Barzelete

Ancunetane

arcolte qua e l


....  Quele nove  ....

 

Capuceto Roscio saltata in padla al'ancunetana

 

Capuceto Roscio sta a traverz el bosco in bicicleta, pedalando e  cantichiando come na pasqua; al'impruviso j se para davanti el Lupo che j fa: "B!"

Capuceto Roscio, spaurita, casca dala bicicleta e se mete a stril come n'ussesso: "Fanculo stronzo! M'hai roto la bicicleta, ad come fago?"

"Per carit - j fa el Lupo - sta zita, nun stril, ad po la saldatrice e te la cumdo... basta che nun strili pi che ci l'utite e me fa male le rechie!"

Va a pi la saldatrice intla grota de casa, cumda la bicicleta, la rid a Capuceto Roscio e po' arpa la strada sua facendo finta de gnente, ma va un po' pi avanti a prepar n'altro aguato; quanto ariva qula diavula de fiola salta fori al'impruviso dala frata e: "B!".

Come la prima volta, Capuceto Roscio se spaurisce, fa n'antro capitombulo e la bicicleta s'arirompe; "Stronzo fanculo! M'hai roto la bicicleta n'antra volta, ad come fago?" e se rimete a stril come na sirena.

"Per carit - j rif el Lupo - sta zita, nun stril, ad po la saldatrice e te la cumdo... basta che nun strili pi che ci l'utite e me fa male le rechie!"

Va a ripi la saldatrice intla grota de casa, cumda la bicicleta, la rid a Capuceto Roscio e po' arpa la strada sua facendo finta de gnente, ma va un po' pi avanti a prepar el terzo aguato penzando "Stavolta o la va o la spaca!".

Quanto vede riv Capuceto Roscio arisalta fori al'impruviso dala frata e j rif: "B!".

Manco a dlo, Capuceto Roscio fa n'antro cristo, pegio dei primi d e la bicicleta se rompe in tre pezi; lia alora strilando pi forte del'altre volte, pegio del cmio dei pumpieri, urla: "Stronzo fanculo! M'hai roto la bicicleta n'antra volta, ad come fago?".

"Per carit - j fa el Lupo - te prego sta zita, nun stril, ad po la saldatrice e te la cumdo... basta che nun strili pi che ci l'utite e me fa male le rechie!"

Va a ripi la saldatrice che - nun ze sa mai - aveva nascosto dietro la frata, tanto era sciguro che j doveva riserv, po' cumda la bicicleta, la rid a Capuceto Roscio e arpa la strada sua facendo finta de gnente, e visto che era rivato vicino ala casa dela nona, entra drento, se la magna e se mete sul leto sfinito dale fadighe fate per cumed la bicicleta.

A 'n certo punto... toche toche... "Nona so Capuceto Roscio, t'ho purtato la merenda ma ci messo tanto perch pe' strada ho incuntrato quel stronzo del Lupo che m'ha fato casc tre volte e m' s' rota pure la bicicleta. Nona... ma che rechie grosse che ciai Nona..."

"Sono per sentirti meglio, nipotina mia..."

"E che mani grosse che ciai Nona..."

"Sono per accarezzarti meglio, nipotina mia..."

"Nona, ma che ochi rosci che ciai...!"

"Fanculo stronza, tuto el giorno che saldo...!!!"



....  Quele passate, ma sempre bone  ....

 

Un omo artorna a casa e trova la moje sul leto che sta a divertisse co' un amico suo; preso dal'impeto, nun ce  penza d volte, tira fori la rivoltela dal casseto e maza l'amico traditore.

La moie, senza scumponese el guarda e j dice: - Ma te voi arman senza amici? -


Natale. Un fiolo scrive la leterina a Babo Natale:

- Caro Babo Natale, st'ano per rigalo cura un fratel.

Ariva la risposta: - Mandame a tu madre


Le dumande sceme

> Se la Fabrica Itagliana Automobili Turino ci la sigla FIAT, perch la Federazi Itagliana Cunzorzi Agrari se chiama FederCunzrzi???

> Se la musarola se mete sul muso ind se duvra mete la cazla?

> Se vero che a lavur fa b, perch non famo fadig a queli che stane male?

> Visto che el Teflo(n) un materiale che nun ce se taca gnente, come hane fato a fa tac el Teflo(n) sule padle?

> Se ne rose fiorirane ... se ne cachi...........?


L'altra matina ale sete e meze me sonane ala porta; cul'ochi mezi chiusi vago a opr.

Era m socera, me f: "Possu sta aqu pr'una setimana?
"Sciguro!" e j'ho chiuso la porta. 


D amighe al talefuno:
"O cel zzai che finalmente, dopu tre ani che stamo inzieme, Massimo m'ha parlato de matrimogno? 
"Davero? E cusa t'ha dito?
"Che s moje se chiama Angela e cine quatro fjoli!"
 


Dopu mezu seculo de vita inzieme, l more; qualche anu dopu, sale in Cle ancora lia. 
Artrova subito el marito e cumincia a sgagi: 
"Amoreeee, t'ho artruvato!" 
E l: "Me pare che el Prete s'era spiegato b: Finch morte non vi separi!


El marito entra piano piano ntl lto e j dice ala moje: 
"Oh, cel zzai che s senza mutande?
E la moje: "Dum te ne lavo 'n paro"


Chi ci ragi

Na fjola dumanda ala mama:
-
O mama, dme npo', cume cuminciata la raza umana? -
-
Dio ha creato Adamo ed Eva e loro cine avuto i fjoli. Tuto cuminciato da l -
Do giorni dopu la fjola arf la stessa dumanda al padre.
E babo j'arisponde: - Tanti seculi fa c'era solo le scimie, j omini miga c'era, Passa 'l tempu e npo' per volta le scimie cunmincia a sta in piedi finch nun se trasforma in omini -
La fjola nun ce sta a cap pi gnente, alora artorna dala mama: - O mama, ma cus' sta storia che te me dighi che ci creato Dio e invece babo dice che venmo dale scimie? -
-
Tesoro, io t'ho racuntato dela famija mia e l dela sua! -  


Capucini

- Ohhh, av inteso el giurnale radio de ogi? -
-
No...perch?...cus'ha dito? -
- Che de colpo fugiti tuti dal Cunvento de Roma! -
-
Ah, sc?...e cum'? -
- Perch da quantu c' andato a st de casa, l'unurevole Marrazzo ha fato sap che l tute le matine quantu se sveja se f 'n Cappuc! -



Chi ha ragi, la Bibia o Darvi ???

Na fjola dumanda ala mama:
- O mama, dme npo', cume cuminciata la raza umana? -
- Dio ha creato Adamo ed Eva e loro cine avuto i fjoli. Tuto cuminciato da l -
Do giorni dopu la fjola arf la stessa dumanda al padre.
E babo j'arisponde:

- Tanti seculi fa c'era solo le scimie, j omini miga c'era, Passa 'l tempu e npo' per volta le scimie cunmincia a sta in piedi finch nun se trasforma in omini -
La fjola nun ce sta a cap pi gnente, alora artorna dala mama:

- O mama, ma cus' sta storia che te me dighi che ci creato Dio e invece babo dice che venmo dale scimie? -
- Tesoro, io t'ho racuntato dela famija mia e l dela sua! -


In lavanderia

Se sa che de sti tempi l'Ancona de pal ci i bufi dapertuto, e alora la Dita che ci l'apalto dele majte se rifiuta da cuntinu el prugrama de ripristino dopu le partite.

Ma pr le majte hne da esse lavate pela partita dopu, a alora el presidente Schiav mete ntle m del custode de' stadio na carta da cento euri e j f:

- Toh, pija ste venti majte e portale a lav ala lavanderia su per Via Rismondo dietro a' Stadio Bar -
El custode pija la roba e se presenta in lavanderia. La dna j f:

- Che ciclo ho da us pe' lav sta roba? -
- Boh, miga cel zz! -
- Guardi cusa c' scrito ntla majta, da l se capisce -
- C' scrto davanti Ancona Calcio, de dietro c' i numberi e i nomi -


Risultati de test scientifighi
1)   Aj alimenti ce vole 7 segondi per pass dala boca al stomigo
2)   El pelo d'un cristi pole rege fino a 3 chili de peso senza strongasse
3)   El biselo (sci, sara el pene) de un omo misura nurmalmente tre volte la longheza del police suo
4)   El core de na dona bate pi svelto de quelo de un omo
5)   Int ogni piede ce campane almeno un migliardo de bateri e migropi
6)   Le done sbate i cigli do volte pi svelte dej omini
7)   Tuta la pele che ciavemo adosso pesa d volte el peso del cervelo
8)   Quanto un cristi sta in piedi fermo usa almeno 300 musculi per arman in equilibrio
9)   Le done hane gi finito de lege tuta sta roba
10) J omini se stane ancora a misur el police!!!


Prutestanti

Na delegazi cumposta da na girafa, un elefante e un struzo femina ariva in Paradiso per esse ricevuta dal Padreterno.

Per prima entra la girafa che cumincia a fa i lagni sui: - So tropo bruta, Signore, so strana, cu stu colo cusc longo, me vergogno a and in giro, nun se pudra gambi qualcosa e fame un tantinelo mejo? -

- Sei proprio ingrata - j fa el Zignore - t'ho fato un colo cusc longo per fate riv in cima ai alberi in modo da magn le punte tenerele ind j altri nun ciarivane! E ad va a riflete su quelo che t'ho deto ... -

La girafa capisce la ciga e chiede scusa al Zignore, po' esce tuta cuntenta dala sala.

Entra alora l'elefante, che cumincia ancora lu a lagnasse: - Signore, m'hai fato un naso longo e ridiculo, e rechie che pare d paracaduti, io me vergogno a fame vede in giro cunciato cusc ... -

- Come, ancora te prutesti! Sei el zimbulo dela perfezi tecniga, cii do rechie che te ce poi sventul quanto fa caldo, e cula pruboscide ce magni, ce bevi e te ce poi ancora fa la docia! Va ancora te a riflete se la situazi tua te pare cusc bruta come raconti. -

Ancora l'elefante capisce che duveva esse pi ricunuscente, e pure lu chiede scusa prima de usc.

