AnconaNostra.com   in culaburaziˇ cu'  AnconaLine.com   e  Uacs.it  ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 12 - J ani del taramoto e del sprufondo in zerie D

 

Su na tera balerina
ciÓ piazato el Padreterno.
Tut'Ancona, el zai, purina
trema... pegio che al'Inferno!
    Erimi al zetandadˇ,
    c'Ŕ i pumpieri, c'Ŕ i sfulati,
    'ncora el campo de palˇ
    serve ai taramutati.
E cuscý l'Ancunetana
nun ce p˛le giugÓ pi¨
E ndˇ ndamo adŔ? A Numana?
Sai ndˇ ndamo? Andamo gi¨!
    Gi¨, se torna in Quarta Serie!
    Porca zoza, n'antra volta!
    Chiude 'n po', tira la porta,

    chiude tuto, 'ndamo in ferie!

pr

 

Cuminciavo a diventÓ un ragazý 'n tantiný pi¨ grandicelo, e mi' madre qualche volta me dava el permesso d'andÓ a vÚde la partita a' stadio Dorico invece da guardala dal teto de casa cul binocolo ntÚle mÓ per pudÚ ricunosce i giugatori. Nasceva a qui tempi un grande amore che saria durato per tuto el resto dela vita e che ancora adŔ Ŕ quelo che me fa tenÚ la penna... pardon... el mause... ntÚle mÓ pe' racuntÓve quanto pole esse belo fÓ el tifo pel'Ancunetana. Al'altuparlante del Dorico la voce de Avio Venturý anunciava la furmaziˇ: źLe squadre in campoooo... agli ordini del'arbitro... ╗ diceva el nome del'arbitro e niantri tuti a fischiÓ... diceva la furmaziˇ d'i ospiti e tuti a fischiÓ ancora pi¨ forte... po' na pausa bela longa, e ala fine: źAnconitana, in maglia rossa: Chiarini, Buratti, Bussolari; Briganti, Capoccia... ╗.

... Sti nomi li impari da fjolo, uno in fila a qul'altro cume le preghiere, e po' nun te li scurdi pi¨. Io me cuminciavo a rŔnde conto alora, che invece de Cudicini, Anquiletti, Scnelinghe... era pi¨ divertente stÓ dietro a Chiarini, Burati, Bussulari... perchÚ li vedevi in carne e ossi 'ncora se nun erene bravi uguale. E l'amore pel Mila, pure se a dý la veritÓ era natu prima, nun Ŕ stato mai gnente in cunfronto a quelo pel'Ancunetana.

El bon Giorgiu Grati vuleva fÓ le robe per bŔ, e s'era prucupato da purtÓ in Ancona 'n alenatore prumetente, Becheti, che veniva dala Visse Pesaro, e qualche bel giugatore novo che pudesse cumpenzÓ le varie cessiˇ che s'era duvuto fÓ pel zolito mutivo... ciuŔ quelo de fÓ quadrÓ i conti. Cuscý era arivato el purtierˇ Ivan Chiarini , longo longo, un omo che ha legato el nome a tanti ani de storia del'Ancunetana; i difenzori Capocia, Burati e Briganti che nun duvevane fÓ rimpiagne el biondo Albicocu che era partito; e 'n par d'atacanti giovini che pr˛ nun erene al'alteza de qul spacareti che era stato Cavichiˇ. Ma come al zolito, 'sta squadra era partita bŔ e po' s'era perza subito pe' strada: in autuno giÓ la clasifiga faceva piagne. Diventa dramatiga quantu l'Ancunetana va a pŔrde 'na partita fundamentale a Viterbo contro 'na cuncurente direta. Ma intanto la cittÓ cumincia a tremÓ e da genaro in avanti vive l'incubo del taramoto. La gente Ŕ terurizata e a tuto ciÓ da penzzÓ meno che al palˇ. El Dorico se trasforma da campu spurtivo intÚ 'na gigantesca tendopuli , mentre pe' le vie d'Ancona urmai se sente passÓ solo i camj d'i pumpieri.

Io adŔ opro - e la richiudo subito - 'na parentesi e ve digo a vujaltri poghi letori, che io s˛ 'bituato a divide j Ancunetani intÚ tre categurie: queli che hÓne pruvato sia i bumbardamenti che el taramoto; queli che hÓne pruvato solo el taramoto... e queli che nun zÓne cusa v˛le dý avÚce paura. Io sto ntÚla segonda categuria: al tempu de guera nun ero nato, ma el taramoto me 'l z˛ fatu dal primo al'ultimo giorno, e ve digo, ma senza ombra de dubio, che ntÚla vita mia nun ci˛ avuto mai tanta striza cume qula volta. Dito questo, se spiega perchÚ a Grati jÚ duvemo da dý grazie pr'esse riuscito a tenÚ in piedi la baracca int'una situaziˇ disperata cume quela. L'Ancunetana s'arangia ala bel'e mejo, va a giugÓ a' stadio Ruchegiani de Falcunara, riesce a utenÚ agevulaziˇ 'cunomighe che jÚ permÚtene da restÓ a gala. La squadra riesce ancora a purtÓ a casa la salveza, guasi un miraculo.

E' vero che fa bruto a parlÓ de palˇ int'un periodo cuscý, ma cumunque 'na parola la vulemo spende per parlÓ d'un centrucampista che intÚ qula stagiˇ tribulata ciÓ datu 'na bela mÓ a salvace: parlamo de Cantagali che tantu era brutu quantu era brau: era unu che cureva dal primo al'ultimo minuto e giugava 'na quantitÓ de pale da mÚte paura.

La stagiˇ nova cumincia cu' 'n mare de prublemi. Ancora la Juve ce viene a dÓ 'na mÓ, acetando de giugÓ n'amichevule al Ruchegiani, ma ce se mete de mezo ancora la piova e l'incassu nun Ŕ 'n gran che. Grati riesce a cunfermÓ qualche giugatore impurtante cume el purtiere Chiarý, e a alenÓ la squadra ce mÚte n'acupiata che costa pogo, ciuŔ el zolito Arzeni e "GegŔ" Di Giacomo. Oltro che per giugÓ la dumeniga, 'sta squadra duveva andÓ in giro pe' le Marche ancora pr'j alenamenti. Inzzoma, nun c'era gnente da fÓ: el vero averzario del'Ancunetana era el taramoto, e contro n'averzario cuscý erimi destinati ala scunfita. Nunustante qui pori diauli del presidente e d'i dˇ alenatori, nunustante le strepitose parate de Chiarý, la squadra ala terzultima giurnata retrucede matematigamente in zerie D e, quel ch'e' pegio, pare a tuti 'na cunzeguenza naturale d'i avenimenti e nun se rabisce nisciuno.

Pe' la gente cume me, era la prima volta che se spalancava el baratru dela quarta serie, che aveva gambiato nome e se chiamava Serie D, ma cumunque era sempre n'inferno. Queli pi¨ vechioti invece s'aricurdavane d'i Ani Cinquanta. Ma c'Ŕ 'na bela diferenza fra la quarta serie d'i Ani Cinquanta e questa: inanzituto, questa Ŕ durata molto de meno, e po' ntÚj Ani Cinquanta c'era stato davero el rischio da scumparý pe' mutivi 'cunomighi. Invece, fenito el taramoto, Ancona, che nun Ŕ fata de gente che se mÚte a sÚde e 'speta che j altri ce dÓne 'na mÓ, ciaveva 'na voja de ritirasse su, che Ŕ la stessa voja che ha mantenuto fino ai giorni nostri, e che j'Ó permessu de trasfurmasse da 'na cittÓ zzoza, sdrogia e scunuchiata, intÚ qu' splendore che Ŕ adŔ.

