ball.gif (19363 byte)

la storia del'ancunetana in vernaculo
a cura de Pieru Rumagnoli

uacs.jpg (5745 byte)

 

Capitulo 27 - La Risurezi

 

Ntla pontata dela Storia del'Ancona che parlava del falimento, ciavevo meso na parola in fondo che diceva: RISORGEREMO! Ma a d la verit, miga penzzavo che pudeva sucde in cusc pogo tempo!

Trope volte l'ho ripetuto, gente mia: nun c' nisciuna squadra che d gusto a faje el tifo cume l'Ancona. No, una forze c', e saria 'l Genoa, squadra che miga per gnente ce smo gemelati inzieme. Digo 'l Genoa perch cumpagno al'Ancona ci la carateristiga da av tucato la polvera e le stle, da esse precipitato gi nt sprufondo e esse sempre risorto. E po', nun c' stata mai na volta n ntla storia de loro e nmanco ntla nostra, che s' puduto vince 'n campiunato per b, senza sufr fino al'ultimo segondo.

La storia del Domila e Oto n'antro capitulo bulo del libr del'Ancona. la storia de na squadra che j l'aveva fata apena apena l'istate prima a salvsse ai spargi, e che nisciuno j dava 'n boco de fiducia. Na squadra che ha cuminciato la stagi cume nun aveva fato mai in tuta la vita sua: na partenza da brugi le gome. E po' invece, sta squadra d'inverno caminava cul freno a m e stava a but tuto al'aria. la storia de omini veri che ci sempre creduto fino in fondo e che ala fine j l'hne fata. Tut'intorno c' na Cit fredina, c' Ancona de sempre, che fadiga a pij fogo ma quanto ce crede diventa l'omo in pi. Chiss quante volte ancora ce capiter da vde le majte rosce che sprufonda, retrucede, perde, va gi ... ma ad pudemo esse sciguri al centoed per cento che ala fine sta squadra s'artira sempre su.

E penzz che in agosto el poro Monaco aveva fato la conta de chi c'era e j'era bastate i deti de d m! La squadra era venuta su un pezet ala volta, d'istate. Tuto merito de 'n Diretore Spurtivo che finalmente n'mi truvato unu che sapeva f el mestiere suu. Quanto ancora tuti stava a pij 'l zzole a Portunovo, ariva gente de nome e d'esperienza, primo fra tuti el bomber Mastronunzio, uno che de gole n'ha sempre fati u' sfraglo. Era n'omo che dagi da npo' de tempo l'Ancona j stava dietro, se capisce subito che duveva esse uno bulo. Certo che davanti ce ne vuleva pure n'antro, e la risposta ariver a campiunato cuminciato da pogo perch l'Ancona va a ripesc na vechia cunuscenza, qul Maurizio Nassi sicigli, che magari nun zzegnava manco tanto spesso, ma che se dava sempre da f cume 'n mato. C' chi dice che sti d nun vne d'acordo a giug inzieme, ma se sbajava.

Al'Ancona j serviva ancora 'n purtiere, perch qul purto de Zomer che era arivato ala chetichla ala primavera prima, sar stato ancora brau ma miga pudeva d tute le garanzie che ce vuleva nt na stagi intiera. Eco qui na bela scumessa (vinta ala grande) de Monaco. Fa ven da Lanci, nd aveva fato l'alenatore, 'n giuvinoto pelato che se chiama Guarna. I tifosi penzza che 'n fjolo de ventid ani forzze nun va tanto b in porta ... e miga cel zzapevane che Guarna de nome fa Superman!!!

