DA L╚GE B╚

El zzito de AnconaNostra Ŕ 'n zzito dedicato a tuti j ancunetani, sopratuto a queli che v˛le bŔ a sta citÓ nostra e che ama la PACE.  ╚ propio cu' stu spirito e cu' sti sentimenti che avemo vuluto mandÓ 'n penziero cumosso ale vitime dei bumbardamenti dela fine del 1943, come rapresentanti dele vitime de tute le guere.  Ma qualchiduno ha fato el furbeto e ntÚ 'n zzito che nun ciÓ gnente - ma propio gnente - da spartý cun nialtri, ha usato i linke a stÚ pagine che avemo dedicato ale vitime d'i bumbardamenti per mÚte in evidenza, cun qualche tunelata de malafede, el fato che sti morti l'ha fati j aleati. Certo, questo Ŕ 'n fato vero, che avemo messo in evidenza ntÚla presentaziˇ dele pagine dedicate ai bumbardamenti, ma 'n conto Ŕ critigÓ 'n aspeto particulare de na guera, cume tute le guere bruta e urenda; diverzo Ŕ invece el discorzo - e qui sta la malafede - se la critiga la fa chi sta dala stessa parte de queli che la segonda guera mundiale l'hane pruvucata, cercata, preparata, e vuluta. E per furtuna ogi nun c'Ŕ bisogno de ricurdÓ a nisciuno chi ha straginato l'Itaglia ntÚla tremenda aventura dela segonda guera mundiale!  E alora chi Ŕ capitato ntÚ ste pagine partendo da qul zzito che ciÓ fato el linke ha propio sbajato posto.

DA LEGGERE BENE

Il sito di AnconaNostra Ŕ un sito dedicato a tutti gli anconitani, soprattutto a quelli che vogliono bene a questa nostra cittÓ e che amano la PACE.  ╚ proprio con questo spirito e con questi sentimenti che abbiamo voluto inviare un pensiero commosso alle vittime dei bombardamenti della fine del 1943, come rappresentanti delle vittime di tutte le guerre.  Ma qualcuno ha fatto il furbo e in un sito che non ha niente - ma proprio niente - da dividere con noi, ha usato il link a queste pagine che abbiamo dedicato alle vittime dei bombardamenti per mettere in evidenza, con qualche tonnellata di malafede, il fatto che questi morti sono stati provocati dagli alleati.  Certo, questo Ŕ un fatto vero, che abbiamo messo in evidenza nella presentazione delle pagine dedicate ai bombardamenti, ma un conto Ŕ criticare un aspetto particolare di una guerra, come tutte le guerre brutta e orrenda; diverso Ŕ invece il discorso - e qui sta la malafede - se la critica viene dalla stessa parte di quelli che la seconda guerra mondiale l'hanno provocata, cercata, preparata e voluta.  E per fortuna oggi non c'Ŕ bisogno di ricordare a nessuno chi ha trascinato l'Italia nella tremenda avventura della seconda guerra mondiale.  E allora chi Ŕ capitato in queste pagine partendo da quel sito che ha inserito il nostro link ha sbagliato davvero posto.

I bumbardamenti del 1943


16 Utobre 1943 (ore 11,20)

 

- Madona mia, risona la sirena...
toca rifuge, Cristo mio, Ges¨.
La sent'urlÓ inte l'anima sta iena,
fugýmo cochi, dÚi, nun possu pi¨.

 
E si per zorte rývene i ruplani...
quest'Ŕ 'l zegondo fischio, Ŕne rivati!
Fioli bracÚme, gente mia, crestiani!
CerchÚ 'n rifugio o murirÚ mazati!
 
Sta por'Ancona Ŕ nuda, disarmata,
Ŕ na bravura a massagrÓ la gente?..
- Ma no, vedrai, ce fa st'impruvisata,
po vane via senza butÓ giˇ gnente. -
 
N'ha fat'in tempo a dilo, nun ha fato,
'riva 'n fragore da sturdý 'l cervelo,
nun vel possu spiegÓ cus'Ŕ ch'Ŕ stato
intrÓ sta pora gente, che macelo!
 
Pre fala corta, a me m'ha suterato,
Iý, su pel gasse... avevu da murý,
na bomba a dˇ tre metri m'ha scupiato,
ma so de pele dura... ecume qui.
 
LegÚlo e rifletÚ 'nte stu diario,
quest'Ŕne storie vere, da Calvario.
 

