Sprufumo de Londra... anzi, psta!

(cume campa 'n ancunetano senza le concule)

a cura de Lis (al zzeculo Alex Acuroni)

 

Alessandro Accoroni & AnconaNostra


Fatereli perzunali:

"El bagio de Saimo"

 

In Ingulandia el Galese ci reputazi d'esse na tera de gente 

Stu fatarelo a caratere musicale e serale come A parl le lenguecunviene. Si l'av leto, avr de sciguro fato cunoscenza de Stef e Saimo.

Dopo le risate cronighe a fischio p la delusi amurosa de l'amicu miu per colpa dela prestanza de lengua de Saimo, l'emo cunosciuto mejo, 'n fiolo straurdinario, de na bunt da d basta, generoso e zincero; nun un zanto, ma de malizia ce n'ha propio poga.

Verzo le undici d'un Venard sera l'amico mio 'ndato a durm, e Stef, Saimo e io emo deciso d'and int'un lucale che se chiama The Blues Bar. Quanto che digi "blues" in inghelese hai da sbass la voce de d utave e d na sfilza de u: Bluuuuuuuuuzzzzz. La esse l'hai da fa come quele nostre Ancunetane che ene guasi zeta, si no pari straniero e fai la figura del pecio.

El belo del Bluuuuuuuuuzzzzzz Bar che sonane el bluuuuuuuuuuzzzz dal vivo tute le sere, senza scampo. Ce vane bendz de tuti i tipi, da quele toste a quele che nun le cunosce nisciuno ma 'l bluuuuuuuuuzzzz sempre laiv. El bruto del Bluuuuuuuuuzzzz Bar che cusc piculo che quanto entri dal purt fenisci drito drento ai tamburi dela bend, e 'l pista-pista de gente che bala e beve e te ciaca i cali urenda. El dcor del Bluuuuuuuzzzz Bar cusc cuntempuraneo che nun ze vede pare propio un posto zzzo, c la leca che viene gi dai muri e certi pavimenti puliti che c'ho perzo tre pari de sole de scarpe.

Saimo, Stef e io ce presentamo.

L'armadio de omo de guardia al purt ce acoje cun parole gentili e discorzi suadenti, tipo:

"Chi sona stasera?"

Risposta: "Grrrr"

"Quanto costa a entr?"

Risposta: "Grrrrrrrr"

"Grazie de l'acujenza e a rivederci presto, saluta a casa"

Risposta: "Grrrrrrrrrrrrrr"

Quanto Caronte apre na porta nera cume la pece p face entr, esce un caldo da inferno de Dante, na pesta rincrudulita da stala, un zno de bluuuuuuuuuuuuzzzzzz assurdante. Dopo fadighe de Ercule p 'riv vicino ala bend, ce metemo a sent la musica. Dopo un tant, ce perdemo 'n po' de vista, cusc me giro a cerc a loro d. Saimo a sprufondo de dietro, in coda al bare, e Stef ciuciula c'un ragazo che undegia parechio, imbriago fraido, c'un caplo 'ustraliano ntla testa cuperta de turaciuli per mand via le mosche come ntl filme Crocodail Dandii.

Tutu pareva sotu cuntrolo, se nun che a 'n certo punto l slonga le m, e pa in perzunale considerazi tatile el "tribunale" de Stef, che del tuto cunziderevule e meritorio (lia era ginasta e la ginastica propio j' servita 'n bel po'). Stef giustamente s' inviperita, e guasi el mena io c'ho avuto 'n m'mento de ispirazi, me so meso in mezo, ho preso 'l ragazo cul caplo, e me ce so meso a discore. Viene fori che era francese, emo deto d sciapate, e me so resu conto che l era propio a d passi dal coma etiligo. Cusc scata el piano diabolico mio.

Je fago "Alora, te piace l' amica mia ?" e cul deto j indico a Stef.

L gi s' visto perzo, dice "Sc na perzona molto interessante".

E io: "Proprio soto tuti i punti de vista"

L sempre pi a disagio.

Io: " un pecato, per".

L "Cosa?"

Io: " propio 'n pecato che na fiola cusc interessante e cusc bela staga c'un omo cusc gelosu, cusc viulento".

El Francese sbiancato, dicevo che j veniva 'n capistorno. "Nun me dirai che qui?!!!"; urmai cunvinto che el piano mio de mteje paura fosse 'ndato in porto, j ho deto "Cume no? Te vedi cul ragazo alto che pare Tom Weit lagi vicino al bar? l". El francese ha cuminciato ha barcul, m'ha salutato, e propio alora la bend ha sonato la canzone che c'era pure ntl filme dei Bluuuuuuuuuuzzzzz Braders:

"Ariiiiiiiiiiiii bebi donciu uonna gouuuuu . Bech tu de seim oul pleizzz Suitte oum Scicagou"

Me so distrato, cantavo pure io pienu de felicit, e me pareva de sta davero ntl filme dei Bluuuuuuuuuuzzzzzzz Braders. Quanto la canzone finisce, me volto, e vedo el francese a fondo bare vicino a Saimo, che veniva purtato fori a braci dai amichi sui. Porca matina, te sta a vde che Saimo l'ha menato per davero! Vago da l in anzia. Saimo, mezo 'mbriago, felice, me fa un bel suriso e me dice: "Te stai a divert ?"

Agitato j digo: "Sc ma sucesso qualcosa (el zenzo de colpa che me cincigava) cul francese?"

E Saimo: "Sc in efeti m' venutu a parl, e m'ha dito 'n zaco de roba che nun ho capito"

Io: "Scusa tanto Saimo, j 'ho dito ch'eri un omo geloso e viulento!"

Saimo: "Capirai, io a 'n certo punto l' ho bagiato!"

"E perch?" digo io.

Saimo: "E cusa so, ha dito che era francese, credevo s'avesse da f cusc cui francesi, po' j venuto da vumit e j amichi sui l'hane purtato fori".

'Nzzoma, quanto c' la gente bona de mezo, el diaulo f tute le pigne che vole, ma i cuperchi viene fori sdelmati.

E per cunclude, el deto mio casca a fagiolo: A nun fa el male b, ma a fa el b mejo.


torna al'indice de Lis