vernaculo e diauleti

roba al peperuncý, riservata a 'n publico magiurene

 

Cenerentula e l'inguria

 

Cenerentula vole andÓ al balo che ce sarÓ al castelo del Principe e dumanda el permesso ala fatina, che jÚ dice de sci, basta che artorna prima de mezanote, sen˛ per puniziˇ jÚ trasforma la passerina int'un'inguria.

Cenerentula, che l'anguria nun l'ha vista mai e nun za mancu cus'Ŕ, jÚ dice de sci e va tuta cuntenta ala festa.

Incontra el principe, bÓlane inzieme, ma lýa ciÓ fuga 'n bel po' e cuscý guanta el curagio, el pia da na parte e j dice: - Dai, andamo a face le careze e le cocule da na parte ndˇ stamo 'n po' tranquili, che io devo turnÓ a casa presto! -

- No - jÚ dice l¨ - io ci˛ da fÓ cuj ospiti, l'ho da intratenÚ, da fÓ divertý. -

Passane le ore, Cenerentula Ŕ sempre pi¨ preucupata de duvÚ arturnÓ a casa senza cocule, ma intanto l¨ Ŕ sempre tuto preso daj intratienimenti; a 'n certo punto, in mezo ala sala, el Principe richiama l'atenziˇ generale e dice:

- Come vuialtri saprÚ, io so de ritorno da 'n paese urientale, e da lÓ ho purtato 'n fruto novo, esoticu, che se chiama inguria; Ŕ dolce, zucherý e pieno de sciugo. -

Cenerentula, ntÚl fratempo, sempre pi¨ inervusita de st'atesa cuscý longa, cerca de piÓlo pr'un bracio:

- E dai, ndamo de lÓ, ndÓmo 'n po' a divertýce, che io tra pogo devo fuge via e turnÓ a casa! -

- Aspeta 'n mumentý, che adŔ ce guarda tuti. - jÚ risponde l¨, e prununciate ste parole artorna in mezo ala sala, guanta l'inguria e dice:

- 'N po' d'atenziˇ che adŔ ve inzegno come se magna l'inguria. -

Taja na bela feta e po' ce sprufonda la boca, mociga, se sbrodula tuto, lica e' sciugo che j sgocia da tute le parti, l'arimociga, la ciucia e la rilýca; e mentre j ospiti se avicina per pruvÓ 'ncora loro qul fruto cuscý invitante, el Principe va verzo Cenerentula e jÚ dumanda:

- Tesoro, a che ora avevi dito che duvevi turnÓ a casa? -

E Cenerentula: - Ma ... nun ci˛ fuga, ale tre, ale quatro ... quanto me pare a me!


torna al'indice d'i peperuncini