La struza, che li vede arturn fori tuti tranquili, se rabisce perch erane andati li per prutest, e invece li vede scap senza av guzato un chiodo e per pi ancora cuntenti come le pasque, e j da na ciga po', visto che el turno suo, entra a parl cul Padreterno.

Lu apena la vede j fa: - Ancora te qui a sbruntul? Proprio te che sei la perfez -

Ma la struza el fa sta zito e dice: - Oh Signore, prima che te inventi qualche altra cazata metmuce d'acordo: o l'ovo pi piculo o el culo pi largo!!! -


Assegno

"El Cavagliere" va in banca a gambi un assegno da un migli de euri.

El cassiere j dumanda un ducumento, ma Lu tastandose le sacoce j fa: - Veramente nun l'ho preso, ma de solito nun ci bisogno, la gente me ricunosce da qualziasi parte vago... -

- Gnente da fa, ce vole un ducumento, opure me deve dimustr che lei propio el cavagliere, senza ombra de dubi. -

- Ma... veramente... m'ha preso cusc ala spruvista, che ad me viene in mente solo cujonerie... -

- Da quanto ha deto che vuleva i quadrini, in carte da 100 euri? O da 500? -


... Pini ...

Na bionda sta a guid sul'autostrada nt na tempesta de neve, camina a zigozago coma na mata.

Un pulizioto la ferma, la fa cal gi e jo dumanda perch guida cusc, sciguro de esse de fronte a una imbriaga.

- Nun caminera certo a zigozago se davanti ala machina nun me scapasse fori de cuntinuo tuti pini ! -

- Pini? Quali pini? -

Lia se arimete a sede al vulante e cule m indica davanti verzo al parabreza, mentre che raconta: - A ogni curva che fo me vedo parasse davanti 'n'albero, na volta de qua, na volta de la, e me balane tuti davanti aj ochi! -

El pulizioto se china verzo el parabreza, guarda drento la machina, po' guarda la scema int la facia e j dice - Signorina, perch nun prova a tac "l'Arbre magic" da 'n'antra parte? -


Che cotighe!

Marito e moje passiunati de 'ruplani vane tuti j ani al vde el zal del'arunautiga.

- Ah Maria quanto me piacera a fa 'n giro nt uno de qui biplani, a fa le 'crubazie! -

- Nu fa el scemo Ant, el zai che un giro li sopro costa 50 euri? Penzane 'n'antra!!! -

Ogni ano al zal sta scena se ripete, finch, quanto cine tuti e d un'utantina d'ani, Ant fa ala moje: - St'ano nun me rompe i curdoni, l'ultima ucasi per pruv el brivido del'acrubazie, nun me ne frega gnente d'i quadrini, ce vojo and, chis se ricapita pi de ven qui.

La moje prova come j ani prima a di de no, ma un pilota che passa li vicino e ha sentito i discorz j dice:

- Sent nuneti beli, ve vojo fa un rigalo, ve ce porto io a fa un giro acrubatigo, e se riusc a nun di manco na parola nun ve fago pag el biglieto! -

Maria e Ant a stu punto actane, montane sui sedili de dietro e el pilota parte pe' un giro che pi pegio nun z'era mai visto, giravolte, gabrate, pichiate, giri dela morte, adiritura a 'n certo punto el pilota spegne el mutore, ma gnente, de dietro nun ze sente a vul manco na mosca, na zanzara, un muscer.

Ala fine del giro l'aruplano artorna a tera, e mentre che cala gi el pilota fa ai d vechieti: - Certo che el curagio nun v'amanca, nun ho mai visto d cusc tranquili, e cun tute le giravolte che ho fato ve asciguro che nun facile a riman calmi. -

Ma quanto se volta vede solo Ant che el guarda stranito e j dice: - A di la verit quanto te sei girato sotosopro e Maria s' sfilata dal segiul e cascata de soto ... io vulevo parl, ma 50 euro sempre 50 euro! -


Caciatore scemo

D caciatori stane a camin int'un bosco, quanto uno dei d impruvisamente casca per tera senza fiat e nun ze move pi.

L'amico prima cerca de svejalo, j fa la respirazi boca a boca, ma gnente da fa; alora pia el celulare e chiama la guardia mediga:

- Pronto - urla - pronto pronto, ci l'amico mio che cascato per tera seco, nun ze move pi, cusa devo fa? -

- Cerchi de sta calmo - j fa el dutore dal'altra parte del telefuno - prima de tuto se deve ascigur che morto sul zerio -

C' qualche atimo de silenzio, po' un colpo seco de fucile.

- A posto, fato ad??? -


La cipola e l'albero de Natale

 

La famija a sde intorno al tavul pe'l pranzo de Natale; a 'n certo punto el fiolo pi piculo, che curioso come tuti i fioli che cresce, dumanda: - Babo, quanti tipi de pce ce sta? -

El padre prima inghiote un par de volte, po', facendo finta de gnente, risponde: - Ce stane tre tipi de pce, quele come i meloni che ce l'ha le ragaze a vent'ani, quele come le pere, ancora bele da guard ma un tantinelo slongate, che ce l'hane le done de quarant'ani; po' dopo la cinquantina cominciane a compar le pce a cipola. -

- Come sara a d a cipola??? -

- Vole d che quanto le vedi te meti a piagne! -

La surla e la madre erane state zite zite, ma j buliva el zangue e cusc la fiola dumanda ala madre: - M, quante raze de bisli ce stane in giro? -

- Ancora de bisli ce ne sta tre tipi: el tipo "quercia", duro e pussente, che ce l'hane i ragazi a vent'ani; el tipo "fagio", flessibile ma che ancora te poi fid, che ce l'hane i omini a quarant'ani; e el tipo "albero de Natale". -

- Come sara a d mama a albero de Natale? -

- Vle d che dala radice in zu morto, e le pale serve solo per decurazi! -


Un dutore guzo

Al prontu sucorzo del'Uspedale dele Turete na signora se f visit da 'n dutur giovane.

Nun passa 3 minuti, che 'l dutore j dice che incinta.

La signora scapa fri de corzza dal'ambulatorio e cumincia a strde cume na mata.

Pel coridojo trova a 'n dutore p vechioto che la sta a sent e che la mte tranquila.

Po' el dutore vechioto va da quelo giovane e j fa:

- O ciamboto, ma che marina j'hai dito a qula signora? Ci 63 ani, ci d fjoli e na spasa de nipoti, e te j vai a d che incinta! -

El dutur giovane senza manco tir su la testa, cuntinua a scrve ntl quadern dj apunti e dice:

- Mb, j passato el zzinghiozo? -

Inghelese

A woman went to the emergency room, where she was seen by a young new doctor.
After about 3 minutes in the examination room, the doctor told her she was pregnant.
She went out of the room and ran down the corridor screaming. An older doctor stopped her and asked what the problem was; after listening to her story, he calmed her down and sat her in another room.
Then the doctor marched down the hallway to the first doctor's room.
- What the hell's wrong with you? - he demanded - This woman is 63 years old, she has two grown children and several grandchildren, and you told her she was pregnant?!! -
The new doctor continued to write on his clipboard and without looking up said:
- Does she still have the hiccups? -


Un tipo svejo

Al reparto alimentari del'Auchan se presenta 'n zzignore picen cula facia da rompicojoni, e al cumesso j chiede na meza inguria.
- N'atimo signore, vago a dumand na roba al respunzzabile. -
El cumesso va verzo l'Uficio Direzi e nun se ncorge che qul zzignore j sta a and dietro. Entra ntl'uficio del Capo e j f: - Capo, l de fori c' 'n ciamboto che vle na meza inguria. - El Capo se sbrcia cume 'n mato pe' flo st zzito, perch l invece el cliente l de dietro l'ha visto. El cumesso se gira e, cume se gnente fosse, dice: - E po' ce saria sto gran Zzignore qui de dietro che l'altra met del'inguria la vuria l. -
Risolta sta situazi, el Capo e 'l cumesso s'artrova da soli ntl' uficio: - Fjolo mio - dice 'l Capo - certo che stavi a cumbin 'n cas de gnente... ma pr ho da d che dopu c'hai saputo f nbel po'! Brau! Dme npo' de robe de pi de chi sei. -
- Me chiamo Venanzio Sculumbrini, e vieno da Gessi, paese famoso pela scherma e pele troie! -
El capo: - M moje nata a Gessi... -
- Ah, sc'? Fiureto o sciabula? -


La cit del Padreterno

Ce stne d diretori d'urchestra che s'artrovane a 'n cunvegno specialistigo al'Hutel Passto. Uno Ricardo Muti e l'altro 'l famoso diretore ancunet Sanzio Marinli. Dopu che s' fati i cumplimenti infr de loro, cumincia a discre Muti:

- Ma lo sai che l'altra sera ho tenuto un concerto alla Scala di Milano... c'erano tutte le autorit: il sindaco, il prefetto, il vescovo, Berlusconi. Un successone! Un'ora di applausi, venuta gi la madonnina del Duomo... dovevi vedere come piangeva... -
Alora j f Marinli:

- E nun me dirai davero! Io invece stavo a f 'n cuncerto pela stagi dele Muse... c'era tuti: el Zzindico Stur, el Zzindico vechio Galeazi, el presidente dela regi, l'arcivescuvo d'Ancona e Osimo.
Quanto feniscio de sun pare che vi gi 'l teatro: d ore a bte le m, la gente che pareva mata. Oh, a 'n certo punto s'alza su unu biondo cui capli longhi e la barba, me vi incontro e me f:
"Oh, dumeniga s venuto al Conero a vde la squadra mia e ho penzato questi sc che sne giug a pal! Ad v'ho inteso a sun e digo questo sc che 'n cuncerto! Miga cume qul ciambto a Mil che ha fato piagne a Mama!" -


Butoni al'incuntrario

C' uno che d'inverno sta a fa un viagio in mutucicleta.

Sicome fredo un cas se leva la giacheta e se la mete al'incuntrario, cui butoni de dietro, in modo da fa entr meno aria ghiacia.

Arivato a na curva, l'asfalto scivuloso el fa sbigi e cusc casca per tera come un ciamboto, scapriolandose na diecina de volte.

Proprio dietro a l stava a 'riv la machina d'i Garabigneri, che apena el vedene per tera corene per purtaje sucorzo, e cuntempuraneamente chiamane i sucorzi.

Quanto ariva la Croce Giala j infermieri dumandane ai Garabigneri cum' messa la situazi.

El marescialo j risponde: - Pareva che nun stava tanto male, ma quanto avemo pruvato a indrizaje la testa ha fato un scrichiulo e s' agravato de boto!!! -


Zio Franc

El marito telefuna a casa e j arisponde na fiola: - Ciao so' babo, mama sta l? -

- No, sta de sopra con zio Franc. -

- Eh??? Ma te nun cii un zio che se chiama Franc! -

- Certo che ce l'ho, e sta de sopra cun mama. -

- Ah ho capito, alora vai de sopra e d a mama che hai visto la machina mia ariv in curtile. -

- Va b. -

Dopo qualche minuto ala curneta se risente la voce dela fiola: - Ho fato come hai deto te, papino. -

- E cus' sucesso? - dumanda el padre.

- Mama zumpata fori dal leto nuda, urlando come na mata; ha inciampato ntl tapeto, cascata, ha sbatuto la testa ntl spigulo del cum e me sa che morta stechita! -

- Odiooooooo! E zio? -

- Pure zio zumpato fori dal leto come un mato, 'ndato de corza verzo la finestra, l'ha aperta e per fuge de fuga s' butato de soto drento la piscina, ma s' scurdato che la piscina l'avevi fata svut per pulla. Inzoma morto pure zio! -

- Piscina??? Cazo ma alora ho sbajato numero! -


D giorni de ferie

 

D upraj, omo e dna, stne a fadig. A 'n certo punto l'omo j fa ala dna:

- Me sa che me pijo 'n par de giorni de ferie! -
La dna j'arisponde:

- E cume penzi da chiedelo al Capo? -
- Ad te fago vde - ... e se rampiga su pel muro e se taca cule m ntj tubi sul zzufito.
Ariva 'l Capo, vede st'omo che pende dal zzufito e j dumanda cusa sta a f.

- S na lampadina! - j'arisponde l'uprajo.
- Me sa ch' mejo si te pij d giorni de ferie, va! - dice 'l Capo. L'omo zzompa gi dal zzufito, pija e va via.
La dna alora, pija e va via ancora lia. El capo j dumanda nd va.
- Vago a casa, miga ce se vede pi ad che andata via la luce!

INGHELESE


Two factory workers were talking.

- I think I'll take some time off from work. -  said the man.
- How do you think you'll do that? -  said the blonde.
He proceeded to show her ... by climbing up to the rafters, and hanging upside down.
The boss walked in, saw the worker hanging from the ceiling, and asked him what on earth he was doing?
- I'm a light bulb -  answered the guy.
- I think you need some time off, -  said the boss. So, the man jumped down and walked out of the factory.
The blonde began walking out too. The boss asked her where did she think she was going?
The blonde answered - Home, I can't work in the dark. -


Gambiamento de mestieri

Un tacsi sta a purt un cliente verzo l'arioporto; el trafico scurevule e el tassista guida tuto rilassato e tranquilo.

Al'impruviso al cliente j viene in mente da dumand na roba, e alora slonga un bracio e co' na ma el toca su na spala.

El tassista manda un urlo da incrin i vetri, dala paura perde el cuntrolo dela machina, sbanda, rischia de and a fen sul'altra curzia ma per furtuna aripa el cuntrolo e se riesce a ferm vicino al bordo dela strada.

Apena fermo se volta verzo el passegero e j dice: - Per piacere nun el faga pi! Nun me tochi la spala, per pogo nun moro! -

- Me dispiace - fa el cliente tutu pentito- nun penzavo de meteje tuta sta paura solo per tuc na spala! -

- No nun ze preocupi, nun colpa sua che fago el tassista da pogo tempo; prima per 25 ani ho guidato i cari da morto!!! -


Urlogio fantascentifigo

 

Ancunetano

Un portulto fenisce el turno e va a bve na bira a 'n bar dej Archi. L ce trova a na signora bula 'n bel po' e pogo vestita. Alora d na smiciata al'urlogio suu. La dna j varda el polzzo e j f:

"Bulo qul'urlogio. Miga n'ho visto mai uno cumpagno a quelo. Cus'?"

"ne j urlogi del'ultima generazi che ce passa el Cantiere" arisponde l. Cine drento 'n cumpiuter che te fa l'analisi dele minace e 'l munituragio dele situazi!"
La dna tuta smatita j f:

"E na madosca! E cusa saria tute ste robe?"
E l: "Emb, st'urlogio me ple f cap cusa sta a sucde ntl ragio de 50 metri da me!"
Alora la dna j dumanda: "E ad cusa te sta a d?"
"Mb, ad me sta a d che te nun porti le mutande!"
La dna se mte a rde e arisponde:

"Me sa che nun funziona alora, perch io invece le mutande ce l'ho!"
El portulto d d culpti cula m al'urlogio e po' fa:

"Orca madosca, da quanto hne tolto l'ora legale, st'urlogio me sta a and avanti de n'ora!"

Inghelese

A Marine walks into a bar and takes a seat next to a very attractive woman.
He gives her a quick glance then casually looks at his watch for a moment.
The woman looks at his wrist and remarks,

"That's some watch. I've never seen anything like it before. What is it?"
"I just got this," he replies. "It's a new military issue. It has a small computer chip which has threat detection and situational awareness."

The intrigued woman asks,

"What exactly is that?"
The Marine explains,

"It can detect any threats within a 50 yard radius and gives me an awareness of my surroundings.
The woman asks,

"What's it telling you now?"
"Well, according to what it says, you're not wearing any panties...."

The woman giggles and replies,

"Well, it must be broken because I am wearing panties!"
The Marine taps the face of his watch several times and says,

"Aw, hell, damn thing's an hour fast."


Cazate pescate al'Unieuro

 

Reparto forni a microonde

- Ene tuti purtatili sti televisori?

- Ciav el mudlo per chiap le zanzare nti risturanti?

Reparto telefuni e celulari

- Vede, stu cordeless aqui ci na purtata de 100 metri

- Ah io sto de casa al Pi... alora nun posso chiam a mi surla che sta de casa in stazi?

- Vulevo un celulare de marca Vogafon

- Stu telefun qui ci ancora la fibrilazi?

- Devo cumpr na scheda nova perch qul'altra me l'hane crumata

Reparto assistenza

- Me aiuti per favore, me so sbajato e ho messo i pagni sporchi ntla lavapiati; ad me s' intreciato tuto e nun ze apre pi el spurtelo!

Reparto cundizionatori

- Scusi lei che s'interessa de pinguini?

Reparto televisori

- Quelo l costa de pi perch un stereo

- Ah nun un Sony?

- Scusi stu televisore qui a cristali lipidi opure ci el tubo catolico?

- Me dice per favore che puliciagio ci stu schermo?

Reparto materiale 'letrigo

- Vulevo na scatula de fusili da 5 volt

- Me da na spina tripla?

- Grossa o picula?

- Boh, nun zo, na roba media!

Reparto finanziamenti

- Vulevo dele infurmazi sule dilatazi de pagamento

Ala cassa

- Scusi, posso pag col bancomarket?

- Senta aqui se ple pag cul bancomatic?

Cazate sparninciate

- Qula sveja l ci la sveja?

- Ciav l'autoradio per l'utumobile?


Ovi e utumobili

Ancunetano

Na signora sta a cucin j ovi pe'l marito. Cusc de bto, l entra in cucina e j fa:

- Atenta! ATENTA! Mtece n'antro po' de buro! O DIO! Ne stai a cce tropi tuti inzieme! TROPI, OHHH! Girali! E GIRALI, TE DIGO! Ce vle pi buro. E na madosca, cel meti o no sto buro, guarda che se taca ntl tegame! Sta tenti! STA TENTI, TE DIGO! Nun me vi d rta! O, miga me stai a sent! Sbrighete, oh! Li vi gir sc o no, sti ovi? Ma cus', te si smatita? Nun te scurd da mtece el zzale. Cel zzai, no, che te scordi sempre el zzale. E mtecelo! -
La moje el varda ntj ochi:

- Ma me sai d cusa cii da discre? Cusa penzzi, che nun s bona a coce d ovi? -

El marito j'arisponde cun calma:

- Te vulevo solo f cap cusa vle d a guid cun te vicino! -

Inghelese

A wife was making a breakfast of fried eggs for her husband. Suddenly, her husband burst into the kitchen:

- Careful - he said - CAREFUL! Put in some more butter! Oh my GOD! You're cooking too many at once. TOO MANY! Turn them! TURN THEM NOW! We need more butter. Oh my GOD! WHERE are we going to get MORE BUTTER? They're going to STICK! Careful. CAREFUL! I said be CAREFUL! You NEVER listen to me when you're cooking! Never! Turn them! Hurry up! Are you CRAZY? Have you LOST your mind? Don't forget to salt them. You know you always forget to salt them. Use the salt. -
The wife stared at him:

- What in the world is wrong with you? You think I don't know how to fry a couple of eggs? -

The husband calmly replied:

- I just wanted to show you what it feels like when I'm driving.-


El zilenzio d'oro

Fra' Luigi apena 'rivato al munastero de Monte Conero, famoso perch ce guverna un priore che ci imposto na disciplina de fero.

Apena 'rivato Fra' Luigi viene acolto dal priore che j d el benvenuto e j dice: - Come sai de sciguro nt stu cunvento ciavmo na disciplina rigida un bel po'; poi riman qui finch voi, ma ricordate che nun pudrai parl fino a che nun t'avr dato el permesso io. -

Passa un ano; un giorno ntla sala dele riuni el priore se rivolge a Luigi e j fa: - Ormai un ano che sei qui, se voi poi d d parole, ma d de numero. -

Fra' Luigi dice: - Leto duro -

- Me dispiace sent ste parole, ma te far d un leto pi comodo -

Passa un altro ano e el priore j dice che se vole po' d 'n'antre d parole.

- P seco - dice Fra' Luigi.