 

Si ce ripenzo

 

Si ce ripenzo a cus'Úmo passato

sarýa da piagne, me ce vie' 'l magˇ,

a tucÓ fuge, vechio e malandato,

cuscý, de boto... bandunÓ nic˛!

 

Robe pi¨ pegio n'Úvo visto mai,

dopo i richiami, fame, caristia,

carta nunaria, borcia neraů i guai!

E po le bombe gente!... Mama mia!...

 

Qui fischi de sirene da straziÓ,

che te strideva: - Fuge ch'Ŕ rivati

culoro che te viÚnene a librÓ. -

Chi conta quanti n'hane massagrati?

 

Cum'eremi ridoti... Madunina!...

I pori giuvinoti ale fruntiere,

i vechi, done, fioli ala berlina,

sperzi pdel mondoů che giurnate nere!

 

Avemo bandunato casa nostra

cun quatro straci, sopro na cariola,

un zaco de miseria mes'in mostra;

si ce ripenzo... me stroza la gola.

 

Dicevo suspirando: - Ind'andar˛?

- El core rispundeva: - Nun cel z˛. -

 


 

E' sfulamento

 

E' sfulamento ingrossa la ruvina;

truvasse a zonzo come un pelegrý

in cerca d'un riparo, na cantina,

na capaneta, un b¨gio... un magazý.

 

Hai da dý grazi a qul'anima bona

ch'ha 'vuto cumpassiˇ e che t'ha lugato,

quanto che sai fugito via d'Ancona

e t'hane meso e! nome de sfulato.

 

El tribulÓ pre pudÚ tirÓ 'vanti...

el fredo, el da magnÓ... che slinimento!

Nel z˛ se questo era per tuti quanti...

ma pri pureti sci!... źTesseramento!╗

 

Sta svernia t'ha durato mesi e mesi,

pore famiie nostre, bandunate

intrÓ i tudeschi, mericani, inglesi,

indiani, neri, bombe e canunate.

 

Giorni e note drento int'una b¨gia

gruci, a sentý le bote ch'ha sparato

e 'l puzo d'una casa che se brugia;

chi Ŕ che po' ricuntÓla Ŕ furtunato.

 

Chi l'ha scampata da stu brut'inferno

nun ha vuiuto pialo el Padreterno.

 


 

Macerie e fiamele

 

Se smove el fronte... l'ultimo tudesco

ha straginato via qui canunacio

che ciÓ tienuti tanti giorni al fresco,

drento qul b¨gio de qul rifugiacio.

 

Qualche culpacio sordo in luntananza

ce dava da capý che se n'andava,

e ce spirava al core la speranza

de qula pace che se suspirava.

 

Tra tante pene, privaziˇ e dulore,

la fine de sta guera birbaciona,

ciavÚsse ripurtato un po' d'amore

e dato modo d'arivede Ancona.

 

E finalmente el giorno spasimato,

meze parole e un nodo inte la gola,

una streta de ma a chi ciÓ iutato,

Úrno ricarigato la cariola.

 

Ritorna la źfamiia dela giostra╗

e se ritrova tuta slagrimata

tra le macerie de st'Ancona nostra,

ch'ha dato el zangue pr'esse liberata.

 

Per questo larde miari de fiamele,

sparze pel mondo e su le Tavarnele.

 


 

Sogni la Pace

 

IntrÓ qui monti de ciugaia e tera,

strade diserte, case bandunate,

vedi el litrato de cus'Ŕ la guera:

teti sfundati, porte spalancate...

 

Te va el penziere a qula pora gente,

chiami un nome... gnente, case vote!...

Te stregne el zangue, introbida la mente,

intel cervelo tuo te se fa note,

 

sbacili muto, artorni a ragiunÓ,

cerchi, richiami e dighi: - Ma perchÚ

sta cativeria de st'umanitÓ?! -

Guardi, suspiri, parli da per te,

 

penzi ala casa tua, al vecinato,

ai vechi amichi giˇ pre stu riˇ;

ma de st'Ancona cus'hai ritruvato?

Te vie' da piagne de disperaziˇ!

 

Inframezo a ste macerie, a stu dulore

che te fa stremulý tuta la vita,

c'Ŕ na speranza fiaca drent'al core:

- Ma sta gueracia Ŕ vero ch'Ŕ fenita?... -

 

Te senti larde com'una furnace,

te pare de smatý, sogni la pace!

 


 

Vigulo morto

 

Vieno pel Guasco e a qui me giro intorno

come cercassi... un nun z˛ dive chi,

nun speru gnente, cerco de capý,

ma ci˛ 'n cervelo spaurito, źstorno╗.