Monaco, che sempre stato uno che prima d'atac penzza ala difesa, mete in piedi na linea difenzziva de tuto rispto. Cunferma el capit Langla (Un capitano! C' solo un capitano! j cantavane dopo la vitoria aj spargi...) e fa ven a uno d'esperienza che se chiama Fanucci, uno che ha fato parechia serie B. Po' c' 'l biund Masiero, che prumte na muchia e che el Torino cel lascia n'antro ano in Ancona a f esperienza. A sinistra, cunfermato Rizzato che l'ano prima aveva fato el fogo sule fasce, e purtamo a casa n'antro de bele speranze che se chiamava Lacrim, ma pr miga faceva piagne. Pi avanti, a campiunato cuminciato da npo', ariver n'antro pilastro: Olivieri dal Chievo, che gnente da d! un centrale cume l l'Ancona era ani che nun ce l'aveva. E po' c' pure 'n certo Di Fausto, uno atletigo nbel po', che cumincer da riserva e fenir da titulare. La difesa fata, ad ce vle 'l centrucampo, da sempre el punto debule de sta squadra. Mb, si l'Ancona ha vinto 'l campiunato, pudmo tranquilamente d che el merito pi grosso del centrucampo. Na diga, Monaco mete in piedi na diga. Cunferma al brasigli Anderson che dagi mi capito b de che pasta era fato, cunferma a qul mato de Miglieta che cureva su e gi e tirava le sardle su punizi ... e po' ariva un pelato da Como, n'antro che l'Ancona j stava dietro da parechio tempo: se chiama Caremi, ci la zzoca che pare na pala da bijardo, ma ci sete pulmoni e cure cume 'n diaulo. I tifosi s'inamora subito de sta zzoca pelata che mocciga i pulpaci aj averzari, e 'l chiama Ringhio come Gattuso campi del mondo. Po' ariva in Ancona, e questo tuto merito del Diesse, uno cul cod, che oltro ai capli sui ciaveva ancora i capli de Caremi: se chiama Cazzola. capace ntla stessa partita da sbaj le robe pi facili e da f i colpi da maestro. Nun 'n giugatore come tanti, uno che se pogo pogo ciaveva la cuntinuit, a st'ora era in zzerie A. E cume giugher in Ancona? Vedremo....

El centrucampo miga fenito: ce vle ancora qualcuno che spigne e d i rifurnimenti aj atacanti. Arivane 'n giuvinoto del Tur, 'n certo Schiatarela, e po' n'ariva antro, uno svejo, che core: se chiama De Sousa, nome stragnero, facia esotiga perch nero, ma invece cume opre bca se capisce da nd ariva cun quel'acento rumanesco.

Intanto ma pr cine fato u' scherzzo da prete durante l'istate. L'Ancona se spetava da giug ntl gir del norde perch fra na roba e l'altra era gambiato el mix dele 36 squadre de C1 e pareva propio che stavolta nisciuno ce pudeva av gnente da d. E invece cusa fne sti cujoni? Mtene a nord el Fogia, el Manfredonia, la Cavese e la Ternana! Av capito? Fogia nd sta, l'av studiata la geografia? Ma ai capucioni dela geografia j ne frega pogo, loro vlene evit i derby periculosi tipo Fogia-Taranto o tipo Perugia-Ternana...e cusc al'Ancona e ala Sambenedetese le mtene a sud. Bastardi!

Cumunque la squadra, npo' per volta, pronta. C' ancora 'n certo utimismo: i cerveloni dice che int sto campiunato de serie C1 gir meridiunale c' le 7 surle che saria a d la Salernitana superfavorita e po' Taranto, Perugia, Arzo, Crut, Luchese e Galipuli. E po', digene loro, ce pudria esse qualche surpresina cume l'Ancona. E star a vde che surpresa, o pezi de ciamboti!!!

El cumincio dela stagi 2007-08 una dele robe pi bule che ciavmo avuto modo de vde. El galendario ci dato na m, che ale prime d partite ci dato averzari facili: l'Ancona bate senza prublemi la Juve Stabia cun d gole de Mijta pogo prima che cul gambi aria e artorni a Paduva. Invece paregia al'ultimo segondo a San Giuv de Valdarno. Ma pr ala terza ariva la Luchese che pare che deve spac el culo ai passeri. E invece ce penza Mastronunzio a mteli soto in meno de n'ora. Orca zzoza, penza i tifosi, avemo cuminciato gnente b! Ma 'l mejo era da ven!

A Lanci i Nostri gioga na gran bela partita ma nun va oltro al risultato a uchiali. Ariva la Massese e invece l'Ancona gioga male, ma quanto manca pogo ala fine, Nassi se 'nventa el gole dela vitoria per d a unu. L'Ancona mesa b in classifiga e se pripara al derby cul Pescara, n'averzario de sempre che ciavmo giugato contro in tute le categurie. A' Stadio Adriatigo l'Ancona va soto subito ma po' trova una dele partite pi bule dej ultimi ani. Duminio tutale e assuluto del centrucampo, fenisce tre a unu per nialtri e la gente se cumincia a dumand ma nd vur ariv sta squadra!

