vernaculo e diauleti

roba al peperuncý, riservata a 'n publico magiurene

 

El liftinghe

 

Alora, ce sta un tardˇ de 52 ani che se sente ancora giuvineto, e decide de fasse un'uperaziˇ de liftinghe per levasse le rughe che incumincia a ruvinÓje la facetina.

Se afida al chirurgo plastigo pi¨ mejo che ce sta in circulaziˇ, e quanto torna a casa dala cliniga se guarda ntÚl primo spechio che j capita tra le mÓ e se meravija de come s'Ŕ ringiuvanito.

Alora decide de fa na prova, scapa de casa, e va ntÚ na zona dela citÓ indˇ nun el cunusce nisciuno; entra ntÚ un negozio, compra qualcosa per scusa e taca a discore cula neguziante, po' j dumanda: - Signora, me diga na roba: quanti ani penza che ci˛ io? -

Quela el guarda un tantinŔlo e po' fa: - Quaranta, quarantadˇ al massimo. Ci˛ induvinato? -

- Grazie signora - arisponde l¨ - ci˛ 52 ani! -

- Cumplimenti!!! - arisponde lia.

Lu esce tutu sudisfato dal negozio e se infila int'un MecDonalde, fa la fila, pia un cisburghe e quant'Ŕ ora che paga fa ala cassiera: - Signurina, me diga na roba: quanti ani penza che ci˛ io? -

La cassiera el guarda 'n po' impenzierita e po' j dice: - Trentacinque! -

Lu guasi che se piscia adosso dala cuntenteza, se slonga sopro el bancˇ e la bagia, po' va a magnasse el cisburghe tutu cuntento.

Finito de magnÓ scapa dal MecDonalde e se incamina verzo casa, ma ntÚl mentre che incrocia na vechieta de 'n'utantina d'ani, sdentata ma simpatiga, la ferma e j fa: - Nuneta, dime 'n po', quanti ani me dai? -

Lia el guarda, j se vicina ala rechia e dice sotovoce: - Io ci˛ un zistema infalibile per induvinÓ l'etÓ dej omini... j meto na mÓ drento le mutande, j sento 'n po' l'afare e el giogo Ŕ fato... induvino al cento per cento! -

Lu quanto sente dý cuscý j pýa un singhiozo, ma po' se fa curagio, vane tuti e dˇ dietro ala frata e lia slonga la ma e l'infila drento a calzoni e mutande, sta lý un tantinelo a girÓsse el giugarelo tra le mÓ, po' el guarda fisso ntÚi ochi e dice scigura: - 52 !!! -

Lu guasi che sviene, nun ce crede che pole avÚ induvinato cun qul zistema cuscý strambulo, alora preso dala curiositÓ la guarda tuto meravijato e j dice: - ╚ na roba da nun crede, ma cum'ha fato??? -

- Ero dietro de te ntÚla fila da MecDonalde, oh bruto ciamboto!!! -

 


torna al'indice d'i peperuncini