Clicca per tornare all'indice

la rubrica de cucina

in vernaculo ancunetano

 

Eugenio Gioacchini (Ceriago)

El stucafisso a l'ancunetana (come el fa Silene)
dal volume
"Fresche e bone"


Ma per esse sciguri come viene
bisogna falo come el fa Silene
el stucafisso in teia.
So che lia prima da tutu pa
la pigna e p ce mte, b stivate,
un strato de patate
ch'ha taiato a scaioni inerti un deto.
Ce spande sale, pepe e un giardineto
come 'na balzamela - che ha tritato
a parte, fino fino e p ha mischiato
inzieme a l'oio a stufu. Sta salzeta
de pumidori, ulive, d'aio, erbeta,
caperi, alici, tno, uzemar
- tutu da crudu - ha guasi da copr
(l'oio, ce tiene a d, nun mai tropo)
lavato, senza strenge, b spinato,
e salato e pepato.
Ce gionta un tantinelo
de buru, copre, mte a fogarelo
lento. Ogni tanto quando pia bulore,
come 'na fiola quando fa a l'amore,
j fa le carezine col cuchiaro,
j da 'na pressatina ch sia paro,
speta che l'aqua sua se sia sciucata,
da 'na calculata
e quando c' rimaso el culor d'oro,
soride e dice: "Gode stu tesoro!"

indice