AnconaNostra.com   in culaburaziˇ cu'  AnconaLine.com   e  Uacs.it  ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana  in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 11 - J ani del girˇ centrale dela Serie C

 

Arturnamo in terza Serie:
nun sucede guasi gnente!
se pudria andÓ ancora in ferie,
nuvitÓ nun ze ne sente!

    Nun te movi propiu pi¨
    cara nostra Ancunetana,
    nun vai pi¨ nÚ su nÚ gi¨,
    vai a giugÓ sempre in Tuscana!

Ene i tempi, amighi cari,
dela serie C centrale
nun c'Ŕ j urli, nun c'Ŕ i spari
Ŕ tranquila, nun Ŕ male!

    C'Ŕ el Livorno, la Luchese
    e de derby ce n'Ŕ tanti:
    Pisa, Siena e Pistujese
    sempre loro, nun c'Ŕ Santi!

A dý el vero c'era n'ano
che pareva guasi fata
ma i Cajaritani ciano
le mÓ ntÚla marmelata!

    C'Ŕ da dý che la salveza
    n'ano l'Úmu presa al volo
    Che la C nun Ŕ mundeza
    cel zzapevo giÓ da fjolo!

Dice el nostro dirigente
ch'jÚ bastata la lezi˛:
de quadrini, poghi o gnente
poga Ŕ pure l'imbizi˛!

    Ce'l zapÚ cusa ve digo?
    'stu capitulo Ŕ nujoso
    e io alora nun fadigo,
    e io alora me riposo!

pr

 

Visto che questu Ŕ de sciguro el capitulo pi¨ nujoso dela storia del'Ancunetana, vulemo cuminciÓ el raconto cu' 'na partita 'n po' diverza dal zolito, cuscý ce famo la boca bona e ce preparamo mejo a digerý i tanti ani de seguito che l'Ancunetana ha giugato in zerie C senza andÓ nÚ su nÚ gi¨... Sta partita Ŕ quela ch'Ŕmi giugato el dˇ de giugno del 1958 cu' la Juventuse campiˇ d'Itaglia, per pudÚ festegiÓ mejo el ritorno in zzerie C. Era chiaro che Carletu Parola, che era papa e cicia cula Juve che in 'sti ultimi ani ciaveva rifilato de tuto, giuvinoti de bele speranze e vechioti d'esperienza, ce teneva a fÓ bela figura cuj amighi sui e ancora cula dirigenza del'Ancunetana. I giurnali del'epuga Ŕne pieni de testimugnanze de 'sta partita che fa capý bŔ quantu la gente d'Ancona ciaveva voja de vedÚ giugÓ a palˇ le squadre serie e no el Pertigara (... cun tuto el rispeto che el Perticara se merita!).

C'Ŕne 'n zzacu de foto de biancuneri in giro pr'Ancona, e niantri avemo scelto questa, ndˇ se vedene Sivori, Charles, e n'antru po' de giugatori famosi giˇ pe' la scalinata del Passetu. La partita s'Ŕ giugata int'un Dorico pieno de u' sfragelo de gente, e la Juve ciÓ fatu la beleza de sei gole.

Ma adŔ bisugnava penzzÓ al campiunato de serie C 1958-59, girˇ meridiunale. Parola aveva tenuto la squadra supergi¨ cume l'ano prima, cula gionta de 'n par de rinforzi impurtanti. Parlamo de Mantuvani, 'na mezala, e de Ramboti, un terzý che se sganciava spesso in avanti: tuti dˇ dopo s'Ŕne rivelati acquisti boni. Alora: se cumincia a Napuli, ntÚl campo dela Cral Cirio (bela roba: dal chinoto semo passati ai pumidori!)