- Me dispiace sent ste parole, ma da ogi te far d el p pi fresco -

Passa un altro ano e el priore j dice che se vole po' d 'n'antre d parole.

- Vago via - dice Fra' Luigi.

- Me dispiace sent ste parole - dice el priore - ma da na parte so cuntento, da quanto sei 'rivato nt stu cunvento nun hai fato altro che rompe i cujoni! -


Adamo

El Zignore, ala fine dela setimana dele fadighe sue, ha da pogo fenito a f l'omo e alora el chiama e j dice:
- Adamo, ad parte e scende longo el valato. -
Adamo nuvizio e cunosce pogo del mondo e alora dice:
- Cusa sara el valato, Signore? -
E el Zignore, cula Santa pazienza j spiega cus' la vale; po' j f:
- Adamo, ad 'traverza el fiume. -
- Cusa sara el fiume, Signore? -
E el Zignore, cula Santa pazienza j spiega cus' el fiume; po' j f:
- Adamo, dopo traverzato el fiume scalarai la muntagna. -
- Cusa sara la muntagna, Signore? -
E el Zignore, cula Santa pazienza j spiega cus' la muntagna; po' j f:
- Adamo, dopo av traverzato el fiume e scalato la muntagna bocari drento a na caverna. -
- Cusa sara la caverna, Signore? -
E el Zignore, cula Santa pazienza j spiega cus' la caverna, po' j f:
- Adamo, dopo av traverzato el fiume, scalato la muntagna e bocto drento ala caverna truverai na femina. -
- Cusa sara la femina, Signore? -
E el Zignore, cula Santa pazienza j spiega cus' la femina, po' j f:
- Adamo, dopo av traverzato el fiume, scalato la muntagna e bocto drento ala caverna e avrai truvato na femina vojo che te ripruduci, e senza spet la dumanda de Adamo, j spiega cume se fa. E ad Adamo va, e f tuto quelo che t'ho insegnato. -
Adamo parte, traverza el fiume, scala la muntagna, bca drento ala caverna ind trova na femina ... ma dopo dieci minuti se ripresenta davanti al Zignore che el guarda 'n po' stranito e j fa: - Ad cusa c'? -
- No, oh Signore, ma me spieghi cusa sara el mal de testa??? -


Univerzit d'Ancona, esame de Chimiga.

El prufessore dice: - A queli che vne b al'esame, ala fine j famo sta dumanda per pij la lode: L'Inferno esotermico o endotermico?

 (esotermico: emette calore endotermico: assorbe calore)

Guasi tuti i studenti hne risposto cula lege de Boyle (ciu: quanto 'n gasse se dilata, la temperatura sua cala ... e viceverza).

Invece c' stato unu che ha risposto in sta magnera:

- Prima de tuto duvmo da cunosce cume varia la massa del'inferno cul pass del tempo. Ciu, duvmo da sap a che ritmo le anime entrane e scapane fri dal'inferno. Penzzo che se ple d che de sciguru le anime, na volta che entrate, nun scapa fri pi.

Alora, ad per calcul el numbero dele anime ntl'inferno duvmo cap cume funzionane le religi che c'ene ntl mondo. Tute quante dice che si nun s membri dela loro religi, andar a fen a l'inferno. Dato che le perzzone non cine mai pi de na religi per volta, pudmo d che tute le anime va a fen a l'inferno.

Ad vardmo la velucit de cume gambia el vulume del'inferno, perch la lege de Boyle dice che "per manten custante la pressi e la temperatura a l'inferno, questo s'ha da dilat in modo prupurzionale a l'entrata dele anime".

Alora ad fmo d ipotesi:

a) si per tant' l'inferno se dilata a na velucit minore rispeto a l'entrata dele anime, alora la temperatura e la pressi umenterne indefinitamente fino all'esplusi del'inferno stesso;

b) si per tant' l'inferno se dilata a na velucit superiore rispeto ala velucit de cume entrane le anime, alora la temperatura diminuir fino al punto che diventa tuto ghiacio.

Quale scejmo?

Si acetmo el postulato dela cumpagna mia de corzzo Jessica fata durante el primo ano de studi: - Far fredo all'inferno prima che io me faga scup da te! - e tenendo conto del fato che me la s scupata la note scorzza, alora ha da esse vera la segonda ipotesi. Cusc io s sciguro che l'inferno esotermico e gi ghiacio. El curulario de sta teoria che sicome l'inferno gi ghiacio, ne cunzzegue che nun pija pi anime, e quindi fenisce da esiste e alora ciarmne solu el paradiso e se prova l'esistenza de 'n'Essere Divino che spiega perch, la note scorzza, Jessica nun la feniva pi da strde: "Ohhh mio Dio!"

    (pare che sto studente stato l'unigo che ha pijato la lode)


Argumento 'n po' triste, ma c' da ride uguale

Ale Tavarnele

Davanti al cancelo dele Tavarnele un omo sta pugiato da na parte e guarda sfil davanti un funerale cu' na muchia de gente slagrimata che fa l'acumpagno, diecine de curone e de cuscini de fiori pieni de nastri cun tute dediche de parenti e amichi; inzoma, se vede che 'n funerale impurtante, de na perzona che finch era vivo nun era stato unu qualziasi.

L'omo sta l zito, guarda a sfil la gente davanti, e j incumincia a ven la curiusit de chi pudeva esse qul, cu' stu curteo de gente venuta l a salutalo, cun tute ste curone de fiori; verzo la fine se vicina a uno dej ultimi che andava dietro al funerale e j va vicino come per dumandje na roba in cunfidenza:

- Scusi ... qul'omo ... me sa d chi el morto? -

- Ma che cazo me dumanda scusi ... quelo drento ala cassa nooo ...! -


Viva la memoria! (ancunetano/inghelese)

ANCUNETANO

Na copia che ci na nuvantina d'ani j cumincia a ven qualche prublema che se scordane le robe. Vne a f na visita, ma ala fine el dutore j dice che stne b, solo che a st'et saria mejo a cuminci a segnasse le robe nt 'n pezo de carta pe' nun scurdassele. Quela sera mentre che stne a vard la Tiv, el vechito s'alza su dala sedia.
- Vi che te porto qualc dala cucina? - j dumanda l

- Sc oh. Me porti na copa de gelato, gi che si l? - j'arisponde lia

- Va b, te la porto -
- Nun saria mejo che tel zzegni da qualche parte cusc t'aricordi? - j dice lia

- No, m'arcordo, m'arcordo! -
- Gi che ce sei, me ce meti sopro d fraguline, per piacere? Ma scrivetelo, no? -
 - Ma cusa scrivo! M'aricordo: na copa de gelato cule fragule sopro! -
 - Oh, me gustaria ancora na spruzata de pana in cima! Ma pr s scigura che te scordi, e scrivelo oh ciamboto! -
Incachiato, l j fa: - Ma cusa scrivo! E te pare che me scordo? Gelato cule fragule e la pana in cima. E miga s scemo! -
Alora l va in cucina. Dopu na ventina de minuti, artorna in sogiorno e ala moje j d 'n tegam cun d ovi cula pancta.
Lia varda n'atimo el tegam e po' j fa:

- E 'l p, nun me l'hai purtato? -

Verzi in INGHELESE (de Piero)

A couple in their nineties are both having problems remembering things.
During a checkup, the doctor tells them that they're physically okay, but they might want to start writing things down to help them remember. Later that night, while watching TV, the old man gets up from his chair.

- Want anything while I'm in the kitchen? - he asks.
- Will you get me a bowl of ice cream ? -
- Sure. -

- Don't you think you should write it down so you can remember it ? -
she asks.
- No, I can remember it. -

- Well, I'd like some strawberries on top, too. Maybe you should write it down, so's not to forget it? -
- He says, I can remember that. You want a bowl of ice cream with strawberries. -
- I'd also like whipped cream. I'm certain you'll forget that, write it down, will you? - she asks.
Irritated, he says - I don't need to write it down, I can remember it! Ice cream with strawberries and whipped cream - I got it, for goodness sake! -

Then he toddles to the kitchen. After about 20 minutes, the old man returns from the kitchen and hands his wife a plate of bacon and eggs. She stares at the plate for a moment, then asks - Where's my toast? -


EL CA' GALEGIANTE

Se raconta che Ochiubirbo, un ancunetano amante dele muntagne, decide de curun el zogno dela vita sua: un viagio sul'Himalaia.

Tira fori i soldi dal bossolo, se compra tuta l'atrezatura che serve e parte al'aventura.

Va gi e ce se ferma un mese, girando in longo e in largo e gudenduse quel spetaculo de muntagne che aveva sugnato pe' na vita intiera.

Un giorno, nt uno de sti giri, se facia sula riva de 'n lago, e vede cun gran meravija un zant cun na barba bianca longa mezu metro che parla c'un c che camina sul'acqua, senza manco inumidisse i piedi.

De principio armane cula boca uperta dala supresa, po' se ripa e va dal padr a infurmasse cume fa qul'animale a fa qula roba impussibile (a tuti meno che uno).

El padr j arisponde tranquilo che tuta na questi de esercizio, che cun la pazienza urientale se riesce a fa robe che pare miraculi, e che uno ci da av fede in quelo che fa per pud riusc ntle robe pi dificili.

Ochiubirbo, fenito el viagio, torna in Ancona, tuto ingrifato dala voja de pruv a fa la stessa roba cul c suo. Ogni mez'ora libera pia el c, va a Palumbina e cumincia a fa le prove, cun pazienza e fede, come j aveva deto el zant, ma nun c' 'n cazo da fa, el ca seguita a and a fondo senza speranze.

Ma qula roba j sta sul gozo, ce vole riusc, e cusc pia el curagio a quatro m, fa le valige e arparte pe' l'Himalaia, ma stavolta porta dietro pure el c.

Va subito sule rive del lago e trova el "c galegiante" inzieme al padr e incumincia a pi lezi e a f j esercizi; pian pian el c cumincia a impar, tra la sudisfazi del padr suo, che gongula penzando ala facia che farane j amichi sua pescatori quanto artorner in Ancona.

Dopo tre mesi el c ha imparato proprio b a camin sul'aqua e cusc Ochiubirbo se decide de turn a casa.