In casa, l'Ancona nun che gioga tantu b, ma pr vince sempre: cul Martina che gi ultimo in classifiga l'arbitro fischia tre rigori, d per nialtri e unu per loro, tuti e tre trasfurmati. Po' andamo ntla Riviera Partenupea, a Surento, e ancora l n'antro partit col gole decisivo a inizio ripresa! L'Ancona nun se ferma pi: 8 partite ha giugato, e s 6 vitorie e 2 pargi, e na madosca!

El primo punto perzo in casa quelo cul Galipuli, na squadra che giugava b nbel po' e che ciaveva na certa ambizi che pr andar a fen male. Al Conero fenisce d a d e se divertene tuti. La dumeniga dopu giugmo in casa n'antra volta e a f na bruta fine stavolta 'l Putenza: d a zero.

Ad la gente cumincia a penzz in grande. St npo' a ved che la volta bona! Quelo che fa paura de sta squadra 'l centrucampo, e po' l davanti c' Mastronunzio che, cum' cume nun , la buta sempre drento. Monaco e i Schiav invece frenane: dice, spet n'atimo che la strada ancora longa. E defati ariva el mumento dela prima scunfita. A Crut piove che de pi nun pudeva, e in mezo ale pescle l'Ancona gioga b ma perde d a unu. Cul Perugia ma pr torna el zzole, e i Nostri senza penzacce su tanto, fne fri per d a zero i grifoni....eh eh! Ricurdamocelo sto d a zero cul Perugia perch miga fenisce aqu...

La Salernitana invece na signora squadra: ci 'n giugatore, De Napuli, che pratigamente de serie A e da solo costa cume l'Ancona tuta inzieme. Propio l segna l'unigo gole dela partita cul'Ancona, che va in onda in televisi e che gioga ancora b nbel po', ma stavolta miga basta. E cusc oltro ala partita perdmo ancora el primato in classifiga. Ciaveva ragi Schiav a d da nun muntasse la testa.

La luce s' spenta. L'Ancona nun ce se racapza pi: paregia in casa senza reti cul'Arezzo e po' adiritura va a perde a Pistoja, una dele pegio partite del campiunato. C' 'l derby cula Samb in casa: ancora l, se pudeva vince tranquili e invece ce famo guant verzo la fine. E a Taranto ntl'ultima giurnata i Nostri vne soto n'antra volta. La Salernitana invece partita e ad nun la guanta pi nisciuno.

'l mumento pegio dela squadra, pare che tuto se sta a squaj cume la neve al zzole. I titulari nun tanti, cume se fa male o pija na squalifiga qualcuno, se va in dificult, al centrucampo j s' spenta la luce, e ancora Mastronunzio s' scurdato cusa vle d a f gol.

El gir de ritorno cumincia male: a Castelamare de Stabia na squadrta cusc cusc ce f gol subito e nun se riesce pi a indriz el risultato. Cula Sangiuvanese invece artorna la vitoria ... ma el giogo no. Natale, ora del panet ma i tifosi del'Ancona el magna cui penzieri ntla zzoca.

L'ano novo cumincia a Lucca davanti ala televisi: i Nostri giogane na partita aribusta ma sempre in difesa. Cazola f gole al'impruviso ma ce fmo chiap subito, fenisce cu 'n pari che ce va largo na muchia. E in casa cul Lanci nun se va oltro al risultato a uchiali. Pela prima volta se sente a fischi a Monaco. Ancora a Massa nun da d che giugmo b e cusc ce fmo chiap n'antra volta sul'1-1, Ma el patatrac pi pegio de tuti in casa cul Pescara: d gole chiapati ntj primi minuti e nte fonda per tuti.

capitato spesso ntla storia del'Ancona che c' i periudi invernali de blecaut: penzzamo solo al'ano dela prumuzi in zzerie A, opure a qul'ano che stmi per retrucde dala B quanto arivato qul genio de Spalletti ... inzzoma, na roba che purtropo ce smo 'bituati. Ma pr, cume gi era successo quele d volte, al'impruviso scta qualc, che nun se capir mai cus', che nun cel zzapremo mai cusa sar successo ntj spujatoi, ma pr i Nostri tirane fri i cujomberi quanto ariva la primavera.

A Martina che dagi ci 'n piede ntla fossa i Nostri vince facile, tre a zero. Se vince ancora col Surento in casa. Po' a Galipuli un bel paregio a uchiali che ce va ancora npo' stret. A Putenza, foghi d'artificio: turnata l'Ancona dj tempi buli. Mastronunzio ha ripijato el filinghe cula rete, Cazzola inventa le robe pi strane, la difesa na rocia, el centrucampo ha arcuminciato a macin giogo. E po' arivata na cariulata de gente nova: i d centrucampisti Anaclerio e Camiluci, el primo pelato ancora l che se cunfonde cun Caremi, ma pr ancora senza la prutezi dj capli la zzoca j funziona b. El zegondo invece se fa male subito ... ma tenmolo in fresco che ver comudo nbel po' ala fine ...

