Pruverbi dele parti nostre


J ultimi 'rivati

Cassa da mortu, vestitu che nun fa 'na piega

La cassa da morto l'unico vestito che non fa pieghe


Dna de pgo unore, cunzzuma el lume e sparamia el zzole

La donna di poco onore spesso sta chiusa in camera e non si espone al sole


fadga a fadig

Lavorare faticoso


Vi' e amre, fai el zzignore

Una donna e un bicchiere di buon vino bastano per sentirsi un signore


La candelra, de l'invrnu smu fra, ma se pive o tira vntu de l'invrnu smu drntu

Alla festa della "candelora" (2 febbraio) si esce dall'inverno, ma se piove e tira vento si ancora dentro la brutta stagione

 


 

Quantu el galu canta da galna, la casa va in ruvina (stu pruveribio nun feminista!)

Quando in famiglia l'uomo non si comporta come tale, la casa v presto in rovina


Nun dlci i lupini

Come i lupini, la vita spesso amara e dura


C che baia nun mciga

Chi parla e strilla troppo, molto probabilmente non passer alle vie di fatto


Mju puzz' da vivi che da morti

Si commenta da solo


Grasszza fa beleza

Contrariamente ai canoni di bellezza di oggi, una volta essere un po in carne era considerato un pregio estetico


Oste bgiu, vi' aquatciu

Se l'oste non ha un buon colorito, molto probabilmente il suo vino sar annacquato


Nun vende la ple de l'orzo prima del tempu

la traduzione del detto "non dire quattro se non l'hai nel sacco" 


Chi magna da soli se strozza

Si dice a chi non ama dividere con gli altri ci che possiede 


Quant'el monte mte 'l caplu, lascia 'l bast e pja l'umbrelu
Quando il Monte Conero si copre di nuvole, sicuramente piover 


A discre n' fadga (el pruverbio de Barigelo)
facile parlare, non comporta alcuna fatica. Pi difficile, purtroppo, fare realmente le cose 

La pigna nun ble cu' le curone

Un titolo nobiliare non basta per asicurarsi da mangiare


Mare mssu, bufi a tra

Quando il mare in burrasca i pescatori non possono lavorare e cos i debiti crescono


Sacu vtu nun sta drtu

Quando lo stomaco vuoto non si riesce a stare in piedi


S'ha sempre da sent le d campane

Per giudicare tra due contendenti bisogna ascoltare le due versioni dei fatti


L'amore e la tsce se fa prstu a cunsce

L'amore e la tosse non possono essere nascosti


Invidia d'amigu 'l pegiu nemgu

L'invidia di un amico il nemico peggiore


 

Tr mestieri, si sciapate

Chi f troppi mestieri, di solito non n fa nessuno nella giusta maniera


Niscina nva, bna nva

A volte non avere nessuna nuova notizia come averne buone


A chiacar nun zze sbgia un crnu

Con le chiacchiere non si risolvono i problemi


Chi 'dopra l'ju s'gne 'l detu

Si scopre sempre l'autore di ogni azione perch si lasciano sempre tracce


 J unri vi sempre dpu mrtu

Molto spesso si parla bene di una persona solo quando passato a miglior vita


El zzumru cargia el vi' e bve l'aqua

La persona poco accorta non riesce a trarre profitto dalle cose che fa


Galna che nun bca, ha gi becato
Chi rifiuta un buon piatto evidentemente ha gi mangiato altrove (usato sia in 'gastronomia' che in 'sessuologia')


“Se” 'l paradisu d'i cujni
Solo le persone sciocche basano la propria vita sulle speranze 


Chi magna senza beve el v come un muratore che mura i matoni a seco

Chi mangia senza bere vino come un muratore che mura i mattoni senza la calce


Meio puz de v che de oio santo

E' meglio essere ubriachi che defunti


   I testi sono tratti da:

Dizionario dei dialetti dell'Anconetano (Spotti-Marcellini, Il Lavoro Editoriale, Ancona 1996)

Dizionario del vernacolo anconitano (Mario Panzini - Ancona 1996/2001)

Calendario Anconitano (annate varie)

-  CDrom Aria d'Ancona edito da Il Mercatino