El primo giorno in Ancona pia el c tuto sudisfato e va al Mandrachio, d un'uchiata ind stane a sde j amichi sui pescatori, e arivato vicino a una dele scale che dala banchina cala gi ntl'aqua ordina al c de mtese a camin, mentre che cula coda del'ochio smicia per vde la reazi dej amichi sui.

El c cumincia a passegi in longo e in largo, sfiurando el pelo del'aqua e guardandose intorno urgujoso, visto che ha capito che sta a f na roba guasi miraculosa.

Passa qualche minuto e se sente uno dei spetatori che chiama:

- Ochiubirbo!? -

- Eh! -

- Quanti ani ci el c tuo? -

- Cinque - arisponde Ochiubirbo.

Quel'altro, sgrulando la testa: - Nun te sfurz tanto che sta bestia me sa che oramai nun impara pi a not!!! -


UN ANCUNETANO A LONDRA

L'ano dopo Ochiubirbo se vole lev n'antra svujatura: vole and un mese a Londra, a fa el giro dei pabe (pub), imbriagasse de bira, and a vde la regina quanto sfila cula caroza, e via dicendo.

Ma ci el prublema dela lengua, nun parla manco meza parola in inghelese, e ne capisce ancora de meno; alora chiede cunziglio a 'n amico suo che ha viagiato un bel po': - Garagolo, vojo and a fa na vacanza a Londra -

- Fai b - j arisponde l'amico.

- Ma cume fago che nun parlo manco na parola d'inghelese? Cume f a spiegame??? -

- Nun te preucup - j fa Garagolo - hai da sap che l'ancunetano e l'inghelese ne d lengue guasi parente, se sumiglia un bel po'; basta che te parli piano, lento lento, e se me dai reta vedrai che te capirane tuti subito. Aricordate, devi parl pian, lento lento -

Ochiubirbo la prima sera che ariva a Londra decide de cuminci subito el giro dei pabe, entra ntl primo che incontra, se mete a sde a un tavul e quanto che ariva el cameriere j fa:

- Bonasera, io vura magn un pan cula murtatela e vura beve na bela bireta ghiacia - e po' armane a guard el cameriere fisso nti ochi per vde se ha capito.

El cameriere j dice: - Va b signore, ho capito tuto, un pan cula murtatela e na bela bireta ghiacia, j la po...rto su...bi...to -

Ochiubirbo guarda el cameriere un po' stranito, ce penza 'n atimo e po' j fa: - Ma te per caso sei d'Ancona??? -

- Sciguro, so propio d'Ancona, so dele Tavarnele! - j arisponde el cameriere. -

- Ma alora me d perch cazo cuntinuamo a parl inghelese??? -


EL BECO

Un beco (che sara el vigile urbano ai tempi mia) ferma a n'utumobilista che stava a and a 130 al'ora ntl strad che porta dala Stazi ale Turte.

- Me fa vde la patente, per piacere? -

- Miga ce l'ho pi. Me l'hne purtata via d setimane fa, quantu m'hne fermato perch stavo a guid che ero imbriago. -

- Me faga vde la carta de circulazi. -

- Miga mia la machina, l'ho rubata ad. -

- ??? -

- Sc, ma penzzo che i ducumenti stne qui drento ntl casset... perlomeno me pareva d'avli visti quanto ci meso drento la pistola! -

- Ciav na pistola ntl cassto ?!? -

- Sc, oh! L'ho mesa l drento dopu che ho sparato ala signora che stava a guid. El cadavere sta drento al baule. -

- Cusa d ?!? Ciav 'n morto ntl baule?!? -

- E no ?!? -

Dopu che ha inteso d tute ste robe, el beco chiama ala centrale per dumand cusa ci da f. Nun ha fenito da spieg la situazi che gi 'rivato l el cumandante. El cumandante dumanda: - Posso vde la patente? -

- Certo, ecchila aqu - e j f vde na patente valida.

- La machina de chi ? -

- E' la mia! Eca i ducumenti - e j fa vde el librto e l'ascigurazi.

- Me f vde cusa c' ntl cassto? Vuria vde si per tant' ciav na pistola! -

- Sciguro! - Cumunque vardi pure, che miga c' nisciuna pistola! - e defati opre el casset e la pistola nun c'. - Ve dispiace se ve opro el baule e vardo cusa c' drento? -

- Opra pure. Nun c' nisciun cadavere... -

- Oh, nun ce sto a cap pi gnente! El beco che v'ha fermato m'ha dto che nun ciav la patente perch ve l'hane ritirata, che la machina rubata a na signora che j av sparato e j av niscosto el cadavere ntl baule! -

- Sc, oh! E magari v'ha dito ancora che andavo tropu forte! -


AL'UNIVERZIT (racuntata da 'n'ingegnere)

Al'Univerzzit d'Ingegneria su a Tore d'Ago s'incontrane d studenti. Uno de sti d ariva su na biciclta nova.
Qul'altro j f: - E nd l'j presa quela biciclta? Jeri miga ce l'avevi!
- Sapessi cusa m' successo jeri sera!
- Cusa t' successo? Racontame!
- Stavo a ven via dala lezi de analisi matematiga, quanto ntl curtile del'Univerzzit incontro na ragaza bionda alta un metro e utanta che pedalava su sta biciclta. Cume me vede, culia se spoja nuda int'un mumento e po' me f: "Pija quelo che vi!"
- J fato b a sceje la biciclta: i vestiti te saria andati strti!


FARMACIA UNO

Na vechita che ciavr minimo n'utantina d'ani, ma bela impipirita, entra nt la farmacia del'Urlogio a Piaza Roma e j f al farmacista:

- Ce l'av vujaltri l'aspirina? -
- Sc, certo che cel'avmo -
- E j anti-dulurifighi, ce l'av queli? -
- Ciavmo ancora queli, signora! -
- E 'l Viagra? -
- Sc ma pr l ce vle le ricta del dutore! -
- E le medicine pj rumatismi? -
- Ce l'avmo! -
- Oh...e me diga n'antra roba.... el gel pele muroidi, c'? -
- C', c'.... -
- La purga pr'and de corpo? -
- Ma certo! -
- J antidepressi? -
- Queli ce vle la ricta! -
- I suniferi? -
- Ciavemo sia queli cula ricta che senza! -
- Le gce pr'ument la memoria? -
- C' ancora quele! -
- I panulini pel'incuntinenza? -
- E cus', scherza, signora? Certo che c'ene! -
- E ciav....? -
A sto punto el farmacista perde la pazienza e dice: - Signora, me stia a sent, lei entrata ntla mejo farmacia d'Ancona, ciavmo tuto ma propio tuto! Ad me vle d cusa j serve davero? -
- Vede, sabito prossimo me sposo cun Franc, che ci 95 ani: vulmi sap se pudmi lasci aqu la lista de noze! -

 

FARMACIA DO'

Istate domila e tre: na signora entra ala Farmacia del'Urlogio in Piaza Roma.
- Bongiorno signora, cusa j serve? -
- Vuria l'Aspirina -
El farmacista va ntl retrubutega e artorna cu' 'n scatul de aspirine.
- E cusa ce fago io cun tute ste aspirine? -
- Signora, st'ano l'Ancona in zzerie A e nialtri avmo penzzato da f le robe in grande! Tanto j famo spende uguale! -
- Ahhh....e vab...! -
- J serve altro, Signora? -
- Me serviva l'alcule -
El farmacista artorna cu' n butij d'alcole da d litri.
- E io cusa ce fago cu' tuta sta roba? -
- J l'ho dito, no, Signora? l'Ancona andata in zzerie A e nialtri famo festa! Tanto el paga uguale a prima!. J serve n'antro po' de roba? -

- No, no...vulevo ancora le suposte ma quele le vago a cumpr a Senigaja! -


CELULARI

C' un grupo de omini nte' spujatojo del Golf Clebe de Scirolo. Sona 'n telefun che sta sopro a na panca e uno dj associ del clbe risponde e taca subito el vivavoce.
LU' - Pronto?
LIA - Tesoro, so' io. Cus', si al clbe?
LU' - Sc
LIA - Oh, ad st pel Corzzu e nt na vetrina ho visto na giaca de ple carina nbel po' a solo mile euri. Te dispiace si la pijo?
LU' - Ma pijala, no? si te gusta cusc tanto.
LIA - Oh, cel zzai che prima s passata ala Mercedes e ho visto la culezi del 2006? C'e' 'n mudlo bulo nbel po'!
LU' - Quanto?
LIA - Nuvantamila
LU' - Sc va b, ma a qul prezo ce vojo ancora tuti j opscional.
LIA - Fantastigo! Ah, n'antra roba.....la casa che vulmi ano scorzzo, te ricordi? Ad l'hne mesa in vendita n'antra volta! Vlene un migli!
LU' - Va b, te faje n'uferta da novecentumila in cuntanti, vedrai che ce stne. Scin vur d che j dmo ancora j antri centumila, tanto a qul prezo sempre n'afare!
LIA - OK. Ce vedmo piu' tardi! Te vojo b da smatimento!!
LU' - Ciao, ancora io te vojo b.
L'omo arimte gi el telfun. J altri el vardane a boca aperta, senza d na parola.
A sto punto l fa na bela risata maligna e dumanda: - Oh, qualcuno sa de chi stu celulare?


PILOTI 'SPERTI

Al'aruporto de Falcunara, un passegero che in coda per f el check-in pe'l volo per Mil vede a na perzzona cula divisa da pilota e cul bast bianco da cego.

'N po' spaurito, se guarda intorno, e cusa vede? 'N antro pilota, cuj uchialoni neri da cego, che s'imbarca ancora l. Alora va dala prima hostese che vede del'Alitaglia che vede e j dumanda:

- Me scuser, signurina, ma chi qui d ceghi che va in giro vestiti da piloti? -

La hostese j arisponde da st tranquilo perch, ancora che ceghi, sti d ne i mejo piloti de tuta l'Alitaglia, e po' cula techenologia che c' a dispusizi de sti tempi, ancora 'n cego ple guid n'aruplano.

La nutiza se sparge in quatro e quatr'oto infr i passegeri che s'imbarca tuti prucupati.

L'aereo parte e se mte a f tute le manovre pe'l declo, ariva in pista e cumincia a pij velucit, solo che dopo 'n par de chilometri ancora nun c' verzo che s'alza da tra e la pista sta guasi per fen.

I passegeri, presi dal pipaculo, cuminciane a strde sempre pi forte, fino a quanto, a d metri dala fine dela pista, finalmente l'aruplano spica el volo.

Solo alora se sente i passegeri che fne 'n zzuspir de sulievo e se metene a stril dala cuntenteza; quanto artorna el zilenzio dala gabina de pilutagio se sente el pilota che dice al zegondo:

- Certo che qula volta che nun ze mtene a strde sar cazi amari! -


L'abete de Natale

24 dicembre - A Babo Natale tuto quel che j pudeva and storto j c'era andato:

- ala matina quanto s'era vestito s'era 'corto d'esse ingrassato com'un purclo, e j s'era scugita pure la laciatura a lampo;

- le rne j aveva preso la cagarela a fischio, la stala pareva un cesso publico e l aveva duvuto fadig tuta la note a spal la cachina, dato che c'era pure e' sciopero d'i gnomi-scupini;

- la cachina se l'era duvuta carig tuta sopro le spale fino al pozo nero, dato che un ptino dela slita s'era schiantato;

- mentre che cumudava la slita s'era tajato un deto cul'acta;

- tajandose el deto aveva fato u' strilo cusc forte che le rne erane fugite e j c'era vulute tre ore a ripurtle tute ntl recinto;

- na met d'i giugatuli nun era 'rivati perch era feniti ntl magaz, e queli 'rivati nun erane queli che aveva urdinato;

- era duvuto and diretamente in magaz a cerc i giugatuli giusti, ma j elfi la sera prima s'erane imbriagati e cusc s'era duvuto cerc le robe da per l;

- entrando in magaz s'era sfilato el calcano de na porta, che j era cascata adosso ciacanduje tuto el naso;

- per fen j brugiava el stomigo come se drento ciavesse el fogo, e i faceva male pure i cali!

Mentre stava a ripenz a tute le sfighe che l'aveva turmentato dala matina de qul giorno cusc nero, j sona el campanelo dela porta; va a opr e se trova davanti un angiuleto tuto car, precis, biund, cula testa cuperta de riciuleti d'oro, che cula faceta sua angelica (per forza, 'n angiuleto!) j dumanda:

- Ciau Babo Natale, nd el meto stu abete??? -

(si nun l'hai capita scrveme na meil che te la spiego!!!)


Sturiele univerzitarie

ESAME DE URNITULUGIA

Univerzzit d'Ancona, facult de scenze. C' l'esame de ornitolugia. El prufessore chiama a 'n gandidato, d na smiciata al librto e cumenta:

- Cumplimenti davero! Cu' 'n librto cusc bulo, vulemo pruv a f n'esame 'n po' diverzo dal zzolito? Famo cusc! - e mte sul tavul el libr d'ornitolugia, l'apre nt na pagina a casacio nd c' la futugrafia de n'uclo, e cula m copre tuta la foto al'infori dele zzampe: - Segondo lei, che uclo questo qui? -

- Boh, nun cel zz, se vede solo le zzampe... -

- Ce provi, ce provi! U' studente bulo cume lei el duvria da cap... -

- Boh....sar 'n pici? -

- Un pici! Un piciooooo? Ma cusa j viene in mente! Ma cus': mato?... senta, ad j fago n'antra dumanda, ma veda d'arisponde per b, stavolta! - Stessa storia, apertura de na pagina a caso, foto de 'n'uclo, na m sopro ala foto che lascia scuperte solo ale zzampe de st'uclo: - E questo, che uclo segondo lei? -

- Boh... miga se capisce... un cucale? -

- Un cucale? Ma lei alora se vle f buci, me'l diga subito! Senta, ad j fago l'ultima dumanda, si per tant' sbaja ancora a questa, pija e va a casa, eh!? - Stesso giugarlo n'antra volta: m sopro ala foto, zzampe del'uclo... el pro studente manco stavolta ce se racapeza.

- Boh... me pare n'aquila...

- N'aquila?!? Basta: lei n'inzulto al'urnitulugia! Vaga a casa, che mejo. Buciato!

E' studente s'alza in piedi e fa pr'and via mogio mogio, ma el prufessore el bloca prima che opra la porta: - Ah, lei, spti 'n zegondo, me diga el nome suu, che ci da verbaliz 'l risultato del'esame. -

Senza d na parola, e' studente se gira verzo 'l prufessore, po' se tira su i calzoni dala parte d'i calzzti e j dice: - Vedmo s'induvina !!! -

ESAME DE USTETRICIA

Univerzit d'Ancona, Facult de Medicina. C' l'esame de ustetricia. Scena: da na parte del tavul c' 'l prufessore, dala parte de l el gandidato e dietro a l u' sfraglo de studenti che sta a sent l'esame.

- Me elenchi i tipi de parto che lei cunosce. -

El gandidato nun tanto preparato, e sta a f scena muta. Al'impruviso sente unu da dietro che sotuvoce j sugerisce: - El parto anale -

Nun ce penzza su d volte e risponde: - Prufessore... se cunosce el parto anale... -

 El prufessore nun fa na piega e va avanti cul'esame; fa diverzze dumande, ma el gandidato ne sa poghe 'n bel po'. Dopu na mezz'urta, el prufessore dice: - Senta, lei nun ze ple propio d che uno che ha studiato. Ma pr me sta simpatigo: je vojo f l'ultima dumanda, si per tant' rispinde b la prumovo cul diecioto e la mando a casa! ... Lei, prima, quantu j'ho fato la dumanda dei vari tipi de parto, m'ha parlato del parto anale. Me ne vle parl in particulare, de cume se svolge? -

N'atimo de silenzio, po' a voce alta in modo che ple sent tuti, el gandidato arisponde: - Guardi prufessore, n'evento raro na muchia... nun capita guasi mai... ma n'esempio e stu stronzzo qui de dietro, che me l'ha sugerito! -

ESAME DE FISIGA

Univerzit d'Ancona, Facult d'Ingegneria. C' l'esame de Fisiga. El prufessore unu famoso pe' le dumande tremende che fa. Ariva 'n gandidato e 'l prufessore j fa: - Lei su un treno. Ci caldo, cusa fa? -

- Opro el finestr! -

- Si la velocit del treno 100 km/h, le dimenzi del finestr 1 metro x 60 centimetri, la velocit del vento al livlo del mare 20 chilometri al'ora in direzi uposta al treno....ad me calculi l'aumento de entropia che se genera nt scumpartimento in 5 minuti! -

Na dumanda spaventosa! El gandidato nun zza manco da nd cuminci, e 'l prufessore el buta fri. Da tuto el sfraglo de gente che stava a sent, el prufessore chiama al gandidato dopu: - El prossimo! -

Ariva el prossimo e trema cume na foja. El prufessore cumincia: - Lei su un treno... caldo -

- Me levo el cappto -

- Ma cusa cappto? Smo in agosto e 'l cappto nun cel'ha. Cusa fa? -

- Emb.... -

- Emb? -

- (tuto tremante) ...opro el finestr... -

Stessa dumanda, scena muta, fri ancora questo... - El prossimo! -

Ariva quelo dopu. Pare unu svejo.

- Lei su un treno, d'agosto. Ci caldo, cusa fa? -

- Cendo l'aria cundiziunata -

- Nun c' l'aria cundiziunata, miga l'Eurostar -

- Me levo el gil -

- Ma cuntinua a avcce caldo. Cusa f? -

- Me levo la majta e armano in canutiera -

- Se levi ancora la canutiera, che tanto caldo da mur, c' quaranta gradi al'ombra. Cus'altro fa? -

- Senta prufessore... me levo ancora le mutande, ma a qul finestr IO MIGA L'OPRO! - ....se raconta che l'ha mandato a casa cul diecioto!....

C' ORGANO... ORGANO

Prufessore: - Signurina, in grado de dime quale organo del corpo umano quanto ecitato aumenta de misura fino a sei volte rispeto a quanto a riposo? -

Studentessa (diventando roscia come un pumidoro): - Ma prufessore nun zapra! -

Prufessore: - Nun l z proprio, faga u' sforzeto, ce penzi un tantinelo! -

Studentessa: - Ma nun me viene in mente gnente nt stu mumento! -

Prufessore: - Su, penzi ala vita de tuti i giorni, se buti, nun deve av paura! -

Studentessa: - Ma me buto el pene? -

Ntl'aula scopia un buato, na specie de teremoto.

Prufessore: - Cumplimenti al fidanzato che ci, signurina, cumunque l'organo la pupila! -

ESAME DE IDRAULIGA

Na ragaza sta a fa l'esame de idraulica, va ala lavagna e speta che el prufessore j faga la prima dumanda.

- Alora signurina - e fa la mossa de daje un gesseto ntle m - me faga na pompa.-

Racontane che l'aula schiupata nt na risata fragurosa durata, pare, guasi tre minuti!

ZUCHERO E GLUCOSIO

Un prufessore de biulugia parla del livelo alto de glucosio chece sta ntl seme maschile.

Na studentessa (de quele che vole fa sempre vede che capisce tuto) alza la ma e dice: - Sor prufessore, vole d el glucosio, come ntl zuchero? -

- Sciguro signurina. -

- Alora prufessore perch nun dolce? -

Dopo d segondi de silenzio l'aula schiupata nt 'n coro de risate e urli da stadio; la ragaza, purina, finalmente s' resa conto dela cazata ch'aveva fato a parl cusc, s' presa le robe sue e fugita veloce com'un fulmine.

Mentre usciva el prufessore s' sentito in duvere de daje na spiegazi scentifiga: - Nun dolce perch le papile gustative che sente i sapori dolci sta ntla ponta dela lengua e n in fondo ala gola!!! -

CERVELO???

C' un prufessore famoso perch durante j esami se diverte a mte in imbarazo le studentesse.

- Signurina, me sa d cus' qula roba che lei ci e io no che lei sa us b e io no che a lei j d piacere e a me no? -

- el cervelo, sor prufessore! - j risponde la ragaza cu'na calma ulimpiga.


TEST DE SCIGUREZA

Se sa che uno d'i rischi pi grossi pr'i aruplani de truvasse de fronte u' stormo de uceli grossi, tipo gabiani o robe del genere.

Per aument la scigureza dei voli ala Britisc Eirueis (sci, sara le linie aeree inghelesi) i tecnighi hane custruito na spece de canunc pe' spar poli e galine (morti, se capisce) contro i parabreza d'i aruplani per vde si resiste ai colpi.

La nutizia 'riva ale rechie de 'n po' de ingegneri itagliani, che penzane b de pruv cu' stu sistema un mudlo novo de parabreza superinfrangibile muntato nti treni.

Ordinane un canunc ai inghelesi, po' cuminciane a fa le prove, ma subito el terore li gela: i poli sfondane el parabreza, stcane de neto la testa al manich che sta ntl posto del guidatore, spcane in d pezi e' schienale del sedile e se incastrane ntla parete dela gabina del guidatore pi pegio de 'n pruietile de 'n can.

Ntl scunvulgimento generale el diretore del laburatorio de prove decide subito de mand un facse ai inghelesi pe' spiegaje cume vane le robe e cerc d'av qualche spiegazi.

Dopo poghi minuti ariva dai inghelesi un facse de risposta longo na riga sola, nd ce sta scrito: - Scungel i poli !!!!!! -


El zerpente aviatore

C' 'n'aquila che vultegia sopro al Gran Chenio, c'un gran ruzigh de fame int 'l stomigo, dato ch' quatro giorni che nun magna, e oramai incumincia a sent 'ncora a cal le frze.

Al'impruviso vede gi 'n basso un zerpentelo, picul, ma mejo quelo che gnente.

Se buta in pichiata, el punta, e po'... zachete... al guanta al volo e l'ingoia tuto intiero senza manco mastigalo un tantinlo.

El zerpente scivula gi pe'l gargalozo, passa pe' stomigo, po' entra ntl'intestino, e quanto 'riva in fondo vede un punt de luce... se 'vicina, se facia e vede el paesagio lagi soto, e j pia la striza.

- Oh, sente 'n po', signora aquila... -

- Dime serpentelo mio, cusa voi? -

- Quanto semo alti da tera? -

- Mb... saremo sui 3000... 3500 metri -

- Aoh, miga cagherai propio ad??? -


'N giro in mutucicleta

C' d scheletri che decide d'and a f 'n giro in mutucicleta.

- 'Speta che ho da pi el capoto! - dice uno d'i d.

- Ma cusa ce fai cul capoto, oh scemo! Sei morto, cusa penzi da sent fredo??? -

- Ostia, cii ragi, nun ciavevo penzato! Per speta che pio el casco. -

- Ma alora sei propio rincujunito! El casco? Ma sei mortoooo!!! 'Ncora se caschi senza casco miga te poi fa male? -

- Alora speta 'n atimo - fa sempre el scheletro tonto; sparisce e torna dopo d minuti cu' na lapide sotobracio.

- Me spieghi cusa ce fai cula lapide sotobracio? -

- 'Nzoma, nun m'hai fato pi el capoto, nun m'hai fato pi el casco, almeno me voi fa purt i ducumenti??? -


Infernu o Paradiso???

El Cavagliere, dato che - unto dal Zignore - , sbigia ntl pavimento, casca e more.

'Rivato ale porte del Paradiso, se trova de fronte a San Pietro, che j fa:

- Benvenutu in paradiso, 'celenza! Prima da fla entr j devo fa presente un prubem; dificile che un pulitigo de livlo alto arivi aqui in Paradiso, e cusc nialtri nun zapemo cusa fa nt st'ucasi. E cusc avmo deciso de faje fa el giro de tuti e tre i posti, Inferno, Purgatorio e Paradiso, cusc almeno lei pudr sceje el posto che j piace de pi. -

El 'cumpagna ala porta del'ascenzore e el zaluta, dicendoje che armane in atesa da sap la decisi sua.

El Cavagliere va al pi seminterato, nd c'era l'Inferno, e 'pena j se apre el purt se trova davanti un posto de sogno, un campo da golfe che nun ze vede ind fenisce, cun tuti j amichi sui, queli che avevane - lavurato - cun l, che se stane a divert, tra risate, scherzi, barzelete...

Quanto el vdene j vane tuti incontro, j fane un zaco de feste, e visto che l ha da pass qualche ora lagi, l'invitane a cena al Caunti Hause, per na cena a base de caviale e aragoste, adiritura ala presenza de Satana in perzona, che,a d el vero, pare na persona simpatiga e curdiale, a dispeto de quelo che se sente racunt de l.

Quanto scade el tempo del primo giro, el Cavagliere saluta a tuti, aripia l'ascenzore, e sale de sopro, al Purgatorio; aqui se trova un paesagio celestiale, fato tuto de nuvolete legere e sofici, e l saltela de qua, e saltela de l, zampetandoda na nuvola al'altra, e se mete a son l'arpa, e canta certe - canzone celeste - inzieme al curto d'j angiuleti; ma ala longa j pare che qui la solfa nun tanto divertente, se stufa un tantinlo, e alora saluta a tuti e ripa l'ascenzore per turn da San Pietro.

Quanto j sta davanti j dice: - Sente Pietro, ho girato tuto in longo e in largo e ho fato la scelta mia: el Paradiso de sciguro belo, 'ncora el Purgatorio m' piaciuto 'bastanza, ma se dvo d proprio la verit io preferiscio l'Inferno, senza nisciun dubio!!! -

San Pietro alora grucia le spale, j fa i cumplimenti per la scelta, e po' el riacumpagna al'ascenzore.

El Cavagliere ariscende de soto, ma quanto j se apre la porta del'ascenzore j pa un colpo! Nd el giorno prima aveva visto qul paesagio da favula ad c'era un deserto arido e sciuco come un brugno, e j amichi sua invece da st a giug a golfe erane tuti chinati a racoje quintali de mundeza da per tera, mentre i diavuli li frustavane ntla schina facenduli stride pe'l dulore.

Alora gira e' sguardo verso uno d'i diavuli, che j pareva uno che cumandava e j fa: - Ma che scherzo sara questo, nd 'ndato a fen tuto quelo che m'av fato vde ieri? -

E el diavulo: - Caro mio, ieri erimi in campagna eleturale; te hai gi vutato per nialtri, ad t'arangi!!! -


Rimpianti amari

Na dona se sveja de note e vede che el marito nun sta ntl leto; se mete la vestaja e va in cucina, nd el trova a sde davanti a na taza de caf, cu' sguardo perzo ntl voto; se vede che sta a penz ma nun ze capisce cosa.

Alora pia curagio e j dumanda: - Cusa cii, amore miu dolce??? -

- Te ricordi, tesoro, vent'ani fa, quanto ce semo messi inzieme... te ciavevi solo 16 ani... -

- Certo che me ricordo, anima mia 'durata! -

- E te ricordi qula volta che tu padre ci becato che stami a scup ntl zedile de dietro dela machina sua? -

- E cume me posso scurd ste robe? Certo che me ricordo, fiore dela vita mia! -

- E te ricordi che tu padre 'ndato a casa a pi la dupieta e po' me l'ha pontata ntla facia e m'ha dito che se nun te spusavo me faceva and in galera e me ce faceva sta 20 ani??? -

- Sci, tesoro grande, te digo che me ricordo tuto! Ma perch ripenzi a ste robe cusc luntane? E perch te stane a lagrim j ochi??? Dime cusa cii, cunfidate cun me, che so l'amore dela vita tua...! -

- Mb, passati vent'ani, e propio ogi sara uscito de galera!!! -

 

 


La storia del cavalo e del purcelo

Un fatore compra 'n cavlo da monta, belo da mur!!! El paga 'n zzaco de quadrini, solo che dopu 'n po' stu cavlo j cumincia a st male. Alora el fatore disperato chiama 'l veterinario che el visita e po' j dice:

- Mb... stu cavlo ha pijato 'n viruse, ad ha da pij ste medicine per 3 giorni, dopu 'l terzzo giorno vieno a cuntrul, si per tant' nun s' ripreso el duvmo maz! -

El porco che stava l vicino sente tuto stu discorzzo. Passa 'n giorno de medicine e nun sucde gnente! El porco j dice al cavlo:

- Forza amigo mio, alzate 'n piedi! -

El zegondo giorno uguale, el cavlo nun s'alza su.

- Dje oh, amigo, alzate, sin crepi! - j f 'l porco. Al terzzo giorno j dne la medicina ma... gnente! El veterinario ariva e dice:

- Me dispiace ma nun c' gnente da f, el duvmo maz perch sin taca el viruse ancora a qui altri cavli! -

El porco a sent stu discorzzo, pija e va dal cavlo:

- E dje, vechio mio, el veterinario rivato, si nun t'alzi ad, dopu nun t'alzi pi !!! -

El cavlo f 'n zzompo, s'alza su e cumincia a cre!

- Miraculo!!! Duvmo festegi! - urla 'l fatore - fmo na bla festa! MAZAMO 'L PORCO! -

Murale dela favula: FTE SEMPRE I CAZI TUI!


Duvra parl cun Berlusconi...

Roma, giugnu 2006, davanti a Palazo Chigi, sede del Guverno Itagliano

Un vechiet arzilo se 'vicina al'uscere e j dumanda se pole parl perzunalmente cul Presidente del Cunziglio Silviu Berlusconi; l'uscere cun modi gentili e curtesi j dice: - Ma come signore, non lo sa ancora? Berlusconi ha perso le elezioni e non pi il Presidente del Consiglio, se vuole parlargli deve andare a trovarlo nella sua casa di Arcore! -

El vechieto aringrazia, se gira e va via.

El giorno dopo el vechieto s'aripresenta davanti a Palazo Chigi e dumanda se pole d d paruline al Presidente del Cunziglio Silviu Berlusconi; c' de guardia sempre e' stesso uscere che guarda el vechieto 'n po' stranito ma j risponde sempre c'un tono garbato: - Guardi, buon omo, il signor Berlusconi ha perso le elezioni e non pi il Presidente del Consiglio, se vuole parlargli deve andare a trovarlo nella sua casa di Arcore! -

El vechieto s'arigira e riparte per turn a casa.

La matina dopo stessa scena, el vechieto se ripresenta: - Bongiorno, devo vde el Presidente del Cunziglio, el cavaglier Silvio Berlusconi. -

L'uscere, sempre el solito dei giorni prima, se cumincia a spazient, ma cerca de cuntrulasse e j risponde cula voce 'n po' pi incazata, che el Presidente del Cunziglio nun pi Berlusconi, e se l j vole parl deve and a Arcure, a casa sua!

El vechieto alora guarda l'uscere c'un suriseto furbo e po' j dice: - Me scusi, sci, certo che l'ho capito, ma sta roba me piace tanto a sentmela d!!! -


Le gemle de BinLade

Bin Lade sta in zala parto a 'spet che la moje j parturisce; nervosu e passegia avanti e indietro, quanto a 'n certo punto la porta dela sala se apre e scapa fori 'n'infermiera cun d bambulete, una per bracio; j v vecino, le mete in modo che le pole vde b, e po' dice: - Echele qua, signor BinLade, su moje ha parturito, queste le d gemele! -

L, cula facia 'n po' stranita, guarda l'infermiera, po' fa e' sguardo feroce e dice: - Butamule gi!!! -


La scimia e le - cane -

Na scimia sta a sde 'n cima a 'n albero e se sta a fa na cana.

Na lucertula passa l soto, guarda in zu e dice: - Aoh, ma cusa stai a fa???

- Me sto a fum na cana j fa la scimia viene su a fa 'n tiro! -

La lucertula monta sul'albero. Se mete a sde vecino ala scimia e cumincia a fum tute e d.

Dopo 'n po' la lucertula dice che ci la boca sciuca e che vole and a beve 'n po' gi al fiume. Per 'n tantinelo fori de testa, se sporge tropo dala riva e casca ntl'aqua, proprio quanto passa de l un cucudrilo che, vista la scena, se impietusisce e core pr'aiut la lucertula a turn a riva.

- Ma cume t' sucesso? dumanda el cucudrilo.

La lucertula alora j raconta dela scimia, e dele cane che s'erane fumate tute e d; el cucudrilo, che cume se sa cuntrario al 100% ale sustanze stupefacenti, se fa spieg nd sta stu albero e s'incamina ntla giungla per d na bela ciga ala scimia. Dopo 'n po' de giri trova l'albero, j se ferma proprio soto, po' alza el muso in zu e fa: - Aoh, te lassu 'n cima!...

La scimia, che 'ncora stava a fum, guarda de soto, e fa: - Maaaaaaaaaa.. da pauuraaaaaaaaaa ma quant'aqua te sei bevuta??? -


Sistemi... de pagamentu

Un pumerigio de sabato, verzo le 6 e meza, un omo distinto na muchia, 'cumpagnato da na bela ragaza, tosta e furmosa, de na venticinquina d'ani, entra ntla mejo giuieleria dela cit.

L'omo dumanda de faje vde dei giuieli per f un bel rigalo ala ragaza; el giuieliere j tira fori i mejo pezi che ci in casaforte e la ragaza se inamora a prima vista de 'n anelo da 48 mila euri.

L'omo nun sbate manco na palpebra e tira subito fori dal purtafojo el blucheto pe' staca l'assegno e pag cusc l'anelo.

El giuieliere sburbota subito che per na cifra cusc cunzistente a l l'assegno nun j gusta tanto, visto che al sabito pumerigio le banche ne chiuse e l nun ple vde se l'assegno cuperto.

L'omo alora j dice che l nun ci n cuntanti n carta de credito, ma subito el rascigura: - Staga tranquilo! Io ad j lascio l'anelo e 'ncora l'assegno. Lei luned matina, quanto apre la banca, f na telefunata e verifiga se l'assegno cuperto; si tuto a posto, quanto passa la ragaza j cunzegna l'anelo.

El giuieliere capisce che cusc nun core nisciun rischio e dice che nt stu modo l'afare j sta b.

Al luned matina, 'pena uperto el negozio, sona el telefuno dela giuieleria: - Pronto! arisponde el giuieliere.

- Ah, bongiorno se sente a d dala curneta io so el zignore del'anelo de sabito sera, quelo da 48mila euri, se ricorda? J vulevo d da risparmi la telefunata in banca, perch l'assegno e scuperto; e quanto passa qula bla fiola a ritir l'anelo, me faga el favore de ringraziala da parte mia, perch m'ha fato pass el uichende pi belo da quanto che so nato!!! -


Prove...

In mezu l trafico, davanti al zolito semafuoro sempre roscio, c' el tipigo 'utumubilsta incazato nero, che nun zapendo pi cusa fa, se taca ntl clacheson e cumincia a strumbaz cume 'n indemuniato.

Dopo 'n tantinelo uno c'un mutur che sta propio davanti ala machina de' schizufrenigo, uramai inzurdito duro, se gira, el guarda cu' na facia tra e' scujunato e l'incazato e j dice:

- Oh Racan... el clacheson funziona, ad prova a vde se funziona 'ncora le frece...! -


El biglieto urario

Ala fermata dela Circulare sinistra del'Atma na dunta monta su e tuta incerta fa vde al cuntrulore el biglieto urario, che la nun l'aveva usatu mai:

- Scusi... signor tranviere... cu stu biglieto qui vero che ce posso viagi 'n'ora intiera senza cal gi mai??? -

L'autista la guarda cula boca ridarela, e j dice: - Certo nunta, si nun cii un cazu da f... sci! -


S' brugiatu tutu (racuntata da Marila)

'Ntla saleta d'aspeto davanti alla sala partu dell'uspedale 'n ingegnere biondo, cuj ochi azuri, passegia nervoso 'vanti e indietro cula sigareta ntla boca.

S'opre la porta, l'infermiera scapa fori cun nti braci un neunato nero com'un tizo de garb; alora guarda l'unico omo ntla sala d'aspeto e j fa: - 'l zuo?!?!? -

Lu la guarda cul'ochio 'n po' stranito, po' guarda el fiul, e dice: - Nun ce'l z, ple 'ncora esse... mi moje ci el vizio de brugi tuto! -


Risurezi (racuntata da Marila)

'N tizio va cu la moje e la socera a f 'n viagio 'n tera santa.

Durante 'l sugiorno la socera utantene j pia 'n capistorno e more l seca. La fiola distruta dal dulore e cusc el genero ha da penz l del funerale e del arpurt la salma in Itaglia; e cusc se rivolge a 'n'agenzia che, fra cassa, trasporto e cerimognia j dumanda guasi diecimila euri.

El prezzo caro 'n bel po', e lu nun ze sa decide, alora l'incarigatu de le pompe funebri j' f 'n'antra pruposta: - Per domila euri j posso f 'n funerale de prima categuria e la cara estinta la sepelimo l in tera santa. Vole mete 'l prestigiu d'esse sepeliti qui? Nun na roba da tuti... nun capita tuti i giorni! -
El genero pare che ce penza 'n mumento, ma po' gambia espressi dela facia e risponde senza 'n filo de dubio: - No, no, far 'n zagrificio ma bisogna che me la risped in Itaglia! Ho penzato che qui da ste parti 2000 ani fa morto uno, l'av sepelito cun tute le regule, e quelo dopo 3 giorni risorto!!!! -


Moje in vacanza (racuntata da Migale)

D amici s'incontrane al bar per pi l'aperitivo. Uno dei d vede che qul'altro ci tute le m sporche de grasso e, tutu incuriusito, j dumanda: - Cum' che cii le m tute impastruchiate? Cus'hai cumbinato?? -

- Gnente de speciale... sa... mi moje partita per le vacanze estive, va dala surela pe' 'n par de mesi. -

- E alora? Cusa c'entra tu moje cu' le m tute impiastrate? -

- Eh... ho 'carezato tantu la lucumutiva!!! -


Barzeleta - vaticana - (racuntata da Pieru)

Dopu av carigato tuti i bagaj del Papa ntla limusine bianca, l'utista, che d'Ancona, se 'corge che Sua Santit sta l bono bono ntl marciapiede invece da munt in machina.

- Me scusar, Santit - j dice - se vle mte a sde per favore, cusc pudmo and via? -

- Mb, te duvessi d propio la verit - j'arisponde 'l Papa (... fmo finta che d'Ancona 'ncora l ...) - nun me fne guid mai in Vaticano e ogi invece ciavria proprio voja! -

- No guardi, me dispiace, ma propio nun ze ple f. E si p duvesse da sucde qualc, a me me licenziane! -

- Varda - j f 'l Papa - che si me dai rta t'andr b in tuti i senzi... -

De fronte a stu ragiunamento, l'utista monta in machina de dietro mentre 'l Papa se mte al vulante.

'Pena fri dal'aruporto, l'utista gi s' pentito de quel che ha fato, perch 'l Puntefice cumincia a ciac ntl'aceleratore e dopu meno de d menuti la limusin va a 170 al'ora.

- Ralenti Santit, per carit!!! - se dispera l'utista.

Ma 'l Papa cuntinua a tavulta fino a quanto nun ze cumincia a sent le sirene dela Pulizia.

- Oh Dio, ad me lvane la patente! - , piagne l'utista.

El Papa acosta e tira gi 'l finestr. El pizard se 'vicina, d na smiciata drento, torna ala moto e pija la radio: - Fme parl cul capo... -

El capo arisponde ala radio e 'l pizard j dice d'av fermato a na limusin che andava a 170.

- Emb, te sbatelo drento! - j dice 'l capo.

- mejo de no, uno impurtante na muchia... - j'arisponde 'l pizard.

- Ragi de pi! - dice 'l capo. - famula fenita cu sti abusi de putere! -

- No... ma... Capo... vardi che impurtante DAVERO... -

El capo alora j dumanda: - E chi ciavrai l, 'l Zzindicu? -

- De pi ! -

- El Guvernatore? -

- De pi! -

- E na miseria... a chi hai fermato, a Berlusc? -

- Pi 'n zzu! Pi 'n zzu! -

- Pi 'n zz de Berlusc c' solu Dio! -

- Me sa che ho fermato propio a L, perch ci 'l Papa che j f da utista!!! -


<=-=>