E davero era n'inferno 'sta serie D. StÚ a sentý i nomi d'i averzari novi: Belaria, Carpi, Suzara (Ŕ in pruvincia de Mantuva), Sassolo, San Lazaro (vicino a Bulogna, el cunoscerÓ bŔ queli che pjane l'utustrada...), Baraca Lugo, Catolica, Santegidiese (in Abruzo...). Inzzoma, cul'Ancunetana se pudeva dý che imparami la giugrafia perchÚ se scupriva tanti posti che el nome nu l'Úmi mai inteso dý prima... De vechie cunuscenze c'era solo el Furlý e l'Imula, e po' c'erene tuti 'sti derby che penzami da nun duvÚ giugÓ mai pi¨: cul'Alma Juve de Fano, la Visse Pesaro, la Jesina e la Pergulese. JŔso!!! Che disperaziˇ!

Grati, che el Zignore el possa benedý, resta ala Presidenza, e ntÚla panchina ce chiama un vechio "sergente de fero", Cuscela, uno che duveva andÓ bŔ per mÚte inzieme 'na squadra tuta nova, fata cun tanti giuvinoti. Unu de 'sti giovani se chiamava Camborata e veniva dala Falcunarese: un fjolo svejo, n'ala destra veloce. Po' era 'rivato un atacante che qualche anu dopu se saria trasfurmato int'un otimo libero: se chiamava Snidaro. E bisogna che ce ricordamo 'ncora de Pandolfi, che giugava in gabina de regia. Per fený, parlamo n'atimý 'ncora de Cacia, un atacante che, se pudeva, scartava ancora la surela, ma cumunque cul palˇ infrÓ i piedi ce sapeva fÓ. Nunustante la cativeria de Cuscela, ma pr˛, la squadra pi¨ de tanto nun ha fato: sempre poghi punti pi¨ indietro dele prime ma mai in zona prumuziˇ: quinto postu finale. Ma vedrÚ, cici beli, che nun c'Ŕ da 'spetÓ tanto...

Defati c'Ŕ stato da 'spetÓ n'anu solo. A Grati, la gente jÚ vuleva bŔ, ancora se l¨ de tanto in tanto jÚ pjava el magˇ perchÚ diceva - e ciaveva ragiˇ - che era solu cume 'n cÓ e che i quadrini al'infori de l¨ nu' li tirava f˛ri nisciuno. Se p˛le propiu dý che el Presidente Ŕ armasto lý a furore de populo. Visto che Cuscela sarÓ stato ancora na brava perzona ma grandi risultati nu' l'aveva purtati, Grati s'Ŕ meso d'acordo cun Facenda, alenatore ecse Rimini, cu n' esperienza da vende. Ene arivati diverzi giugatori validi: el mejo Ŕ statu Cristiani, 'n centravanti che ciaveva putenza e stile. Vienene cunfermati dˇ giugatori seri cume el terzý Cuaci e 'l mediano Inucentin. Ariva 'n bel terzino sinistro, che era ancora ancunetÓ che nun guastava: parlamo de Lausdei. Restavane in biancoroscio el purtiere paratuto Chiarý, j atacanti Cacia e Camborata e 'el regista Pandolfi. E infrÓ i novi arivi c'era un piculeto tuto pepe che se chiamava De Chiara; 'n centrucampista de vechia scola che se chiamava Deh˛, che era uno che cureva pogo ma cul palˇ ce sapeva fÓ; e per fený un'ala destra, magro cume 'n chiodo, che se chiamava Pajalonga e che quantu ingranava le marce alte nun el pjava pi¨ nisciuno. Era 'na bela squadra, e c'era 'ncora 'n bel publico. Qula volta la gente era pi¨ de boca bona d'adŔ e nun faceva tante storie: jÚ bastava l'impegno da parte dela sucetÓ e d'i giugatori che el Dorico se rimpiva e i tifosi erene cuntenti de turnÓ a casa galiti. SarÓ perchÚ io urmai ciavevo diciot'ani, e a qul'etÓ pare belo tuto, ma de qul campionato 1974-75 ci˛ 'n ricordo bulo 'n bel po'. Gole, vitorie, spetaculo: e penzzÓ che, diverzamente dal zolito, l'Ancunetana era partita male 'n bel po'! Solo che da nuvembre in poi, 'sta squadra aveva ingranato... la quinta e aveva cuminciato a cure cume 'n treno. In primavera ce se ritrovava a cumbate pe'l primato cu' 'na vechissima cunuscenza de niantri: el Furlý. Qul'ano intÚla curva - e mudestamente l'idea Ŕ stata mia - se cantava : "Sý sý serie C, sulle ossa del Forlý!" La partita decisiva era stata la penultima, a Senigaja, quantu i Nostri avevane schiantato la Vigor cu' 'n tre a zeru che vuleva dý ritorno in zerie C. Na stagiˇ bela, sulare, limpida, un ataco che faceva sfrageli cu' Cacia e Cristiani. E al lunedý ce divertimi tuti a lŔge le sciapate che el poro Sergio Ruscani scriveva ntÚl Curiere Adriatigo: ciaveva la capacitÓ da trasfurmÓ 'na partita de quarta serie int'un incontro de Copa d'i Campioni!

Pareva propiu che, artornati in freta in zerie C, la quarta serie ce la pudemi scurdÓ per zempre, ma miga era vero! GiÓ la stagiˇ 1975-76, sempre aj ordini de Facenda, era stata tuta 'na suferenza. Erimi 'rivati al'ultima giurnata a giugÓ a Ricione 'na partita che era da vÚnge per forza se vulemi stÓ tranquili, e invece l'Úmi perza. Per furtuna - perchÚ ce v˛le ancora quela 'gni tanto - qula dumeniga hane perzo 'ncora le rivali e l'Ancunetana s'Ŕ salvata pe' la diferenza reti... n'esperienza che ce mancava ntÚla storia nostra, 'ncora se Ŕne esperienze che ne fÓmo vulentieri a meno! De bono intÚ 'stu campiunato c'era stato l'arivo de 'n difenzore grintoso 'na muchia, Dante Capra, che in Ancona ce se dev'esse truvato propiu bŔ perchÚ ancora adŔ che ha meso su panzzeta, d'estate el vedemo sempre a Marceli a pjÓ el zole. L'Ancunetana, cumunque, bŔ o male s'era salvata, erene tuti cuntenti e nisciuno s'aspetava quel che invece sarýa capitato ntÚla stagiˇ dopu!

De retrucessiˇ, l'Ancunetana, pureta, ce n'ha avute tante: qualcuna Ŕ stata disastrosa, cume quela del 1951. Ma nisciuna, e de questo s˛ sciguro, Ŕ stata pi¨ alucinante de quela del 1977. E' el ricordo pi¨ bruto dela vita mia da tifoso biancoroscio. StÚ a sentý cume Ŕ andata: l'Ancunetana cuminciava el campiunato senza avÚ fatu grossi acquisti, e quindi i dubi erene tanti. C'era un alenatore novo, Luzi, che era 'fiancato dal'intramuntabile 'Roldo Culesi. Era arivato un purtiere novo che se rivelerÓ un disastro: tanto ciaveva grosse le mÓ quanto da qule mÓ el palˇ jÚ scivulava via. Se chiamava Marson... Molto mejo se sariane cumpurtati dˇ atacanti novi: unu se chiamava Berardi e n'antro era Giurdano Gali, uno dj mejo che s'era visti da tanti ani, ma che purtropo duveva legÓ el nome suu ala giurnata pi¨ nera... adŔ ciarivamo. La clasifiga nun era mai stata bona e infrÓ qualche alto e tanti bassi l'Ancunetana era arivata al'ultima giurnata che giugava al Dorico cul Grusseto, 'na squadra tranquila. Se vincŔmi erimi salvi, altrimenti era retrucessiˇ guasi scigura. Ogni tanto, ancora adŔ che Ŕ passatu un quartu de seculo, me ce svejo de note cui sudori fredi a ripenzzÓ a 'sta partita. L'Ancunetana era partita bŔ, cul'intenziˇ de chiude subito el discorzo, e ala fine del primu tempu Giurdano Gali era riuscita a segnÓ. Po', al quartu d'ora dela ripresa, era successa 'na roba incredibile: un tiro guasi da metÓ campo era stato deviato ntÚla rete nostra da un difenzore, Riva: n'autogole incredibile, de queli che nun te capita mai da vÚdeli. Alora i Nostri s'erene butati avanti a testa bassa ma el gole nun arivava mai. Intanto dale radiuline la gente sentiva i risultati daj altri campi che a uno a uno gambiavene ntÚl zenzo bruto: l'Ancunetana stava a retrucŔde. NtÚj ultimi minuti la partita se trasforma int'un assedio. Finalmente, quantu ala fine de minuti ne mancavane apena tre, Capra se buta ntÚla mischia e el sbatene giˇ per tera: rigore infrÓ le scene de gioja generale! Chi se pja la respunzabilitÓ? Sul dischetu ce va Giordano Gali, el mejo, el pi¨ tenigo de tuta la squadra, cul¨ che cui gole sui ciaveva tenuto a gala fino a qul mumento. L'arbitro fischia e el palˇ parte piano piano, che pare u' stracio zzupo. El purtiere nun pole fÓ a meno de 'rivace e armandala indietro: sula ribatuta ce se buta n'antra volta Gali ma stavolta el purtiere chiapa el palˇ. RetrucŔde in 'sta magnera Ŕ stata n'esperienza spaventosa. Io, dˇ volte ntÚla vita mia ho pianto pe' l'Ancunetana: una Ŕ stata de gioja quantu semo andati in zerie A, l'altra Ŕ stata de disperaziˇ dopu el rigore de Gali.

Se pudeva dý che sbajando qul rigore l'Ancunetana era retrucessa, no una, ma dˇ volte. Defati stavane a ristruturÓ de novo la serie C e avevane deciso da urganizala int'una magnera che dura ancora adŔ, ciuŔ na C1 divisa in dˇ gironi invece d'i tre che c'erene prima in zerie C. De sotu, ce saria stata la C2 divisa in tre gironi. E alora, adŔ che erimi feniti n'antra volta in zerie D, de zzompi pr'andÓ in C1 duvÚmi fane dˇ, no unu solu. In cumpenzo, saria stato 'bastanza semplice fÓ almeno el primo zzumpetu in C2, perchŔ de posti dispunibili ntÚla serie D ce n'erene adiritura quatro. Per fÓ turnÓ i conti a livelo naziunale, po', c'erene n'antri po' de posti dispunibili che sariane venuti f˛ri da 'na seleziˇ infrÓ le quinte e le seste clasifigate dei gironi de tut'Itaglia. La seleziˇ se saria fata sui "meriti spurtivi", ciuŔ in parole pi¨ semplici avriane sceltu le squadre cula tradiziˇ ''n po' mejo e no quele d'i paeseti che nun ze sapeva manco indˇ stavane. L'Ancunetana, cul passato che s'aritruvava e cu' na citÓ de centumila abitanti, pudeva stÓ tranquila che jÚ bastava nun fÓ sciapate e arivÓ infrÓ i primi sei.

Intanto ma pr˛ la situaziˇ se stava a cumplicÓ 'na muchia, perchÚ el presidente Grati c'era armaso male de brutu pe' sta retrucessiˇ maledeta. E po' s'era reso conto che nun pudeva andÓ avanti cuscý. A guidÓ' sta squadra ce vuleva un omo diverzo, ce vuleva uno rico e 'mbizioso. St'omo era Natale Majani, uno che ha scrito el nome suu intÚ na bela pagina dela storia biancoroscia. Dopu avece penzato su un pugheto, ma manco tanto, st'omo d'afari usimano ha pjato la SucetÓ tirando f˛ri i quadrini che serviva pe' rilevÓ la quota de magiuranza, ciÓ meso drento gente de fiducia senza pr˛ rinunciÓ ale vechie bandiere cume pudeva esse el Dutor Ghioti, e ha dito papale papale ala gente che l¨ prumeteva da purtÓ la squadra in C1 ntÚl giro de dˇ ani. E' stata na prumessa che, a diferenza de tute quele che fane j omini pulitighi, Ŕ stata mantenuta in pieno!

Pr'alenÓ la squadra viene chiamato Marcelu Neri, ch'era un falcunarese. d'i giugatori viene ricunfermato el poro Giurdano Gali che, a parte la sfiga del rigore decisivo, nun ciaveva nisciun'altra colpa e anzi era propiu brau; cunferma 'ncora pel purtierˇ Chiarý e pel terzý Capra. Po' Ŕ arivato, infrÓ tante speranze che pr˛ Ŕne state deluse, un valdustano cul barbˇ che se chiamava Menabreaz e ciaveva el fisigo da spacalegna... ma no da spacareti, purtropo! Avemo preso ancora un difenzore dale giuvanili del Napuli che se rivelerÓ al'altezza: Scarpiti. Sta squadra parte male 'n bel po' nunustante che i tifosi jÚ davane reta a Majani, e la campagna abunamenti nun era andata male. Cuscý se dimete Neri e finalmente ariva l'omo giusto: Gianni Mialich, un veneto che ce sapeva fÓ. Cun Mialich l'Ancunetana se rimete in caregiata, nun ariva infrÓ le prime tre, ma a fine stagiˇ, bŔ o male el traguardo dela C2 Ŕ ragiunto. Come? AdŔ ve 'l raconto, che fa ride...

NtÚla storia del'Ancunetana de sparegi ce n'Ŕ stato qualcunu, ma c'Ŕ ancora... u' sparegiu che nun era u' sparegiu, almeno pe' niantri! Nun ce stÚ a capý pi¨ gnente? AdŔ ve spiego, stÚ 'tenti: ala fine del campiunato erimi 'rivati quarti a pari punti cui "cugineti" (ma saria mejo dý: i cuginastri!) del'Usimana. Pe' niantri, pratigamente era fata, perchÚ ancora cul quinto postu erimi in zerie C2 pj famosi "meriti spurtivi" che Úmi dito prima. Pe' l'Usimana no, ma pr˛. Loro, o arivavane quarti o cicia. E chi j'avria dato reta se arivavane quinti? La seleziˇ "su scala naziunale" nu' l'avriane passata mai... e per forza, pureti: Ŕrene quatro cuntadý e cento pegore, e chi li cunusceva f˛ri dale Marche? Eco perchÚ qul sparegiu, che se duveva giugÓ a Macerata, era impurtante pe' 'na squadra sola, ciuŔ loro. Pe' niantri era pogo pi¨ de n'amichevule. Scý, ma prˇ ce scuciava a pŔrde sta partita e a rimediÓ 'na figuracia cun qui bifolchi. E alora? Alora ciÓ penzzato el Padreterno a mÚte d'acordo tuti, e cel zzapÚ cume ha fato? Ha fato fený la partita, tempi regulamentari pi¨ suplementari, zeru a zeru, e po' ha pjato la munetina che l'arbitro stava a lanciÓ pr'aria, e l'ha fata cascÓ dal verzo del'Usimana. Cuscý loro erene cuntenti che andavane in C2, e niantri erimi cuntenti perchÚ nun Úmi perzo la partita e andami in C2 ancora niantri. E l'Usimana, cumunque, presto l'avrÓ da pagÓ cara... ma... semo giÓ ntÚl prossimo capitulo!


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini