vernaculo e diauleti

roba al peperunc, riservata a 'n publico magiurene

 

Baldoria de dne

 

D dne de na quarantina d'ani, spusate da parechi aneti, smaniane de scap na sera da per loro senza i mariti, e preso el curagio a quatro m decidene de and a cena e a fa baldoria.

Vane int'un bel risturante, magnane a quatro ganasce e bevene a rota de colo, v dele marche pi mejo, alcolici, superalcolici, digestivi, mazacaf, inzoma se imbriagane come d tope.

Uscite dal risturante montane in machina e vane a fa un bel giro turistigo, ma pe' strada, visto quante robe s'erane bevute, a tute d j scapa un bel po' da pisci.

Se fermane sul bordo dela strada, vicino a 'n cimitero de queli picoli de campagna, e entrane per sudisf i bisogni fisiulogighi, scigure che l nun le vede nisciuno.

La prima se coscia gi, se cala i slipe, f quel che deve f e po', visto che nun ciaveva le salvietine prufumate, se sciuca ben b cule mutande, po' le buta via in mez'al'erba e s'alza.

La segonda fa e' stesso servizio, ma visto che pe' la serata aveva messo un par de slipe firmati, j dispiace de butali via, e cusc slonga na ma dietro la schina, strapa el nastro dala curona de na lapide, e ce se pulisce ben b.

Qualche tempo dopo i d mariti se incontrane pe' strada; el primo dice:

- Hai visto che bela roba che avemo cumbinato? M' andato a monte el matrimonio! La sera dela cena mi moje arturnata a casa ale sei de matina, imbriaga e per de pi senza mutande! Miga pudevo pass sopra sta facenda, so andato dal'avucato e ho chiesto la separazi. -

- E io alora cusa duvra d - f el zegondo - ancora mi moje arturnata ale sei imbriaga dura, e pure lia era senza mutande ma per de pi ciaveva na cucarda roscia infilata in mezo ale chiape cun scrito "Nun te scurderemo mai. Giuglio, Ignazio, Pino e tuti j amichi dela palestra"! -

 


torna al'indice d'i peperuncini