El v e le cantine suciali

Passegiate alcolighe in cumpagnia de Pieru Rumagnoli


 

Si tuti i curnuti

purtasse un lampi...

uvero: l'Usteria de Mimta

(da: "Fontane, canle e cantine"

de Giorgio Ochiudoro)

3

Conte Leopardi

L'usteria de Mimta stava, cume dice 'l grande Ochiudoro "gi per Via Safi" che prima dj bumbardamenti era la via pi impurtante del ri del porto. Qualchiduno de vujaltri ha inteso mai a d n'antigo pruverbio ancunet che dice: "Si tuti i curnuti purtasse un lampi..."? Mb, ad Ochiudoro ve spiega da nd vi sto pruverbio e sopratuto... cume va a fen! Cupiamo paro paro da l, quantu parla Ochiudoro nialtri nun pudmo f altro che st zziti...

"A pruposito de sta cantina se raconta che na sera, dopu cena, quantu era guasi piena de gente, chi pe' na partitla a carte chi pe' f na chiachiarata, oltro ala bichierla, un certo Gust el blo, cun tutu che ciavea moje e fjoli, se vantava d'esse un dongiuvni: diceva che a l j bastava n'uchiata pe' f sbrumbul cre e budli d'ogni ragza!

 "Fjoli cari, bli se nasce, oh!"

Uno ch'era 'n po' che 'l stava a sent e che gi j pareva che 'l discorzzo era stato tropu longo, j risponde: "E curnuti se diventa!"

Nun l'avesse mai ditu! Gust l'ha presa male 'n bel po' e cusc cuminciata na scazotata infr i d che int'un mumento s' slargata pure a queli che cercavane de spartli!

Quantu el Maresciale d'i Garbigneri, che ogni sera faceva 'n girto intorno ale cantine, se stava pe' faci ala porta, uno che l'aveva intravistu, urla: "Pago da bve a tuti!" Alora, cume si fosse stata dta na parola magica, tuti se fermane, cuminciane a rde e a scherz intanto che l'oste rimpe i bichieri, po' el pi spiritoso azarda: "Ma ogigiorno chi nun curnuto!... pure el prete benanco nun ci la moje del suo!" E, alzando un bichiere: "Si tuti i curnuti purtasse un lampi, madna mia ch'iluminazi!" E intona un coro.

El Maresciale, che ciaveva na bela moje, richiude, discreto, la porta e passa a n'antra cantina!

Quantu a scola studimi le puesie de Giacomo Leopardi, dmo la verit, a parte 'l fato che erimi fieri del fato che sto grande pueta era marchigi, ma pr chi de nialtri nun ha penzzato che sc, sar stato ancora bulo cume pueta, ma era 'n gran sfigato: bruto, gobo, timido, pessimista...

Ma chi cunosce b la famija Leupardi cel zz che Giacum era n'ecezi. Si c' gente che j'ha sempre gustato a divertsse, a spnde i quadrini, a and cule dne e a f la bela vita, questi propio i Conti Leupardi de tute le generazi! Pecato davero che l'unigo de loro che diventato famoso era propio quelo meno alegro de tuti!

E ve pare che i Conti Leupardi nun avesse da d la loro nt n'argumento che apunto na gioja dela vita, e ciu el v?

L'azienda vinicula dj Conti Leupardi Dittajuti st a Marcli, propio a d passi da nd venuta su qula brutura del Grand Hotel Santa Cristiana che, bruto sc, ma ha fato la furtuna de Marcli. Dal Santa Cristiana ce pud ariv ancora a piedi cula strada de campagna che sale verzo l'interno. Fa impressi, na volta entrati ntl'azienda, la calma e la pace dela bla casa de campagna e del parco che j sta intorno, in cuntrasto cul cas turistigo de Marcli.

Quantu al v, l'azienda del Conte Leupardi cel zz per davero 'l fato suu. Questa n'azienda che pruduce Roscio Conero, ma che bisogna st atenti sopratuto ai bianchi che fa. Ce n' de tre tipi: el Bianco del Coppo, forzze el mejo e 'l pi naturale, un IGT (Indicazi Giugrafiga Tipiga) che se beve che na meravija; el Calcare e el Villa Marina che ne pi pretenziosi (li pud and a vde ntl zzito Intern:

http://www.assivip.it/aziende/conteleopardi.htm)

Ma a nialtri 'l Roscio Conero che c' interessa: quelo del Conte propio classigo: se trova quelo sfuso da bve tuti i giorni, se trova la verzi riserva Pigmento - molto bono davero! 'n v che nun capita da truv tuti i giorni! - e la selezi "Vigneti del Coppo" che unestamente nu' la cunoscio.

Cume urmai va de moda 'n po' dapertuto, specie ntj posti nd ce capita tanti turisti, aqu nun ze vende solo v, ma ancora ojo, miele e cunzerve. El negozio operto al publico na vera scicheria.

Per fen: n'azienda picenina, ma molto 'ristucratiga, na bela pausa dal cag de gente che c' a Marcli, bei bianchi e 'n roscio de tuto rispto.      

Ciao a tuti da Piero, l'oste de AnconaNostra

(Ndr - Nun f i maliziosi, cu sti pezi sul v nun ce guadagnamo 'n'euro!)

torna al'indice