DA LÈGE BÈ

El zzito de AnconaNostra è 'n zzito dedicato a tuti j ancunetani, sopratuto a queli che vòle bè a sta cità nostra e che ama la PACE.  È propio cu' stu spirito e cu' sti sentimenti che avemo vuluto mandà 'n penziero cumosso ale vitime dei bumbardamenti dela fine del 1943, come rapresentanti dele vitime de tute le guere.  Ma qualchiduno ha fato el furbeto e nté 'n zzito che nun cià gnente - ma propio gnente - da spartì cun nialtri, ha usato i linke a sté pagine che avemo dedicato ale vitime d'i bumbardamenti per méte in evidenza, cun qualche tunelata de malafede, el fato che sti morti l'ha fati j aleati. Certo, questo è 'n fato vero, che avemo messo in evidenza ntéla presentazió dele pagine dedicate ai bumbardamenti, ma 'n conto è critigà 'n aspeto particulare de na guera, cume tute le guere bruta e urenda; diverzo è invece el discorzo - e qui sta la malafede - se la critiga la fa chi sta dala stessa parte de queli che la segonda guera mundiale l'hane pruvucata, cercata, preparata, e vuluta. E per furtuna ogi nun c'è bisogno de ricurdà a nisciuno chi ha straginato l'Itaglia ntéla tremenda aventura dela segonda guera mundiale!  E alora chi è capitato nté ste pagine partendo da qul zzito che cià fato el linke ha propio sbajato posto.

DA LEGGERE BENE

Il sito di AnconaNostra è un sito dedicato a tutti gli anconitani, soprattutto a quelli che vogliono bene a questa nostra città e che amano la PACE.  È proprio con questo spirito e con questi sentimenti che abbiamo voluto inviare un pensiero commosso alle vittime dei bombardamenti della fine del 1943, come rappresentanti delle vittime di tutte le guerre.  Ma qualcuno ha fatto il furbo e in un sito che non ha niente - ma proprio niente - da dividere con noi, ha usato il link a queste pagine che abbiamo dedicato alle vittime dei bombardamenti per mettere in evidenza, con qualche tonnellata di malafede, il fatto che questi morti sono stati provocati dagli alleati.  Certo, questo è un fatto vero, che abbiamo messo in evidenza nella presentazione delle pagine dedicate ai bombardamenti, ma un conto è criticare un aspetto particolare di una guerra, come tutte le guerre brutta e orrenda; diverso è invece il discorso - e qui sta la malafede - se la critica viene dalla stessa parte di quelli che la seconda guerra mondiale l'hanno provocata, cercata, preparata e voluta.  E per fortuna oggi non c'è bisogno di ricordare a nessuno chi ha trascinato l'Italia nella tremenda avventura della seconda guerra mondiale.  E allora chi è capitato in queste pagine partendo da quel sito che ha inserito il nostro link ha sbagliato davvero posto.

I bumbardamenti del 1943


El sedici utobre del'ano milenovecentuquarantatre (giusti sessant'ani fà) j aruplani "aleati" sganciavane su Ancona le prime de nun ze sa quante bombe "liberatrici".  La segonda guera mundiale è fenita bè, ntél zenzo che i nazisti e i fascisti ene usciti scunfiti; pecato che tanta gente nun ha mai saputo com'è 'ndata a fenì la guera, e tra questi c'è 'ncora le mijara de vitime ancunetane, armaste soto le macerie inzieme ai tanti miglioni de vitime inucenti.

AnconaNostra nun pudeva fa a meno de ricurdà stu aniverzario triste e duluroso; e per fà questo avemo fato sté pagine, che vulemo dedicà a tute le vitime inucenti DE TUTE LE GUERE, quele de na volta, ma 'ncora quele preventive, e quele che se cumbate ai giorni nostri ,che nialtri famo guasi finta da nun véde, perché ruvina la tranquilità dela vita del'ucidente civile. 

Ciavémo ancora j ochi pieni dela gente che dumenica 12 utobre ha partecipato ala Marcia dela Pace Perugia - Assisi; questo ce dà 'n po' de speranza pe' l futuro de stu mondo, che pare sempre de più che se vole inturcinà su se stesso come na verigula. 

E alora nté stu mumento de ricordi ancunetani, in mezo a futugrafie de morte e raconti de disperazió, famo sventulà la BANDIERA DELA PACE, come segno dela speranza che ce dà le generazió più giovini.

sm

 

Indice:

1 nuvembre 1943 - ore 11 e 40 - Stralcio della relazione sul bombardamento del rifugio delle carceri

Poesie di Ernesto Marini (Nazarè) dai libri "Se sai d'Ancona lègeme" e "Pianto, amore e 'n po' de bonumore"

Raconta mi madre - Raconti de guera de Elena Rinaldini

Fotografie dal libro 'Bombardamenti su Ancona e Provincia 1943/44' di Camillo Caglini

torna al'indice dei aprufundimenti