risultati utili che l'avevane purtata subito soto ale prime. InfrÓ le quali, c'era el Pisa.
Eca che arivamo ala data pi¨ tragica de la storia de' stadio Dorico: el 21 dicembre se giugava cul Pisa 'na partita che pudeva significÓ el primato. Sta partita era stata carigata ntÚ na magnera spaventosa per tuta la setimana. A dirýgela viene mandato l'arbitro Vanini de Bulogna, un nome che quantu la gente anziana el sente numinÓ jÚ viŔ un brivido giˇ pe'l fil de la schina. L'Ancunetana cuj arbitri nun ciÓ avuto mai tanta furtuna, ma uno cuscý sumaro come Vanini grazie a Dio c'Ŕ capitato 'na volta sola... e nun Ŕ pe' giustificÓ quelu che Ŕ sucesso, Ŕ solo per dÓ a ugnuno le colpe che jÚ speta.
L'Ancunetana entra in campo nervosa e cuntrata, se capiva subito che la tenziˇ nervosa era tropa. El giogo nun se riusciva a custruý, i giugatori erene falosi e un par de decisiˇ cervelotighe de Vanini avevane fato cresce el nervusismo sia in campo che suj spalti ndˇ c'era u' sfragelo de gente. Ala fine del primo tempo l'arbitro s'inventa 'un rigore assurdo a favore del Pisa che porta i tuscani in vantagio: la gente incuminciava a scalpitÓ e c'era giÓ qualcuno che se 'tacava ntÚla rete de pruteziˇ. Cumincia la ripresa e el Pisa radopia cu'n gole segnato in clamuroso forigiogo. I pi¨ scalmanati vienene tratenuti a stento. L'Ancunetana se buta in avanti a testa bassa ma solo a cinque minuti dala fine riesce a curciÓ le distanze. Ma el pegio duveva arivÓ: ntŔl disperato assedio finale Mangulini, che stava per zegnÓ, viene sbatutu per tera: era 'n rigore clamuroso ma Vanini invece de fischiÓ el rigore... fischia la finedela partita in anticipu! ╚ stato come dÓ fogo a 'n barile de benzina: dˇ-trecento esagitati sfondane la rete de recinziˇ e se mÚtene a cure dietru al'arbitro fino a drento aj spujatoi. Nunustante l'intervento dela dirigenza del'Ancunetana che faceva de tuto pe' prutege l'arbitro, i pi¨ scalmanati Ŕne riusciti a entrÓ ntÚ spujatoio del'arbitro e j hane datu 'n zzacu de bastunate. El poru Faturý era riuscito a fermÓ al'ultimo mumento un mato che ciaveva na pietra infrÓ le mani e che vuleva spacÓ la testa al'arbitro. E nun era fenita perchÚ ancora de fori, quantu stavane pe' carigÓ l'arbitro ntÚl'ambulanza, c'era stato uno che era riuscito a tiraje 'na matunata. "Un macelo, el finimondo..." raconta Pepˇ Chiapela, famosu alenatore dela Fiurentina, che qul pumerigiu era lý che giugava cul Pisa, e raconta che c'era tantu casý che l¨ s'era nascosto drent'un cesso che c'era vicino ala tribuna e c'era armasto chiuso drento per pi¨ de 'n'ora!
D'i fati del Dorico purtropo ne parlava tut'Itaglia e tuti s'aspetavane 'na puniziˇ tremenda. Ma la stagiata che Ŕ arivata Ŕ stata pi¨ pegio de quel che ce se spetava: Ŕ stata spaventosa! Dˇ ani de squalifiga al Dorico! La SucetÓ aveva fato subito ricorzu, e diceva che se la dirigenza del'Ancunetana nun ze faceva in quatro - cume aveva fatto - l'arbitro el mazavane de sciguro. E che cumunque qul'arbitru n'aveva cumbinate talmente tante che ala gente j'aveva fatu perde el lume dej ochi... E in pi¨ s'era 'giunto ancora el "gialo dela schedina". DuvÚ sapÚ che propiu quela dumeniga era la prima volta che l'Ancunetana cumpariva ntÚla schedina dela SISAL (el Totucalcio de qula volta) e che 'ntÚ spujatoio del'arbitro era venuta f˛ri 'na schedina cu'n bel "dˇ" segnato su Ancunetana-Pisa, e c'era ancora n'antru "dˇ" su 'n'antra partita che duveva esse arbitrata da 'n bulugnese amicu de Vanini.
Nialtri a tute 'ste storie nu jÚ vulemo dÓ reta. Dimo le robe cume stane, e ricunuscemo che qula volta el publico del Dorico l'ha cumbinata tropu grossa.
El ricorzu del'Ancunetana era stato acolto e la squalifiga ridota da dˇ ani a uno. Sempre 'na stagiata bruta 'n bel po', cumunque. Tocava giugÓ tuto el resto del campiunato in trasferta, e ancora un bel pezetý de quelu dopu.
La reaziˇ dela squadra Ŕ stata cumuvente: la dumeniga dopu i Nostri Ŕne andati a vince a Empuli, p˛ in campo neutro a Firenze - el giorno dela Befana del 1948 - davanti a quatrumila sustenitori l'Ancunetana ha fatu fori el Palermo. La dumeniga dopo, trisse a Pescara. Ma la tenziˇ de duvÚ arivÓ infrÓ i primi sete a giugÓ in giro pel'Itaglia com'i pelegrini era tropa e ntÚl girˇ de ritorno s'Ŕ fata sentý. I Nostri hane giugato le partite "interne" a Arezzo, a Rimini, a Jesi, a Macerata, a Fermo... Pudemo dý tranquilamente che l'ano de squalifica ha fato mancÓ al'Ancunetana el traguardo d'armanÚ in zerie B. Scý, ma pr˛ Ŕ servito ancora pr'inzegnÓ ala gente che c'Ŕ un limite a tuto. Sci, perchÚ duvemo dý grazie a qul'ano de squalifiga se ogi ce pudemo vantÓ de esse tifosi del'Ancona e de nun esse come queli de certe squadre del'Itaglia - del sude e del nord, perchÚ de cativi ce n'Ŕ dapertuto! - che invece che ultrase Ŕne cialtroni. A Vanini, ma pr˛, nun el vulemo ringraziÓ. Pudemo solo sperÓ che tuti i colpi che j'ha mandato la gente nostra nun Ŕ 'rivati a segno, perchÚ l¨ tute le capele ch'aveva fato qul giorno l'ha scuntate subito!

 


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini