AnconaNostra.com in culaburaziˇ cu' AnconaLine.com e Uacs.it ciÓ el piacere de presentave:

.

ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 18 - El ritorno in Zerie C e el rischio de spariziˇ

 

╚ arestato Lungarini,

adŔ cusa ce sucŔde?

Qui feniscene i quadrini

e l'Ancona retrucede!

    Come in mezu a 'n bel inzogno

    caschi giˇ cume na pera,

    che sul duro sbati el grugno

    e te svej longo per tera.

Al'Ancona, porcu boia!

propiu questa Ŕ capitata:

che dal'Inter, cul Zzavoia

a giugÓ s'Ŕ ritruvata!

    Pare che durava pogo,

    che el playoff l'avemo vinto?

    Giˇ al'inferno, giˇ ntÚl fogo

    n'antra volta ciÓne spinto!

L'anu dopu, adiritura,

a mumenti era C...dˇ:

saria stata tropu dura,

sta tremenda puniziˇ!

    Scý, ma prˇ l'ha meritate,

    cula crica de ciamboti:

    un bel paro de zzampate

    propiu ntŔ qui culi roti!

pr

 

 

L'Ancona aveva fenito el campiunato de serie B 1993-94 in utava pusiziˇ, ma aveva scrito ntÚl libro dela storia sua n'antra pagina de gloria cule imprese ntÚla Copa Itaglia. Tuti avevane capito che l'esperienza ntÚla serie A nun ze pudeva ripŔte e che sta SucetÓ ciaveva tropi prublemi e tropi poghi quadrini pre pudÚ puntÓ n'antra volta a risalý ntÚla categuria superiore.

Ancora Guerý se rendeva conto che 'n ciclo glurioso era pratigamente fenito, e pure l¨ ciaveva tante richieste visto el successo che ciaveva avuto con niantri, e jÚ dispiaceva pŔrde qualche ucasiˇ de cariera in certe piaze che pudevane ufrý de pi¨ de quel che ufriva Ancona. Imbiziˇ giusta, quela de VincŔ, ma calculi sbajati, perchÚ nun riuscirÓ pi¨ a ripŔte da nisciuna parte, quel che aveva utenuto cul'Ancona.

Atilio Peroti Ŕ el tenigo nˇvo pe la stagiˇ 1994-95. De st'omo j Ancunetani ciÓne 'n bel ricordo, sia perchÚ era brau tenigamente, sia perchÚ era un Zignore 'ncora fˇri dal campo. A diferenza de Guerý, l¨ 'ncora dopo Ancona riuscirÓ a armanÚ a gala, e ancora adŔ Ŕ unu d'i alenatori pi¨ esperti del panurama calcistigo naziunale.

L'Ancona de Peroti s'Ŕ cumpurtata molto bŔ e se pˇle dý che ha mancato la risalita in zerie A pi¨ per mancanza de cunvinziˇ che per debuleza vera. La gente cuminciava a penzÓ che sta squadra, senza puntÓ pi¨ ala serie A, pudeva rŔge bŔ cumunque a 'n campiunato de serie B che era sempre na bela sudisfaziˇ pe' na citÓ de pruvincia manco tanto grande. Nun z'imaginava, la gente, quelo che ce saria successo, nun z'imaginava da duvÚ turnÓ in C1 e da rischiÓ adiritura la C2. E nun z'imaginava, supratuto, che la SucetÓ avria sfiurato el falimento e la spariziˇ dal panurama calcistigo naziunale.

E invece Lungarý, int'un mumento critigo dela situaziˇ giudiziaria sua, l'aveva dito chiaro: lascerˇ sta squadra ndˇ l'ho pjata... ciuŔ in zerie C, dimo niantri. Purtropo questa Ŕ stata na prumessa mantenuta. E stÚ a sentý come!

Ala guida del'Ancona 1995-96, salutato Peroti, era arivato Caciatori, n'omo che a tanta gente nu jÚ piaceva, sarÓ pel passato suo asculÓ, e purtropo i risultati darÓne ragiˇ ala gente. La squadra Ŕ gambiata tuta dai tempi dela A: in porta c'Ŕ Vinti, un portiere che nun ha lasciato un bel ricordo, e come riserva, ancora si giugherÓ qualche partita, c'Ŕ un giuvinoto, Urlandoni, che farÓ cariera, ma pi¨ in lÓ... forze cula majeta nostra era 'ncora 'n po' 'gerbo. La difesa se basa su Franchini, Rici, Pelegrini e Tentoni, gente che pareva in gamba e che ciavrÓ n'amnesia generale ntÚl girˇ de ritorno. In gabina de regia el posto de Gada l'ha preso Modica, 'n calciatore maturo, 'n po' lento forze, ma de sciguro ben dutato tenigamente. Discreti 'ncora el piemuntese Sesia, che tirava dele bele sardele su puniziˇ, e el curzore Cavezi, tuta gente cumunque che ciavrÓ na certa flessiˇ in primavera. L'atacu Ŕ stato quelo da critigÓ de meno: c'erene i dˇ rumani Lucidi e Artistico che segnavane parechio, pi¨ ogni tanto giugava un certo Leme che forze era cuscý de fato e nun zolo de nome perchÚ era un lunzˇ. MbŔ... sta squadra Ŕ riuscita ntÚl'impresa de esse guasi in testa ala fine del girˇ d'andata e d'arivÓ penultima ala fine del girˇ de ritorno! 26 i punti ntÚl'andata, 16 intÚ quelo de ritorno, la beleza de 14 partite senza vitorie tra fine inverno e primavera. La cosa incredibile Ŕ che semo retrucessi cu' 'n giugatore cume Artistico che ha segnato 20 gole! Si vulemo fÓ un paragˇ cul passato, c'Ŕ n'anata che sumija 'n bel po' a questa, Ŕ stato quantu l'Ancunetana Ŕ retrucessa dala C1 ala C2 vincendo dˇ partite per cinque a zere e cul capucanuniere del turneo, ve ricurdÚ? Ma queli Ŕrene ani luntani, la serie B nun se sapeva manco cus'era... adŔ invece Úmi anulato int'un boto otu ani de sagrifici e de grandi risultati: era el ritorno ntÚl'anunimato.

E cuscý Lungarý aveva fatu quel ch'aveva dito che vuleva fÓ, e se faceva da parte... un zulievo perchÚ la gente urmai el vedeva cume na malediziˇ. Ariva Deodati, n'omo grande e grosso che se presentava cume el zalvatore dela patria, e pr'un po' de tempo Ŕ parzo davero el zalvatore, 'ncora perchŔ ntÚla stagiˇ 1996-97 l'Ancona ha saputo artirÓ su la testa e turnÓ subito in zerie B. St'impresa nun ciÓ gnente da spartý cula prumuziˇ in zerie B del 1988, Ŕ stata na roba molto pi¨ tranquila ancora si c'Ŕ stato el brivido d'i playoff. Cus'Ŕne sti playoff? Erene na nuvitÓ che l'Ancona ce se truverÓ spesso in mezo e per furtuna sempre dala parte giusta! I playoff Ŕne na serie de sparegi sia pela prumuziˇ che pela retrucessiˇ (intÚ sto caso se chiamane playout e per chi nun zapesse l'inghelese se prununciane pleiaut). Funzionane cuscý: la prima classifigata de ogni girˇ dela serie C (niantri Ŕrimi in quelo meridiunale) va in zerie B. Invece la segonda gioga contro la quinta, e la terza contro la quarta: dˇ partite, andata e ritorno. Le dˇ vincenti fÓne u' sparegio finale a partita seca e chi vince va a fÓ cumpagnia ala prima in zerie B.

Lasciamo pŔrde tutu el campiunato e dimo solo che l'Ancona s'Ŕ capito subito che saria arivata segonda perchÚ la prima, che era l'Andria, era tropu forte, ma soto nun c'erene grandi squadre. Defati giÓ in primavera i Nostri se stavane a preparÓ pr'i playoff. Aaah, me sˇ scurdato da dýve che el mister se chiamava Colauti, ma prˇ propiu prima d'i playoff Ŕ 'ndatu via e ha lasciato el posto al'alenatore in zegonda, un omo impurtantissimo pela rinascita del'Ancona, che Ŕ Fabio Brini. ArivÓ segondi nun era la stessa roba che arivÓ terzi o quarti o quinti, perchÚ el regulamento, giustamente, dava un piculo vantagio a chi se clasifigava mejo ala fine dela "regular season" (e na madosca cu' st'inghelese: e nun se pudeva dý la stagiˇ regulare? Scý, ma aquý volene fÓ tuti i 'struiti!). El vantagio era che se te, ntÚle dˇ partite de semifinale facevi dˇ paregi opure na vitoria e na scunfita cula stessa diferenza-reti, passavi te e j altri Ŕrene eliminati. E ancora ntÚla finale, si ala fine d'i nuvanta minuti eri in paritÓ, se giugavane i suplementari ma se ala fine era ancora paregio, nun c'erene i rigori ma vinceva la mejo clasifigata: sto fatu se rivelerÓ d'una impurtanza enorme int'una famosa partita cul'Asculi... ma adŔ Ŕ presto e nun ce duvÚmo penzÓ...

Alora, l'Ancona cume previsto ariva segonda e deve giugÓ contro la quinta che, a surpresa, Ŕ el Giuglianova. J abruzesi Ŕ stati n'osso duro perchŔ al'andata hane paregiato 1-1 e al ritorno solo a fadiga sÚmo riusciti a bÓteli per dˇ a unu. S'arivava cuscý ala finale, contru el Zavoja de Tore Anunziata, na squadra cula maja tuta bianca ma cui tifosi che de bianco ciavevavne solo le pale d'i ochi e forze manco quele, perchÚ Ŕrene cativi na muchia. Cumunque, ntÚl'enorme stadio Ulimpico de Roma, sti quatro gati se sperdevane. L'Ancona ha giugato na partita giudiziosa, ha fenito i nuvanta minuti senza reti, e ntj suplementari, cu' 'n gole del'esperto centratacu Scarafoni, un echese del'Asculi, ancora che nun c'era bisogno, ha segnato el gole dela vitoria: Ŕrimi arturnati subito in zerie B.

I playoff vinti Ŕne stati la prima impresa de Fabio Brini, ma purtropo la SucetÓ nu jŔ stata ricunuscente e el pˇro Brini ha duvuto fÓ cume Cincinato (che spero ve ricurdarÚ dai tempi dele elementari... opure sÚ cuscý sumari che nun ve ricurdÚ ?!?), ciuŔ dopu avÚ vinto Ŕ duvuto arturnÓ a casa sua.

A casa mia, c'Ŕrimi afeziunati ala tradiziˇ da fÓ crÚsce la famijia pr'ogni prumuziˇ del'Ancona, ma prˇ visto che de fjoli giÓ ce n'Úmi dˇ, eca che ariva la gatona nostra (che se chiama Matilde... Úmi ancora penzato da chiamÓla Olimpia in unore de' stadio ulimpico, ma stavolta ce pareva n'esageraziˇ...). Sta tradiziˇ cuntinuerÓ, vedarÚ....

La gente tira un zuspirˇ de sulievo: la parentesi dela serie C era durata n'ano solo, e pareva che nun ce se duveva penzÓ pi¨ perchÚ in panchina arivava na giovane prumessa, l'alenatore Giorgini che aveva fato i sfragŔli in Abruzo. Era un tenigo de Giuglianova, giovane e molto mutivato: purtropo ala prova d'i fati ntÚla prima SucetÓ d'un certo peso, deluderÓ le atese de bruto.

Ma prima da discˇre del'alenatore e d'i giugatori, duvÚmo purtropo parlÓ dela SucetÓ, ndˇ urmai giravane face e nomi che cul palˇ e cula CitÓ nun ciavevane gnente da spartý. Purtropo la gente nun ze pudeva 'cˇrge dele purcherie finanziarie che sti figuri stavane a cumbinÓ e solo dopu 'n certo numbero de mesi, anzi ani, s'Ŕ puduto capý che rischio spaventoso ciÓ fato cure sti aventurieri del calcio. ╚ el periudo pi¨ oscuro dela storia muderna del'Ancona, un periudo che durerÓ almeno dˇ ani e che purterÓ el nome glurioso del'Ancona a un passo dala finacia che Ŕ capitata a tante squadre ilustri... ne vulemo ricurdÓ qualcuna? El Palermo, el Messina, el Catania... ma nun restamo sempre in Siciglia... penzamo ala Fiurentina. L'Ancona c'Ŕ andata vicino 'n bel po' a fÓ sta fine.

Sti nomi de dirigenti: Acronzio, Zappacosta, Polverino, Auriemma, niantri li dimo al volo cula speranza da scurdaceli al pi¨ presto!

La squadra del 1997 ricasca int'un difeto che ciÓ avuto l'Ancona de tute le epughe, ciuŔ de cuminciÓ ala grande e po' fÓ na bruta fine. PenzÚ che sta squadra ha iniziato batendo el grande Turino, nobile decaduta in zerie B, cu' splendido tiro da fˇri area de un centrucampista che se chiamava Monza. Ha paregiato in casa cula squadra-surpresa dela serie B, qul Castel di Sangro che era diventata la favula de tut'Itaglia, e po' ha batuto n'antra grande, el Genoa, cu' 'n rucambulesco quatro a tre ntÚi minuti finali. IntÚ sta squadra c'era un atacante giovane molto interessante che se chiamava Martineti, quante prumesse non mantenute dopu n'inizio esaltante per l¨! In porta c'era un vechio vulpˇ fin dal'ano prima: era Cesareti, 'n po' mato e 'n po' sopro le righe, ma era bulo come purtiere. El publico jÚ vuleva bŔ e cantava: "Cesareti Ŕ un purtierˇ!". Un altro bel giugatore era el centrucampista avanzato Petrachi, unu che cul palˇ ce sapeva fÓ. A campiunato iniziato ariverane ancora Flachi, un giugatore tuscano esperto che segnerÓ parechio, e pi¨ tardi el cruato Erceg, che invece sarÓ na delusiˇ.

Dopu sta partenza, la squadra ciÓ avuto alti e bassi: subito tre scunfite cunzecutive, po' qualche paregiu cun tanti gole cume el quatro a quatro cul Treviso e el tre a tre cula Salernitana. Ma dagiÓ ala fine del girˇ d'andata la clasifiga butava male e se capiva che saria stata n'antra primavera de suferenza. La situaziˇ, defati, precipita: al posto de Giurgý ariva el prufessor Scojo, n'omo unico ntÚl panurama calcistigo naziunale, che strani cume l¨ in giro nun ze trovane. ╚ un omo che ciÓ avuto na furtuna enorme solo cul Genoa ndˇ el cunziderane un padreterno. Ma Ŕ un omo che ciÓ un zzacu d'idee strane e vˇle che fai tuto cume dice l¨. St'omo ntÚla panchina del'Ancona dura pogo: dˇ paregi e dˇ scunfite, e l'armandane a casa. La carta dela disperaziˇ Ŕ quela da richiamÓ Giurgý, ma nun zerve a gnente. ╚ n'antra retrucessiˇ, el baratro dela serie C che s'Ŕ riuperto, la gente nun ne pˇle pi¨. ╚ el mumento che ancora el publico decide da fÓ basta, e alora se vÚdene i stadi vˇti: el Conero Ŕ sempre pi¨ na catedrale ntÚl deserto, mile spetatori a partita se spŔrdene infrÓ le bele architeture e le pultruncine culurate. Ma el pegio ancora ha da vený e la stagiˇ 1998-99 Ŕ da incubo. Sotu la guida de n'omo che pure era espertissimo e prumeteva bŔ, Clagluna, l'Ancona gioga un campiunato incolore in zerie C. In primavera va via Clagluna e ariva Giordano, echese grande centratacu dela Lazio, ma sula serietÓ de st'omo cume alenatore nun tuti ce meteriane le mÓ sul fogo. La situaziˇ precipita perchÚ cul discorzo dei playout nisciuno pˇle stÓ tranquilo fino ala fine, e defati, cu' 'n finale de stagiˇ moscio moscio, l'Ancona, senza capý come, s'aritrova in quintultima pusiziˇ, che vˇle dý giugÓ i sparegi contru la penultima, ciuŔ el Fogia, che avendo cumprumesso la stagiˇ molto prima de niantri, s'era messa el core in pace e se stava a alenÓ pr'i playout da mesi.

Forze Bruno Giordano ciÓ l'unico merito da avÚ evitato pel rotu dela cufia che sta squadra gluriosa sprufundasse in C2 dopu la beleza de diciasset'ani, ma io penzo invece che el merito Ŕ solo del'argentino La Groteria - 'n ragazzo estroso che in Ancona ha truvato tanti amighi - se a sete minuti dala fine l'Ancona ha riaguantato cui denti la serie C1.

Era andata cuscý, che a Fogia Úmi perzo unu a zere rischiando molto. La partita de ritorno in Ancona Ŕ un incubo: la gente se strigne pel'ultima volta intorno ala squadra, ma el fantasma dela C2 diventa sempre pi¨ spaventoso man mano che passane i minuti. Ne mancane sete quanto "el gaucho" segna el gole dela liberaziˇ. Ala fine dela partita, viene fˇri u' strisciˇ che parla chiaro: "E adŔ, andÚ tuti a casa!"

Questo Ŕ el punto pi¨ basso de na parabula discendente che pareva che nun duveva fený pi¨. AdŔ cumincia la segonda rinascita. Curagio!

 


Sintesi e rielaborazione dei testi tratti dal Corriere Adriatico
Testo in vernacolo ę 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini