Clicca per tornare all'indice

la rubrica de cucina

in vernaculo ancunetano

 

Ernesto Marini (Nazar)

E' stucafisso "ragno"
dal volume
"La voce e l'anima del populo"


E' stucafisso, coco, un gran licheto,
te dighi che te piace ... se sapr ...
ma dii d'and in Nurvegia per pruv
sel fa pi bono ... a va a fischi al Pinceto!
I nurvegesi bravi, sci, a pesclo,
ne pine a tunelate qula gente,
ma pilo solo, fiolo, sara gnente,
l c' da lavuralo, stagiunalo ...
che queli del mistiere chi tel nega,
tuti prufessori ... sci Dum,
ma questa n'antra roba, hai da sap,
che a no' nisciuno, belo mio, ce frega.
Lass sarane bravi, gente bona ...
queli pre' stucafisso ne campioni,
ma pr per cucinalo ... e me coioni,
ce vo' la gente nostra oh, d'Ancona!
Ste done ce s'impegnene l'unore,
tel zane fa come nel fa nisciuno,
la pesta la straforma int'un sprufumo,
'nte' stucafisso te ce mischia el core.
Ma t'ho da d, car, che quelo bono
che cerchi te, nel trovi dapertuto,
al mondo c' del belo e c' del bruto,
io me ricordo che diceva nono:
- E' stucafisso ha da vesse 'l "Ragno",
che viene gi da ... nun cel z d'ind,
quelo nepot' bono un gran bel po',
io me ce lico i bafi quant'el magno! -
Sel vi, va l da Fabio ... sci, al mercato,
da qui ragazi ... l da "Giuvach",
va drento a qul negozio ... avrai da d
che quel ch'hai visto, fiolo, t'ha incantato!
Ma giusto i poli, i svincisgrassi, oh!
Fate d 'l Ragno e quant' cucinato,
te paparai de core e sudisfato,
te licarai i bafeti ancora te!

indice