Carletu Parola

El matrimogno fra Carletu Parola e l'Ancunetana se celebra a fine aprile, inizio magio 1956, guasi de nascosto. Sucedeva cuscý, che qul'ano el corzu pr'i alenatori novi l'avevane urganizato propiu in Ancona. A 'stu corzu s'era iscrito ancora Carlo Parola, che aveva vuluto chiude 'na grande cariera da giugatore che l'aveva reso famusissimo cula majeta biancunera dela Juve. Per chi nun ce'l zapesse (... ma davero c'Ŕ qualcuno che ancora nun ce'l zza?) dimo che Parola Ŕ stato l'inventore dela celebre ruvesciata che da qula volta in poi j'ane mesu el nome apunto de "ruvesciata ala Parola". I dirigenti del'Ancunetana, che urmai dopu avŔ meso a posto le finanze dela SucetÓ, giustamente vulevane puntÓ al rilancio, s'erene incuriusiti de 'stu corzu e, daje ogi daje dumÓ, avevane meso lý dˇ paruline bone cun Carleto, che, 'n po' che ciaveva voja da cuminciÓ subito a mete in pratiga le robe che j'avevane inzegnato, e 'n po' perchÚ 'sta bela CitÓ nostra jÚ piaceva 'na muchia, nun ciaveva meso tantu a metese d'acordo, dopu 'n par de magnate al Passetu... Carleto Parola, si ce penzamo adŔ, nun ze pole manco dý che ha fato j sfrageli in Ancona, ma, prima de tuto, Ŕ stato l'omo che presto o tardi ciÓ fato uscý da qul bugio nero dela Quarta Serie, e p˛ Ŕ stato l'omo che ciÓ avuto la capacitÓ da fÓ ripjÓ fiducia ala gente. E' prubabile che 'stu fato Ŕ sucesso perchÚ l¨ Ŕ 'rivato che era talmente famoso cume giugatore, che ancora cume alenatore nun pudeva falý. Inzzoma, de st'omo, i tifosi cui capeli bianchi ciane un gran ricordo, al punto che d'i tardi Ani Cinquanta se parla sempre come d'i Ani de Carletu Parola.