Sprufumo de Londra... anzi, pŔsta!

(cume campa 'n ancunetano senza le concule)

a cura de LisÓ (al zzeculo Alex Acuroni)

 

ę Alessandro Accoroni & AnconaNostra


Fatereli perzunali:

- B˛ce e scale ľ

La luce filtrava da le perziane. Ce girami da l'altra parte pre nun svejace. GiÓ faceva caldo, el lenzuolý finiva giˇ pre tera. Intanto che ripijiavi sono, se sentiva un "Piiiii-pi" in luntananza, de lÓ de la strada, dal portu-canale. La porta de la camera se opriva, la luce, po' le stridulenze de mý madre, entravane. i ochi streti, le urechie un po' piˇ 'tente: "Fioli, tireve su, moveve ! E' qua de sota ľ nun fatelo 'spetÓ". Ce vestimi de fuga, costume sopro le mutande; inscemiti de sonno, curemi giˇ pre le scale. De fronte a la Capitaneria de Pesaro, ce sta ¨ spiazo, po' 'na strada, po' el portuľcanale. Traverzami, eca la barca crema e verde che dundulava nte l'aria del matino. "Venite ragassi, state atenti a montar su, ecco, prendi la mia mano, adesso si parte per l'ampio mare".

El mare era guasi sempre bonu - d'un verdˇ rasicurante. Io nun c'avevo diec'ani, mi surela oto: 'sto omo che ce purtava in barca era 'n cunuscente de mý padre. A babu nun j'era parzo el vero quanto l¨ j'aveva dito: "Comandante, potrei portare i suoi figliuoli in barca ľ a Lei va bene ?". Babu dava i permesi pre le licenze da diportu ľ cusa sapeva che, dal purtˇ, 'n bel giornu, saria sbugato l¨.

Erimi ntÚla barca de Pavaroti.

Vuleva insegnace a fa el sci d'aqua, che i fioli sui erene boni da fa. C'aveva 'na pacenza da santo. Miga era 'na roba facile: nÚ pre l¨, nÚ pre te. GiÓ iu ero uno pogo cuntento ntÚ l'aqua: luntano da la spiagia, c'avevo fifa. Po' avevi da muntÓ ntÚl sci, metece i fetoni, daje el via, l¨ partiva de cariera "per far salir lo sci", a me nu me saliva altro che la striza, finivo nte l'acqua de boca tute le sante volte. Lu aveva da fa manovra,  rimetese de culu pre ricuminciÓ, na bela manfrina. "Signor Pavarotti"-  iu dito a 'n certo punto -  "fa lo stesso grazie ma per oggi ho sciato a sufficienza". Rideva cˇ na facia operta e tranquila. "Ma come vuoi tu, adesso magari prova la tua sorellina". "La mia sorellina" diventava piˇ bianca de la neve, cu le mÓ strigneva el bordo de vetruresina, e me smiciava pre chiedeme aiutu: ma cume se faceva a dý de no a st'omo cuscý impurtante ? Quanto i fioli erane tuti nte l'aqua, la barca se sdelmava tuta da la parte ndˇ che c'era l¨: era groso veramente 'nbel po'.

Pavaroti c'aveva 'na vila sopra el cole de Pesaro, guasi de fronte al porto.  Era bela, c'aveva un giardý curato e in ordine, e de dietro, me pare, puru la piscina. Ma pr˛ me ricordo be' el campo da boce: quanto el zole 'ndava a durmý ntÚl mare, Pavaroti giugava cˇ chi c'era lý pre lý a casa sua. Cuminciava sempre proprio prÚ divertimento, infati i fioli erene invitati a fÓ 'n po' de tiri. Se faceva le sete e meza, el fatore (che je curava il giardý) se avicinava al campo, smiciava incuriusito i tiri de tuti. Quanto Luciano el vedeva, se indrizava, je legevo 'n espressiˇ diverza ntÚla facia, "Una partita" digeva al fatore che senza nemanco discure, lentu ma cˇ orgojio, je se meteva al fianco. Bucý, prima bocia, segonda, Pavaroti in testa, el fatore se piega, pia la mira, sbocia tutu, la roscia sghiza via, la blu dÓ na paca ntÚl legno, de rimbalzo se incola al bucý, aplausi al fatore, vinge l¨. Se capiva che sta lota era un rito: e se vedeva puro che al tenore, je rusigava de perde.

La sala era grande e c'aveva dele porte finestre, che cui caldi d'estate erene operte su 'l giardý. In t'un cantˇ ce stava 'n pianoforte a coda longo longo. Na sera passavo giˇ de lý, 'ndavo verso el cancelo de uscita, che babu m'aspetava ntÚla machina.  Da fori, se sentiva el piano che faceva le scale: prima el piano, po', priopriu quanto me so truvato davanti ale porte finestre, 'na roba incredibile m'ha strunato le rechie. Ho da dý che solo dˇ volte in vita mia me so truvato de fronte a fati sopranaturali e del tuto inaspetati, quanto che la natura te mete de fronte, digo pre dý,  un uragÓ, un volcano in eruziˇ, robe che te fa sentý piculo e fragile. La prima volta e' stato quanto, nel setantadˇ, ho inteso el buato del teremoto d'Ancona. La segonda, quanto ho inteso la voce de Pavaroti che faceva le scale. M'ha fato cuscý impresiˇ che so fugito.

Schafer, el grande dramaturgo Inghelese, ntÚl pezo Amadeus (da cui el filme) ha svilupato 'na tesi impurtante: che pre capý el genio de un genio, hai da ese un mezu genio puro te, anzi, pi¨ genio c'hai, mejio el capisci. E po' che el genio in sÚ, c'ha dele picule manchevoleze, stramberie, cumpurtamenti scemi, che in qualche modu te fa sembrÓ el genio un po' pi¨ "nurmale". Luciano Pavaroti c'aveva 'na voce che nun era nurmale, era propriu un fenomeno dela natura, un mistero: int'un'intervista, ha dito "Dio ha baciato le mie corde vocali". Sto dono pudeva puro esse na malediziˇ pre sto omo, perchÚ a esse eceziunale (ciue', al de fori de la norma) nun Ŕ qualc˛ che semo tuti nati pre gudÚ o acetÓ. Ale volte, el genio (l'anurmalitÓ) se sofre cume na cundana. Pavaroti stu dono fenumenale nun je dava impicio ľ el zapeva usÓ senza che "esso" usasse a l¨. C'era dele volte che me pareva lu se sentisse in duvere de fa sentý a la gente cule note precise, cula voce putente: si el Zignore j'aveva dato sti bagi ntÚla gola, chi era l¨ pre tenesseli tuti per l¨? Pre questo vuria dý che Pavaroti c'ha fato diventÓ geni a tuti: perchÚ avevi da esse un matˇ pre nun capý sta cosa. NtÚ qule sfide al fatore, qule gite in barca, c'era 'n omo che nun se credeva superiore al creato. Pre tenÚ bono el dono suu, aveva da ndÓ su e giˇ pre tante scale, e qualche volta, avrÓ puru fato fadiga.

Quanto erimi ntÚ l'aqua, l'ho visto 'na volta che guardava in luntananza, al mare operto; nialtri fioli ridemi e facemi casý, lu era assorto int'un penziero suu, surideva, chisÓ cusa penzava. Pareva felice.


torna al'indice de LisÓ