╚ stato n'esordio bulo 'n bel po' perchÚ Úmi vinto quatro a dˇ. I galendari qula volta me sÓ che li faceva no el cumpiuter, ma la Sor'Alvira, perchÚ ala segonda giurnata c'era n'antra trasferta, a Fogia: Ŕmi perzo dopu esse andati in vantagio. Seguiva 'n po' d'alti e bassi, ancora si la clasifiga generale nun era malacio. Quantu nisciuno se l'aspetava, sucede 'na roba incredibile: Parola nun se fÓ truvÓ aj alenamenti, pja la machina e scapa via a Turino! Cusa jÚ sarÓ successo veramente a st'omo qula volta, nun z'Ŕ capito mai per bŔ. Fatu stÓ che mentre la SucetÓ mandava i telegrami e j espressi a Parola pe' dije da nun fÓ ╚ sciapo e turnÓ in Ancona, intanto la squadra la pjava ntÚle mÓ l'alenatore Mirko Veroli, che ntj ani prima era stato un giugatore brau e fedele del'Ancunetana. E aveva fatu el duvere suo propiu bŔ, perchÚ l'Ancunetana aveva batuto la Regina (scý...la regina de cope! Oooh... ve dŔ na svejata?) per dˇ a zere. Parola aveva mandato a dý che l¨ era andato via per mutivi de salute, ma ce 'l zzapevane tuti che era 'na scusa. C'Ŕ da dý, ma pr˛, che la crisi de Parola, dopu 'n par de setimane, era fenita e Carletu dimostrava d'avece 'na gran voja de turnÓ in Ancona, e questu fa diventÓ ancora pi¨ misterioso el mutivo perchÚ era fugitu via. Al Curiere Adriatigo, Carletu aveva rilaciato 'na dichiaraziˇ ndˇ diceva che davero lu' era stracu (ogi se pudria dý: "stressatu"...) e che ciaveva bisogno da pjasse qualche giorno de vacanza. Ma erene parole "de circustanza" ... sotu sotu, qualc˛ che nun andava bŔ ce duveva esse.

Cumunque, sempre in autuno, ariva 'na nutizia bona: l'arivo de Anuvazi, 'n grande mediano ecse del Mila e dela Naziunale, fˇrze un pugheto avanti cuj ani; ma che stava bŔ l'ha dimustrato subito ntÚl debuto a Trapani (paregio) e supratuto la dumeniga dopu in casa cul'Aquila, batuta pr'unu a zeru propiu cu'n gole suo.

L'Ancunetana andava avanti a centru clasifiga, e ancora si ntÚl girˇ de ritorno Úmi perzu qualche partita de tropu e de gole la difesa n'aveva 'ncassati 'n po' tanti, la salveza nun Ŕ stata mai in discussiˇ. Ala fine semu rivati undicesimi.

El prublema vero, era l'alenatore, perchÚ se capiva che vuleva andÓ via.

E tira de qua ů e mola de lÓ, Parola ala fine Ŕ andato via per davero: el belo Ŕ che nisciuno Ŕ riuscito a capý bŔ ndˇ stava el prublema. Cuscý, dopu 'n po' d'ani, bisugnava mÚtese a cercÓ n'alenatore novo. Pareva che n'Úmi truvato uno bulo ntÚla perzona de Capucasale, 'n barese de quarantadˇ ani che a Bari era diventato 'na specie de munumento perchÚ ntel giro de tre ani era riuscito a fÓ el miraculo de San Nicola, purtando el Bari drito drito dala Quarta Serie fino in zerie A. Capucasale era ancora laureato, inzzoma... era unu che pareva che ce sapeva fÓ. Ce sapeva fÓ tantu bŔ, che a Bari el vulevane ripurtÓ a casa, e alora l'Ancunetana, che stava a fÓ 'na stagiˇ 1959-60 tranquila, cus'ha fato? Ha fato 'na roba inteligente, che poghe altre volte s'era vista: ha pjato el mister e l'ha venduto al Bari pe' la bela cifra de dˇ miglioni de qula volta! Erimi in febraio 1960, e ala fine erene cuntenti tuti: el Bari perchŔ Capucasale pareva l'omo dela Pruvidenza e era riuscito a fÓ n'antro miraculo, ciuŔ quelo de pjali al penultimo posto e purtali a casa salvi; e niantri perchÚ Úmi purtato a casa 'n po' de quadrini e fenito el campiunato int'una tranquila sesta pusiziˇ, cul'alenatore in zegonda Monaldi, che era stato per tanti ani un giugatore del'Ancunetana e l'ambiente el cunusceva propiu bŔ.