Zomer ci voja de giug e visto che chiuso da Guarna el mandane a Lumezzane (nd ancora l vincer i pleioffe!) e se pijane in gambio n'antro purtiere che se chiama Brignoli. Po' arivato 'n difenzore-roccia che ci el nome che f npo' ride, Baldanzeddu, ma pr in campo f rde pogo. El diesse nun sbaja 'n colpo: l'acquisto pi bulo de tuti n'echese del Cesena, Piccoli, n'omo de racordo fra centrucampo e ataco, cul vizio del gole. Ma arivato ancora 'n certo Fialdini, centrucampista d'esperienza, che far npo' fadiga a part ma vedar cusa ve cumbina ala fine. L'Ancona turnata grande, la Salernitana invece va a curente alternata e i punti de distco sempre de meno dumeniga dopo dumeniga. Pare vero che j la famo a chiapli?

C' mancato pogo davero a chiapli, ma dopu av batuto ala grande ancora el Crut, l'Ancona andava a Perugia e l se truvava de fronte a na gran bela squadra. Fenisce d a unu pj grifoni, i Nostri fadigane in difesa e nun basta el mumentaneo paregio de Mastronunzio. Pecato perch la dumeniga dopu arivava propio la Salernitana.

La partita al Conero cula Salernitana stata l'ultima ucasi per chiap el primo posto, quelo che vuleva d prumuzi dirta. L'Ancona ha giogato un primo quarto d'ora da incubo, ha pijato d gole unu dietro l'altro, ma po' ha dimustrato d'avecce cre e cujomberi e ha paregiato al'inzio dela ripresa cu' 'n gole de tco de Nassi che sar dificile a scurdsselo da quanto era bulo. Na grande partita, ma a tute e d le squadre j fenisce la benzina e se cuntentane del d a d. Tanto vale cuncentrasse sui pleioffe ... anche perch l de dietro nun c' da st tranquili pe gnente, cul Taranto che sta a f punti su punti.

La partita dela scigureza stata a Arezzo. I Nostri hne giugato cula maturit de na squadra che sa quel che vle, ntla ripresa ha piazato l'unu-d che l'ha stesi e ha puduto guard cu' na certa tranquilit ale ultime parite. La prima, da moccigasse i gomiti, pari in casa cula Pistujese cul'esordio del purtier Brignoli, la segonda giugata solo pel risultato da d squadre che duvevane penzz una ala salvza (la Samb) e una ai pleioffe. E l'ultima che ce tucava era propio el Taranto, la squadra pi in forma del mumento, che ci superati e ad segonda. Basta ariv ntj primi cinque per f i pleioffe e l'Ancona ci dagi la partecipazi matematiga in zzacocia, ma 'n conto ariv segondi e 'n conto ariv terzi: tropi i vantagi per chi riva pi avanti in classifiga. L'Ancona gioga l'ultima partita dela regular season, cume la chiamane i carigati, propio contru al Taranto: na partita fantastiga, fra d squadre forti nbel po': l'Ancona segna subito, po' pija d gole in tre minuti e va al riposo soto. Artorna in campo cul curtlo infr i denti, pargia a met ripresa e po' ariva el gol del tre a d, fato dal'atacante de riserva Albanese, un fjolo, su rovesciata: el Conero schiopa cume na bomba, le prove generali dei pleioffe, se capisce b che la squadra da avecce pi paura de tuti propio sto Taranto.

I sparegi, l'Ancona guasi sempre l'ha vinti ntla storia sua. A cuminci da quelo cula Bielese del 1947 e po' via via, se chiamerne pleioffe o pleiaut, sar pela prumuzi o pela salveza, ma i nostri quanto ariva el mumento bono i cujomberi li tira fri sempre. successo cul Zzavoja, cul Fogia, cul'incredibile gol al 117esimo contru l'Asculi, cul Teramo l'ano prima: l'Ancona vince sempre quanto conta!

La cit ad ce crede. Ha visto cresce davanti aj ochi na squadra matura. Eco cus' l'agetivo giusto: matura! diverzza sta stagi da tante altre de quele bule: nun elegante sta squadra, nun ci i colpi da maestro, nun trascina la gente. Ma pr te d scigureza. na curazata. tosta. I ragazi vne in campo e cumbatene sempre dal primo al'ultimo minuto. La cit nu' j'ha dato rta al principio, tuti se spetava la crisi, e la crisi era ancora arivata. Ad c' armaste quatro squadre: el Perugia contru a nialtri e 'l Taranto contru al Crut.

Al'inizio, ci avuto modo de d che sta squadra nun ha mai vinto gnente senza sufr. Quanto digo questo, penzzo ala partita de Perugia e a quanto l'Ancona a met ripresa stava a prde tre a zero. La fine. Stava a crul tuto. E invece no: Mastronunzio va a f el gole dela speranza che ce lascia cul lumic ntle m a aspet la partita de ritorno. Cusa j sar successo al'Ancona qula dumeniga a Perugia? Tuto, tuto storto j andato, nun n'ha inzzecata una che fosse una. Pussibile?

La diferenza infr na squadra nurmale e na squadra super la magnera cume se reagisce ale dificult. Int'una setimana de passi, i Nostri se chiude a ricio e chiede solo ala gente da giug da dudicesimo omo a' Stadio del Conero. E la partita diventa 'n munumento ala Riscossa, la partita perfta, cula curva che nun smte un mumento de cant, cun Mastronunzio che pija na pala d'oro da Nassi e fa part un missile in diagunale che sbuga la rete, cula ripresa al'arma bianca. Cross de Lacrim dala sinistra, Nassi spiza de testa, ariva Cazzola e la buta drento: el Conero schiopa! Ma nun fenita: Fiald se fa esple e l'Ancona s'artrova in 9 contru 10 pel'ultimo spaventoso quartu d'ora. Ce vur parechio tempo prima da pudecce scurd de quel quarto d'ora tremendo. Dei miraculi de Guarna che pare Superman e pija tuto, e del miraculo de San Ceriago che al 95esimo f sbaj 'n gol fato al Perugia. Fenisce cula marcia del'Aida ma tuti penzza a Taranto, la serie B ha da pass da l.

Ntla dopia finale cul Taranto l'Ancona nun ha sbajato gnente. Per bte el Perugia j c' vuluto el core, ma per bte el Taranto l'Ancona ha usato el ciarvlo. na squadra pi forte dela nostra, in forma, ci omini che ple gambi el risultato da 'n mumento al'altro. Cine 'n publico che ci ancora pi fame de vitorie del nostro, cine l'entusiasmo che se vede solo ntle cit del Meridi.

dificile d se meritava solo l'Ancona da and in zzerie B, perch sel meritavane ancora loro. Era na gran bela squadra. Per c'era stati tropi segni del destino che tucava a nialtri st'ano. A Taranto i Nostri nun hane fato le caple de Perugia, hane fenito la partita senzza pij gole, ma ancora vero che in Ancona armasti cui piedi per tra e nun hne penzzato al'impresa impussibile de quindici giorni prima. Hne solo giugato col ciarvlo, hne colpito quanto c'era da colp, e cine avuto n'antro segno dal Dest. Hne fato d gole, cine iluso che stavolta era tuto facile, ma ala fine n'hano pijato uno e ne stavane per pij n'antro. Chi sar stato? San Ceriago o Nostra Signora de Lureto che ha spustato el palo dela porta quanto qul pal che tuti l'emi visto drento invece uscio fri de un centimetro? Tucava a nialtri, st'ano tucava a nialtri.

Piagne cume na funtana qul ragaz che intanto j diventati i capli e la barba bianca. Piagne mentre sta a sent la marcia del'Aida e vede davanti a l la gente che pare diventata mata. Piagne perch penzza a quanto se ple vul b a na squadra de pal, a quanto impurtanti pela vita sua quei colori bianco e roscio che j venuti dietro, luntano da Ancona, luntano dal'Itaglia. Nun ha pianto de gioja nmanco quanto j nati i d fjoli, e ad sta l cume 'n ciamboto cui lagrimoni ntj ochi. E intanto tuto intorno sona la marcia del'Aida.

 


Ad, se te le sei prze, vte a lge qul'altre pontate dela

STORIA DEL'ANCUNETANA


Quant belo, gente mia, a f el tifo pelAncona!


Testo in vernacolo 2002 AnconaNostra.com & Piero Romagnoli e Sauro Marini