El v e le cantine suciali

Passegiate alcolighe in cumpagnia de Pieru Rumagnoli


 

Intruduzi

 

Aqu, amici bli, discurmo de v. Cume tute le robe che j'Ancunetani j vlene b, sta parulina ntla lengua nostra ci solo d leterine: v. Nun ce cred? E alora, cus' che se magna intanto che se beve el v? El PA'!  D letere ancora l. Senza 'l v unu more de sete, e senza 'l p unu more de fame. Cusa j dighi a na perzzona bona davero? Che bona cume 'l p! E invece cusa j dighi te a na ragaza quantu j fai la dichiarazi d'amore? Te vojo BE'! N'antra parulina de d letere! Av visto che ci ragi?

De stu liquido celestiale, ntle panzze dj ancunetani de tute le epughe ce n' feniti a miglioni de litri.  Un fiume de v, pe' spgne la sete de gente che suda, discre e fadiga. Ma ancora pe' fje vde la vita, a sta gente che spesso e vulentieri ciaveva pogo da st alegri, 'n po' meno bruta de cum'era.

Sul v hne scrto i scritori de tute le epughe. J antighi rumani, pr'esempio, diceva: "In vino veritas" e magari ciavevane ancora ragi, ma a nialtri ancunetani, che semo gente 'bituata la verit a dla sul muso sempre, e senza spet da esse imbriaghi, sto pruverbio lat ce f rde. Molto mejo quelo che diceva i pueti lirighi greghi, che, tempo venticinque seculi fa, scriveva: "Riempi di vino i polmoni!", 'n cunzijo prezioso dato da gente che forzze nun era tantu b urganizata, ma che la vita la sapeva pij sempre dal verzzo giusto!

Ad ma pr fmo basta cule citazi del'antighit sin diventamo palosi, e vedmo da cap perch 'l zzito de AnconaNostra j'ha pijato el ghiribizo da discre de v.

Mb, de mutivi validi ce n' almeno tre:

- el primo che aqu tuto quelo che nun d'Ancona nun c'interessa, e alora vulmo discre solo del v d'Ancona, che miga colpa nostra si 'l mejo che se ple bve in tuta Itaglia!

- el zegondo mutivo che alora ciavmo l'ucasi bna pe' discre de na roba che in Ancona nun esiste pi, le cantine, ma che tempo meno de 'n zzeculo fa, era na parte impurtante dela cit.

- e 'l terzo mutivo che sicome nialtri tuto quelo che avemo scrto, l'avmo fato cul'idea che senza memoria nun c' n presente n futuro, alora avemo penzzato da f 'l parag de cume se beveva na volta e de cume se beve ad, e alora man mano che andamo avanti, ve presentmo una per volta tute le splendide realt vinicule dela cit nostra.

De v in Ancona ce n' uno solo, che se chiama "Roscio Conero". Dice, e 'l Verdichio? El verdichio, gente mia, solo i pupi ple penzz che d'Ancona! Sicome a nialtri Jesi ce pare ancora pi luntano da Ancona del Piemonte, piutosto che de verdichio ce metmo a discre del barbera, me so spiegato? Quindi aqu se parla de v ROSCIO! Roscio cume 'l zzangue, che pare da na recente indagine mediga che ntle vene dj  ancunetani ce ne sta 10 litri invece dei 5 del resto del mondo e ala temperatura de cinquanta gradi invece de trentaste....

De cantine 'n zzeculo fa in Ancona ce n'era 210. Av capito giusto: docento e dieci! Cume scrive el grande Giorgio Ochiudoro, a qui tempi in Ancona ce stava de casa 21mila perzzone, cumpresi vechi e fjoli: quindi na cantina ogni cento perzzone....f 'n po' vujaltri! Ad le cantine nun esiste pi, perch gambiato sia 'l modo de bve che 'l modo de st inzieme (el primo gambiato in mejo, el zzegondo forzze no....). Ma Ochiudoro prima de lasci sta Tera ci lasciato 'n libro meravijoso che ce parla sia dele cantine de na volta sia de quelo che ce sucedeva drento... e nialtri avmo penzzato che nt sta rubriga le sturile d'Ochiudoro ce stava propio b.

D'acordo, nun ce sar pi le cantine al giorno d'ogi, ma almeno ce s le cantine... suciali! E ce s i prudutori de v, che da decni ha pontato sula qualit e i risultati che ha ragiunto ne davero de tuto rispto.

Nt sta rubrighta, alora, ogni volta metermo inzieme el vechio e 'l novo. Ve racunteremo na sturila del v de na volta e ve parleremo de 'n prudutore de v d'i giorni nostri.

Ad ve saluto, perch dopu tuta sta schiachiarata m'ho da sciacqu 'l gargalzo. Cun cosa? Induvin 'n po' vujaltri!!!

 

Ciao a tuti da Piero, l'oste de AnconaNostra

torna al'indice