NtÚ 'sti primi Ani Sessanta l'Ancunetana andava avanti "senza infamia e senza lode" cume diceva Dante (... era propiu Dante o era qualcun altro? Boh...! I ricordi de scola s'Ŕ svampiti...). Nun c'Ŕ tantu da racuntÓ manco pe' la stagiˇ 1960-61, cul'Ancunetana che porta ntÚla panchina un alenatore friulano che se chiamava Gimona. NtÚla pultrona del Presidente ce s'era meso a sÚde Fausto Asculi e intÚ quela de vicepresidente c'era l'aucato Ricioti, dˇ perzone iluminate che nun facevane rimpiagne l'acupiata vechia Buratý-Pauloni. L'Ancunetana de 'sti ani aveva imparato bŔ la leziˇ d'i Ani Cinquanta, e la prima roba che ce se guardava (ogi se pudria dý: "la prioritÓ"...) era i quadrini e tuta la gestiˇ 'cunomiga. Ene stati periodi propiu tranquili, ndˇ l'Ancunetana - cul'eceziˇ de 'n par de stagiˇ che 'na volta jÚ l'ha guasi fata a andÓ in zerie B e n'antra volta invece s'Ŕ salvata pel rotu dela cufia - navigava sempre ntÚl centru clasifiga de 'n girˇ che era... de centro ancora l¨, ntÚl senzo che ce giugavane tute le squadre marchigiane, umbre, tuscane e rumagnole che ce semo scurnati contro pr'ani e ani. Giugatori famosi, in 'sto periodo, nun ce n'Úmo avuti tanti, ancora si la squadra ntŔl'inzieme nun era male. La bandiera era Natalý Miserochi, po' dela vechia guardia c'erene ancora Berteto e Ramboti, e erane arivati ancora dˇ 'tacanti 'bastanza bravi che se chiamavene Facani e Piaceri. La stagiˇ 1960-61 Ŕ fenita cul'Ancunetana in quinta pusiziˇ.

E vedemolo adŔ, 'sto campiunato che guasi guasi jÚ la fÓmi a vÚncelo e che s'Ŕ chiuso infrÓ tante pulemighe che cul palˇ nun ciavevane gnente da spartý. Era la stagiˇ 1961-62 e cu 'n'alenatore novo che se chiamava Dugini, l'Ancunetana se presenta ai cusideti nastri de partenza cu' qualche 'mbiziˇ in pi¨. Erene arivati dˇ giugatori impurtanti, dˇ centrucampisti: un ligure che se chiamava Curarini e... el prufessor Baloni. Dimo prufessore perchÚ adŔ Ŕ un prufessore sul zerio, inzegna a Ecunumia e Cumercio e el cunosce tuta Ancona. L¨ ma pr˛ in Ancona c'Ŕ venuto cume calciatore, e penzzÓ che Ŕ stato ancora uno d'i mejo! El purtiere de 'sta squadra era Germano, arivato giÓ la stagiˇ prima. N'antri po' de giugatori che s'Ŕne segnalati erene Sebastiani, Toneguti e Rigonat. El debuto era stato da foghi d'artificio (a l'Ancunetana j'Ŕ capitato spesso da partý forte, vero ragazzi? Pecato che nun zempre arivamo forte cume semo partiti), cu 'n bel 4-0 sul'Empuli, che un gole el vedemo ancora in futugrafia.   La dumeniga dopu se va a Siena e ancora lý famo el boto: 4-1. Tris cul'Arezo: dˇ a uno pe' niantri. El poker tuscano el famo cul Livorno: quatro a dˇ al Dorico: e 'na madosca! Solo a Ravena l'Ancunetana se dÓ 'na calmata: se fa male el purtiere Germano e a qul pureto de Miserochi jÚ toca andÓ in porta al posto suu: Ŕ la prima scunfita. Ci'arfamo subito cul Furlý, ma pr˛ dopu ariva n'antra scunfita, bruta 'n bel po' questa, perchÚ era int'un derby cul'Ascoli, ndˇ giugava un certo Cavichia, unu che in Ancona el zentiremo rinuminÓ. Po' n'antre dˇ vitorie, cul Rimini e la Pistujese. Inzzoma, 'sta squadra pareva che finalmente jÚ la guantava. Ma pr˛ in dˇ trasferte cunzecutive in Zardegna (alora se usava spesso fÓ cuscý perchÚ j aerei custavane talmente tanto che si c'era d'andÓ dˇ volte in Zardegna, se faceva 'n viagiu solo...), arivane dˇ scunfite, cula Tores de Sassari, e cul Cajari. La penultima partita del 1961 l'Ancunetana la gioga in casa cul Cesena: 'na partita tiratissima che fenisce 1-1 grazie a 'n gole in estrŔmise del prufessor Baloni su puniziˇ, e al giorno de San Zilvestro l'Ancunetana bate 'e Spezia e stapa ╚ spumante in testa ala clasifiga. Purtropo, ma pr˛, el girˇ de ritorno Ŕ propiu el contrario de quelo d'andata: le prime quatro partite, che erene state tute vitorie, a campi gambiati diventane tute scunfite. L'Ancunetana ciÓ 'n calo de rendimento nutevole e in primavera Ŕ fori dai gioghi che contane, mentre chi se sta a purtÓ via el primato che vuria dý prumuziˇ in zerie B, Ŕ el Cajari, che invece ntel girˇ d'andata era partito male. Per furtuna, cu' 'n bel finale de stagiˇ, l'Ancunetana ariesce a fený segonda a pari punti cul Pisa, ma a quatro punti dal Cajari. Ma 'ntel mese de giugno del 1962 schiopa la bomba che nun s'aspetava nisciuno: el Cajari vie' acusato d'ilecito spurtivo: pare - dimo "pare" perchÚ le prove nun Ŕne mai zzumpate f˛ri - che c'era stato un tentativo de curuziˇ de n'averzario. In Ancona stavane a smubilitÓ tuto, e invece 'sta nutizia fa gambiÓ i piani: tuti soto a fadigÓ al Dorico pe' preparasse al'eventuale sparegio cul Pisa! Gente mia, Ŕne passati quarant'ani e nun me pare el caso da parlÓ tanto de 'sta storia del'ilecito spurtivo. ╚ andata cuscý, che el Cajari al'ultimo segondo Ŕ stato assolto - c'Ŕ chi dice che s'Ŕ mosso qualche unurevole - e alora el Pisa e l'Ancunetana s'Ŕ duvuti arimÚte tranquili. Io ve vojo solo fÓ nutÓ la diferenza de signurilitÓ fra l'Ancunetana da 'na parte, e dal'altra el Pisa e l'Empuli (che era retrucesso e che se saria salvato se cundanavane el Cajari al'ultima pusiziˇ). Le dˇ tuscane Óne fatu subito ricorzo, in Ancona invece hane dito che andava bŔ cuscý. La classe nun Ŕ acqua.

El campiunato 1962-63 Ŕ stata n'altalena de risultati boni e meno boni, cun prevalenza de queli meno boni, che ha cuminciato a stufÓ el publico, sempre in atesa de qul "zalto de qualitÓ" che nun arivava mai (e che pr'arivÓ davero, la gente duvrÓ spetÓ d'avece i capeli bianchi). A rinfogolÓ la rabia dela gente ce se metevane 'ncora le partenze a razo del'Ancunetana che ala prima giurnata faceva sempre el fogo (quatro a tre cul Cesena), un fogo che se spegneva subito ma pr˛. A fine ano la squadra s'aritruvava ntÚla mischia pe' nun retrucede e infrÓ i fischi dela gente s'Ŕ stufato ancora Dugini che cuscý ha pjato e Ŕ andatu via. La squadra la pja ntÚle mÓ l'alenatore in zegonda Renato Spurio che la porta, grazie a un bel girˇ de ritorno, ala setima pusiziˇ finale.

La dirigenza del'Ancunetana ciÓ sempre ntÚla zzoca la gestiˇ 'cunomiga, e fane bŔ perchÚ s'era visto cus'era successo ntÚj Ani Cinquanta. Cume vedene che i quadrini cumincia a scarzegiÓ, i poghi pezi pregiati del campiunario se metene in vendita. ╚ el caso de Ramboti che fenisce ala Lazio per dieci miglioni de qula volta. La "rosa" dela stagiˇ 1963-64 Ŕ 'n po' sbiaditela e i prugrami 'mbiziosi Ŕ mejo arimeteli ntÚl cassetu. E defati la stagiˇ va avanti ntÚl grigiore pi¨ tutale; io v'avevo avisato, scý o no? che questo era 'n periudo nujoso? Visto che ciavemo pogo da dý dal punto de vista tenigo (Ancunetana salva, dˇ alenatori, prima Spurio po' Piacentini) alora ve tenemo svej cu' l'episodio de Curarini, mediano de longo corzu del'Ancunetana che s'Ŕ meso infrÓ i pali a Siena dopu che s'era fatu male el purtiere. MbŔ, 'sto Curarý ciÓ preso talmente gusto a stÓ in porta che s'Ŕ tolto ancora u' sfiziu de parÓ un rigore!

Uramai la serie C girˇ centrale era diventata pel'Ancunetana quelo che pe' niantri era el Viale dela Vitoria quantu erimi giuvinoti, ciuŔ un posto che passegi sempre lý e che c'incontri sempre la stessa gente: el zolito esercito de squadre tuscane, qualche squadra rumagnola, 'n par de derby 'na volta cu la Vis Pesaro e 'na volta cula Civitanovese o cula Maceratese, e una o dˇ squadre sarde tantu pe' fÓ esotigo.

La stagiˇ 1964-65 partiva ancora lia al'inzegna d'i poghi quadrini. Visto che ce n'era poghi davero, cume alenatore c'Ŕmi meso uno che... giugava ancora l¨, ciuŔ Montico, che era arivato giÓ belo maturo diverzi ani prima. In campo, tanti giuvinoti, e nemanco de gran bele speranze. ╚ stata n'antra stagiˇ grigia 'n bel po': recorde de paregi, adiritura diecianove, e cumunque salveza tranquila. La gente era propiu stufa... miga se rendevane conto che si c'era spazio per mijurÓ, ce n'era ancora pr'andÓ pegio!

E defati la stagiˇ 1965-66 ha datu un belo scussˇ ala tranquilitÓ d'i tifosi... dal verzo sbajato, ma pr˛! PerchÚ qul'ano l'Ancunetana ha fatu le prove generali pe' la retrucessiˇ in zerie D, 'na roba che pareva impussibile dopu avÚ tucato el fondo ntÚj ani Cinquanta. El poru Montico nun ariva a magnÓ el panetˇ, se dimete a dicembre e lascia el posto a Graton, 'na vechia cunuscenza che cula majeta roscia aveva segnato u' sfragelu de reti. InfrÓ i pali qula stagiˇ giugava l'esperto purtiere Gaspari, e fra i tanti fjoli che arivane, c'Ŕ da tenÚ d'ochio un difenzore che se chiama Sauro Buneti. Era gambiata ancora la presidenza, perchÚ Ricioti aveva lasciato el postu al'unurevole Casteluci, 'na perzona molto nota ntÚle Marche, che se sperava pudesse purtÓ qualche anima bona a scugý 'n po' de quadrini pe' sta squadra mudesta 'n bel po'. El campiunato, intanto, andava sempre pegio, s'era dimesso ancora Graton e in panchina ce s'erene mesi a sÚde in dˇ: Arzeni che era l'alenatore in zegonda, e el prufessor Travaglini che era el preparatore atletigo. A 'n certo punto, pareva propiu che erimi fregati: mancavane dˇ giurnate ala fine e l'Ancunetana se truvava ntÚla penultima segiola del treno dela clasifiga. Le retrucessiˇ erene dˇ. Terzultima era la Luchese, cu' 'n punto pi¨ de niantri, ultimo el Carpi giÓ retrucesso. Al Dorico ala penultima giurnata arivava propiu la Luchese: 'na partita de fogo! L'Ancunetana tira f˛ri i denti e stende j averzari cun dˇ gole. AdŔ se duveva andÓ a Rimini, contru 'na squadra tranquila e senza prublemi de clasifiga, e ciavemi un punto de vantagio sula Luchese. Quela che s'Ŕ verificata qul ventidˇ de magio del 1966 a Rimini Ŕ una de quele situaziˇ che l'Ancunetana nun c'era tanto 'bituata a afruntÓle, ma che invece in futuro ce ne duveva capitÓ 'na muchia: de salveze al'ultima giurnata, defati, vedarÚ che ne capiterÓ ancora. Rimini nun Ŕ lontano, e se pudeva dý che i Nostri giugavane in casa perchÚ s'Ŕne scumudati in tremila pr'andÓ a fÓ el tifo int'un mumento cuscý impurtante. ╚ fenita bŔ: l'Ancunetana Ŕ riuscita a segnÓ un gole... de stinco ntÚl primo tempu, ntÚla ripresa ha rischiato de cumbinÓ 'na fritata generale ma ciÓ penzato Gaspari cu' n'intervento ala disperata. Ala fine, erimi salvi, ma nun c'era tanto da festegiÓ perchÚ 'sta squadra aveva fato 'na gran bruta figura durante l'ano. La salveza de Rimini, ma pr˛, Ŕ rimasta ntÚl ricordo de queli che ciane i capeli bianchi.

