Bobi (Bobby)

Regia de Miglio EstevÚ

Atori: Demi Mur, Elia Vud, Entoni Hocchinz, Sciaron Ston, Eri Belafonte



Questo Ŕ 'n filmˇ amerigano che pare cuncentrato sul passato, ma invece ciÓ 'n zzaco de richiami ala situaziˇ d'adŔ. Pe' l'eleziˇ ntj Stati Uniti ancora manca guasi dˇ ani, ma Ŕ de sti tempi che se cumincia a afilÓ le armi: stu filme fa parte propio dele armi pe' cercÓ de dÓ na bela rasagnulata ala pulitiga de George W Bush, che sta a purtÓ indietro na muchia a qul grande Paese che Ŕ j Stati Uniti.

C'era na volta, ma pr˛, che i Stati Uniti faceva da faro pe' l'Ucidente, e miga era tanto tempo fa: erene j Ani Sessanta, quanto in Uropa ancora era caldo el ricordo dele ditature nazifasciste e era vivo el periculo dele ditature rosce.
C'era dˇ fratŔli Kenedy e 'n nero che se chiamava Martin Luther King, che sapeva discˇre ala gente int'una lengua che da qula volta nun z'Ŕ pi¨ intesa da nisciuna parte... tuti zzititi a' stesso modo, a revulverate!
AdŔ che se 'vicina i giorni dela campagna eleturale amerigana, la Holivude pi¨ prugressista e pi¨ "liberal" s'Ŕ mesa inzieme a fÓ quadrato contro a n'Aministraziˇ che da oto ani pare ch'ha perzzo el lume dela ragiˇ, e che sta a fa de tuto per trasfurmÓ i Stati Uniti ntÚl nemigo dela pace e del prugresso. Unu dj risultati Ŕ sto filme.
El regista Miglio EstevÚ (Emilio Estevez), nun ha fato, cume pudria parÚ dal titulo, un filme su Bob Kennedy, ma 'n filme sul giorno del'assassinio de Bob Kennedy. Su cusa sucedeva ntÚ l'albergo ndˇ j hÓne sparato, chi c'era ntÚl'albergo, cume andava avanti i preparativi dela grande riuniˇ eleturale pe' le primarie in California. Tante storie individuali mese inzieme come int'un coro, 'n po' ala Altman se vulÚmo, solo che 'n conto Ŕ 'n genio cume Altman, n'antro Ŕ 'n regista brau ma nurmale come Estevez.

El messagio vero del filme viŔ fori piano piano e monta cume la chiara d'ovo, fino a diventÓ chiarissimo ala fine, ndˇ se vede le scene del'atentato e se risente i grandi discorzi de Kennedy. Discorzi che parlava de culaburaziˇ, de pace suciale, de prugresso, de valori.

V˛le dý, sto filme, che alora cume adŔ, c'erene tante storie individuali, miga tute nobili, anzi: tante meschine e de cortu ragio, ma ala fine tute ste perzzone ciaveva qualcuno da seguý, un leader cu' na visiˇ, un'omo che sapeva parlÓ al c˛re de tuti. E 'l cuntrasto cul mondo d'adŔ, quanto ognuno va per contu suu e nun c'Ŕ pi¨ nisciun omo pulitigo da nisciuna parte che Ŕ capace de fÓ vibrÓ le corde del c˛re e dela speranza, se vede subito.
Filme pulitigo alora, guasi eleturale. Filme che nun Ŕ 'n capulavoro e che in qualche mumento, sopratuto ntÚla prima parte, pare 'n po' scunclusiunato.
Ma 'l messagio Ŕ chiaro e semplice. Si c'Ŕ un Paese che ce p˛le almeno pruvÓ a ripijÓ ntŔle mÓ el filo de 'n discorzzo de speranza, quelo nun Ŕ 'l nostro e nÚmanco nisciun altro de queli che c'Ŕ in Uropa: Ŕ j Stati Uniti, j unighi che int'un determinato mumento dela Storia ha fato da faro pe'l mondo e che tanti - e io infrÓ queli - sperane che arturnerÓ presto a esselo.
 

Recenziˇ de Pieru Rumagnoli