Sprufumo de Londra... anzi, pŔsta!

(cume campa 'n ancunetano senza le concule)

a cura de LisÓ (al zzeculo Alex Acuroni)

 

ę Alessandro Accoroni & AnconaNostra


Repurtage:

"Dˇ minuti per la vita"

Londra, 14 lujo 2005"

 

Rivo al lavoro el quatordici de Lujo in ritardo de guasi venti minuti. El caldo ntÚla metro ogi ciÓ smassagrato. I ritardi e el tempo fermi ntÚi tuntÚle a spetÓ da ripartý ciÓne fato avÚ penzieri bruti.

Un ragazo Islamigo c'un zaineto nero ntÚla schina se teneva la dona sua braciata ntÚ la calca urenda del vagˇ nostro. Lia el guardava cuj ochi dela paura da sota al velo che j cupriva la testa. Erane circundati da nialtri "ucidentali" che li guardami pure nialtri c'un misto de paura, de pena, de dubio.

"Se strignene perchÚ ciÓne fifa, o perchÚ fra un paro de minuti se farÓ saltÓ pr'aria?"

Me vergogno di 'sti penzieri che me viene ntela zzoca prima 'ncora de rŔndeme conto. NtÚi pagni de loro, quanto dolore a duvÚ esse ntÚ sta pusiziˇ, come i cumunisti itagliani quanto le brigate rosce hane rapito a Moro: a usÓ pezi de l'ideulogia cumunista pre giustificÓ quelo che chi se chiamava Cumunista nun avrýa mai fato. Epure el penziero Ŕ lý a fate dubitÓ del vicino, del cunuscente, ma sopratuto de' scunusciuto.

NtÚla porta del Dipartimento un cartelo: "Ogi se cumemurerÓ i morti dele bombe del sete Lujo. A mezugiorno ciavÚ el permeso de uscý e 'ndÓ fori a fa stu gesto de sulidarietÓ".

Chiamo un paziente mio che ciÓ l'apuntamento a mezugiorno; el trovo, ce metemo d'acordo che venisse a mezugiorno e meza.

Un quarto a mezugiorno, vago gi¨ dal fioraio cu' na culega. C'un paro de mazi de fiori - che manco Ŕmi guardato - famo Gower Street pr'andÓ giˇ a Tavistock Place 'ndˇ che Ŕ scupiata la bomba ntÚl tranve. I curdoni de pulizia per˛ ce ferma a na distanza de almeno 500 metri. Dai ufici, univerzitÓ, negozi, metro esce cumpostamente e in zilenzio na marea de gente, tanta gente, ma cuscý tanta che m'ha impressiunato.

Senza bisogno da dýsselo, qui 'torno semo tuti 'ndati ndˇ che la tragedia Ŕ sucessa, un cumpurtamento d'j esseri umani che dice tuto quelo che c'Ŕ da di, senza na parola, su cus'Ŕ che ce fa esse cuscý.

Cume dirÓ dopo Ken Livingston (el Zzindico de Londra) ntÚla veja a Trafalgar Square ntÚl pumerigio, Pericle, che Ŕ stato el primo Sindico de Atene, ha dito "La cittÓ Ŕ la cosa pi¨ importante che c'Ŕ, e tuto fluisce alla cittÓ, e la roba pi¨ grande de tuto Ŕ la gente".

I dˇ minuti inizia c'un fischio legero de sirena. I pulizioti de lÓ dal curdˇ sbassa le teste. I c˛chi e le done dele pulizie del'UniversitÓ se irigidisce. I lavuratori dej ufici guarda per tera. Lagrime che nun avrýa mai creduto da pudÚ verzÓ me viŔ gi¨ dai ochi chiusi.

Sento impruvisamente e per la prima volta, da quanto s˛ venuto a vive quass¨, che sta citÓ e sta piaza e stu silenzio de dulore m'apartiene. El busse saltato pr'aria era el busse mio, ndˇ che ce sarýa muntato come tuti i giorni, io o 'n'altra perzona qualziasi.

Me sento uguale a tuta sta gente stragnera e estrania che me circonda. La bomba nun m'ha preso solo perchÚ Ŕ scupiata de Giuvedý, e qul Giuvedý invece de passÓ de lÓ, magari pr'andÓ a inzegnÓ al'Assuciaziˇ dej Infermieri come ho fato do ani fa, o fa jogging cula culega mia cume fago ogni tanto, o andÓ giˇ a leziˇ de Terapia Sistemica, io ero ntÚ la metro, scuciato de ritardi fori da ogni misura usuale.

El zilenzio e la gente che se sciuca i lagrimoti cu le mÓ me fa sentý parte de na citÓ che me dÓ da vive, e che io j dˇ la vita mia: e me dÓ speranze e delusiˇ, giorni beli e giorni da sbate la testa 'nt'un muro dala rabia, cula piova che me foga e la nustalgia de casa mia. 'Na cita ndˇ che lavoro e pruduco, ndˇ ciˇ pr'amici done, fioli, pazienti e cunoscenti neri, inghelesi, giamaicani, africani, bianchi, e de tute le religiˇ. Me pare pr'un mumento de cunosceli tuti adŔ che stamo qua in te 'sti dˇ minuti de silenzio de la vita nostra ndˇ che emo da piagne i morti de 'ste bombe ideulogiche, pre nun dý "religiose".

La sirena sona 'n'antra volta. Aritrovo la culega e senza dý 'n verbo andÓmo a vÚde 'ndˇ che se pole mete sti fiori pr'i morti del busse. La pulizia ce fa fa 'n giro de l'orto pr'arivÓ a na chiesa a meno de 400 metri da ndˇ c'Ŕ stata la strage. C'Ŕ ressa, molte telecamere, futografi; me pare avultoi che se buta a magnÓ 'n cadavere. Sula scalinata davanti a la chiesa, un lenzolo co' nÓ scrita a penarelo de gente che dice quelo che pole pre manifestÓ dulore e sulidarietÓ. Su 'na cul˛na qualcuno ha tacato ala meno pegio 'na bandiera de la Nigeria c'un po' de nastro adesivo, perchÚ sta morte nun ha guardato ntÚla facia a niusciuno e ha livelato religiˇ e naziunalitÓ, culore, classe e culture.

Turnamo al lavoro, passamo davanti all'University College Hospital, impunente ino al laburismo de Blair, custruito a tempo de rŔcurde e aperto solo tre setimane prima che la bomba scupiase dˇ strade pi¨ in giˇ. Ho leto ntÚi giurnali che i muratori che stavane a costruý altre struture uspedagliere proprio qui - queli che avevo visto giuvedý scorzo a spindulˇ dale impalcature, cule giube giale fusfurescenti e i caschi bianchi 'ntele mÓ - dopo un po' Ŕne andati in uspedale a dý: nialtri nun pudemo fa niente, ma pro' sÚmo qui pre dunÓ el zangue nostro.

El penziero me va a qui quatro fioli che s'Ŕ fati saltÓ pr'aria in nome de 'na lota che nun cundivido e fˇrze nemanco capiscio: quatro famijie che nun zapevane gnente adŔ ene nascoste dala pulizia pre paura de rapresajie e piagne i loro morti pure loro.

E per quanto vurýa riuscý a udiali, nun z˛ perchÚ, nun ce riescio in niusciuna magnera. Forze c'Ŕ tropo de la natura umana che vedo ntÚl mestiere mio ogni giorno pre riuscý a dý che vedo la pajuza 'ntÚ j ochi de loro, ma no la trave ntÚi ochi mii.

Trope guere religiose e ecunomighe, tropi fanatismi, tropi morti mazati ntÚi seculi senza mutivi validi e veri. Tropo odio ntÚ sta tera, e ntÚ quei dˇ minuti de silenzio rifletevo sul messagio de Cristo, c'hai da perdunÓ a chi te fa del male: perchÚ me pareva fosse l'unica suluziˇ pre stu problema che nun ze risulverÓ mai a forza de vendete e rapresaje. El zangue chiama altro sangue, e pr'una volta ho capito cusa significa el deto "Lasciate che i morti sepeliscano i morti".

 


torna al'indice de LisÓ