C'Ŕ na grossa nuvitÓ ntÚla panchina dorica pe' la stagiˇ 1966-67: ariva 'na vechia cunuscenza, qul 'Roldo Culesi che aveva difeso tantu bŔ la porta del'Ancunetana sia ntÚi mumenti beli che in queli pi¨ tremendi dela retrucessiˇ in quarta serie. L'Ancunetana , forte de qualche giugatore de bele speranze cume l'atacante Maseli e i dˇ turinisti Unere e Facincani, parte sparata cume sempre e s'aritrova adiritura in testa in autuno, ma pr˛ ntÚl girˇ de ritorno ralenta fino a cunclude la stagiˇ al sestu posto, cumunque un risultato bono se se cunzidera che nun c'erimi fati grandi 'spetative. Na curiositÓ de 'sta stagiˇ Ŕ la partita cul Ziena (... el Ziena c'Ŕ sempre, in tute le serie: duvria esse la squadra che ciavemo giugato pi¨ spesso...) ndˇ in panchina cume segondo purtiere - na nuvitÓ perchÚ prima nun se pudeva sustituý nisciuno - c'Ŕ un signore cula panzzeta che Ŕ ancora el Presdiente del Ziena... e induvinÚ 'n po' chi Ŕ? Nanini, el padre del pilota de formula uno che a mumenti se mazava sul'elicotero, e de Giana che canta ź'St'amore Ŕ 'na camera a gasse"╗!

Sto discretu risultatu del 1967 lasciava qualche bela speranza pela stagiˇ 67-68, speranza rinfurzata ancora da 'na campagna acquisti pi¨ rica del zolito. Defati erene arivati in Ancona dˇ giugatori che a ripenzace me viŔ un zuriseto de nustalgia... miga perchŔ erene tantu bravi, ma perchÚ Ŕne i primi giugatori che se ricorda dal vivo 'sto fjolo che adŔ Ŕ diventato grande e ve sta a scrive la storia del'Ancunetana. Parlamo de Cavichia e Busulari. El primo el pudemo ricurdÓ solu cume Cavichiˇ perchÚ era n'armadio, e perdepi¨ tirava certe sassate da sbregÓ le reti. Nun era el massimo de fineza e de stile, ma pr˛ quantu tirava l¨, o butava ntÚla rete ancora el purtiere, o cascavane giˇ stechiti 'n par de picioni.  Renato Bussulari , che in Ancona c'Ŕ armasto tanti ani, era 'nvece 'n difenzore sinistro che se sganciava spesso e che tirava ancora i rigori ('na volta e' stessu rigore l'arbitro jÚ l'ha fatu ripŔte tre volte e l¨ l'ha sbajato tute e tre le volte; Ŕ sucesso int'una partita cul Pisa). Cuj ani era diventato el capitano e la bandiera de 'sta squadra che urmai sguazava ntÚla serie C girˇ centrale cume 'n paperotu ntÚl'acqua. Busulari ciaveva 'n barbˇ che pareva Robinzon CrusuŔ e 'sta barba el faceva diventÓ ancora pi¨ simpatigo.

Nona pusiziˇ finale in 'sta stagiˇ, cul publico che se ricuminciava a inervusý e cun Culesi che a 'n certo punto ha pjato e Ŕ andatu via perchÚ diceva che l'alenatore in zegonda jÚ vuleva fÓ le scarpe (e magari era pure vero).

Ogni ano che passava, l'Ancunetana gambiava la pele cume 'n zerpente. Sta pulitiga del rinuvamento cuntinuo nun era 'na scelta, ma era duvuta al fatu che bisognava fÓ quadrÓ i conti. Dato che a qul'epoga nun c'erene perzunagi del'imprendituria lucale che ciavevane voja de pjasse sta SucetÓ e tirÓ f˛ri i quadrini, bisugnava 'rangiasse e rendese conto che la serie C pe' na sucetÓ cume la nostra era el massimo che se pudeva mÚte in piedi.

NtÚla stagiˇ 1968-69, ma pr˛, de nuvitÓ ce n'Ŕ stata una grossa, e ciuŔ el mister Giamarinaro, prelevato cun qualche sagrificio 'cunomigo dala Maceratese inzieme a tre giugatori. ╚ andata a fený, ma pr˛, che l'acquisto mejo Ŕ stato un giuvinoto biondo del'Urbino che se chiamava Albicocu che era 'u stoper preciso e sciguro: eca n'antro giugatore che me ricorda i tempi de quant'ero fjolo e stavu de casa vicino al Dorico! Era 'na squadra discreta, questa: nun era da primato, ma cumunque da quinto postu finale. De st'anata c'Ŕ da ricurdÓ 'na partita a Pistoia, fenita 1-1, quando int'una aziˇ sola, l'Ancunetana ha chiapato tre traverze de fila: l'ultima volta dele tre, su na canunata spaventosa de Cavichiˇ da poghi metri, nun s'Ŕ spacata in dˇ solu la traverza perchŔ era d'aciaro!

El famosu salto de qualitÓ che tuti vulevane, pareva che se pudeva fÓ ntÚla stagiˇ 1969-70, perchÚ ala presidenza finalmente ciariva 'n industriale, Bugaro che, inzieme cu' n'esperto cume pudeva esse Alceo Mureti (che ce fÓ ricurdÓ el grande sparegio cula Bielese...) faceva penzzÓ a fogo e fiame. Ancora ntÚla panchina ariva 'na nuvitÓ prumetente, l'ecse giugatore del Mila Mario Davide, e sul campo eca dˇ face nove... che tanto nove nun erene, dato che a mumenti ciavevane i capeli bianchi: parlamo de "GegŔ" Di Giacomo, famoso pr'avÚ segnato cula majeta del Mantuva un gole famusissimo contro l'Inter che aveva fatu vÚnce el campionato ala Juve, e de Carpanesi, un mediÓ che aveva giugato 'n zzaco de stagiˇ cula Roma. Ma ancora st'anata nun mantiŔ le prumesse, e l'Ancunetana se trova a navigÓ ntÚla bassa clasifiga. Vulemo parlÓ solo de 'na partita straordinaria giugata al Dorico cul'Empuli: quantu dopu quatro minuti de giogo i tuscani vincevane dˇ a zere, pareva che nun c'era pi¨ gnente da fÓ, e invece Cavichiˇ qula dumeniga pareva 'n rinuceronte, e riesce a paregiÓ segnando 'na dupieta. Nun basta: l'Empuli s'ariporta sul quatro a dˇ, e lý ce saria stato da mÚtese el core in pace. Ma Cavichiˇ nun se rassegna e fa el terzo gole su rigore. Ala fine, cui Nostri che se butane in avanti a testa bassa, ariva el paregio che fa zzompÓ pr'aria el Dorico. Bei tempi!Ce duvemi cuntentÓ de 'ste imprese, perchÚ la clasifiga finale nun meteva alegria: dudicesimo posto.

Tanta delusiˇ pr'i tifosi ancora ntÚla stagiˇ 1970-71, partita cun tante bele speranze e fenita cula salveza guantata ala penultima giurnata dopu che, in primavera, pareva propiu che duvemi retrucŔde. Davide aveva dato le dimissiˇ e la salveza era stata opera de qul sant'omo de Arzeni che faceva l'alenatore in segonda e ntÚi mumenti dificili duveva pjÓ sempre la squadra ntÚle mÓ. J acquisti novi s'erene rivelati un mezu disastro e solo qui dˇ pureti de Di Giacomo e Carpanesi, cul'esperienza che ciavevane, erene stati al'alteza. A metÓ stagiˇ era gambiato ancora el Presidente: adŔ c'era Giorgiu Grati, n'antro industriale cun tanta bona vuluntÓ, ma gnent'altro. Se stavane a preparÓ n'antra volta tempi duri 'n bel po' pe' l'Ancunetana. Forze, sta squadra saria fenita pe' retrucŔde ancora da sola, prima o poi. Ma chi sel'imaginava che el colpo de grazia jÚl duveva dÓ un nemico nascosto e putentissimo che se truvava sotu tera?

 


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini