Clicca per tornare all'indice

la rubrica de cucina

in vernaculo ancunetano

 

Ernesto Marini
La tripa de Garola
dal volume Pianto, amore e un po de bonumore


 

- Garola, cii la tripa pe stasera?
- Sa che ce lho, da quanto che so nata,
sar n po tustarela, stagiunata ...
lassamo i scherzi ... ce nho meza intiera.

Te l zai cum la tripa, Biribna?
Lho fata bianca come na salvieta,
gurdela l pulita sta tripeta,
ci fadigato tuta stamatina.

Gi questa lessa, ho gi manito tuto,
tenera un bel po ch de mungana ...
ci qui i udori, va, la magiurana,
aio, panzeta e grasso de presciuto.

E di de gratacagio, di sapore!
El vedi el cundimento che ce meto?
E dime, te ce piace el diavuleto?
Quest mentucia, pia, sente che udore.

Ma te vedrai stasera coco belo,
quanto la gusti cun la boca e l core,
cul cerasolo novo del fatore!
- Va b, ce cantaremo stu sturnelo:

La tripa bona, ghiota, deliziosa.
ma questa de Garola nantra cosa! -

indice