 

Na roba me turtura drento el peto,

come se fosse un tarlo, un gran magˇ,

sentu tremame 'l1 core de passiˇ,

vurýa rivede vivo el viguleto,

 

cum'era prima ch'io fossi fugito,

prima che me sturdisse la paura.

Primo nuvembre, giorno de sventura,

ero fiuleto e quanto ci˛ patito!

 

Guardu sti sassi e i ochi me fa roscio,

sentu inframezo un lamentÓ de gente,

pori frateli mia, sangue inucente!

Rombi de mostri, bombe, urendo scroscio!

 

Ma me rif˛, ragiono, cerco, penzo:

qui c'era la butega de Nunziata,

pureta, manc'a dilo, l'ha cucata,

sta pietra Ŕ dele scale de Lurenzo,

 

la casa de zio Fofo e nono Alturo?...

Quest'era de Tilý, l'urmigiatore,

po com'un gran picoto drent'al core,

rivedu un nome źBebi╗ a lý 'ntel muro;

 

me pia na smania e chiamo Bebi, a lu,

vigulo morto, sentu el leco a londe,

la voce mia ritorna e me risponde:

- Chi cerchi te carý, qui nun c'Ŕ pi¨. -

 

Suspiru e guardu ind'era casa mia,

suchiudu i ochi, piagnu e vagu via.

 


 

Stu poro mondo

 

L'Ŕ bruto ragiunÓ de distruziˇ,

a me me mete na passiˇ intel core,

ma pr˛ n'Ŕ d'ogi o ieri

che stu cervelo guerna sti penzieri.

 

Scˇlteme amico, parlo sul'unore,

da quant'Ŕ che so nato Ŕ che ce penzo,

quanto me piacerýa pudÚ dý tuto

quelo che ci˛ qui drento el zentimento.

 

Stu poro mondo miga sarýa bruto,

pŔnzece bŔ,

guÓrdalo el mare, gira i ochi al celo,

rimira i laghi, i monti, le fureste,

'ndˇ brili e' sguardo tuto quanto Ŕ belo,

la copia inamurata,

el fiolo che sgambeta inte la cuna,

la sposa sudisfata,

la gente che lavora e che pruduce,

el chiaro dela luna,

el zole che ce scalda e dÓ la luce.

 

Per me stu mondo Ŕ belo e generoso,

tuto te dÓ, se fa sculÓ le vene,

ma l'orno, ingordo, sfrutatore, avaro,

nun ze vergogna, Ŕ sciapo, un imbizioso,

pe' la capeza el tie', com'un zurnaro.

 

Quanto se crede d'esse inteligente!

 

E ride a vede a tribulÓ la gente.

 

Purtropo amico mio,

tute le cativerie de sta Tera,

miseria, inquinamenti, bombe, guera...

tiŔnelo in mente cusa digo io

e st¨dielo ben bŔ, fino giˇ in fondo:

Ŕ l'imbizioso che ruvina el mondo.

 


 

Gente, i ruplani!ů

 

Fischi d'alarme de tante sirene

che stride, se lagna com'urli de iene,

gente spaurita che fuge sbandata,

che cure sfenita, cul pianto ala gola.

 

Strili e parole che spezene 'l core;

ariva l'undata:

tristi rumori de cento mutori,

de mostri che vola.

 

Feroci fragori d'urdegni lucenti,

butati a casacio giˇ sopro le case

e crestiani inucenti, senza pietÓ.

 

Scene strazianti, selvagio furore

distruge l'amore,

cusa sarÓ!

 

Spetaculi urendi, buati tremendi

che schianta, sturdisce, stronga, svilisce;

trema la Tera, sussulta, s'inalza,

ricasca, sutera.

 

L'Ŕ trista la guera!

 

E trista Ŕ la sorte,

per tanti Ŕ la morte,

case che brugia, palazi che crola,

se rimpe la b¨gia, el rifugio s'afola

de gente lenita, ch'ariva sfiatata,

che pare smatita, ch'ha salva la vita

per caritÓ.

 

Nuvuli scuri de polvere e fume

se leva dai muri, tra squarci de bombe,

spetri de tombe, nŔ fiori nÚ lume,

ma solo terore.

 

Macerie bagnate, lavate dal pianto,

urli e preghiere ch'invochene un zanto,

corpi senz'anima, gente strupiata,

brugiata, sbramata, carne straziata

ridota a brandeli, e sangue, frateli,

mantato da un velo de pianto e dulore,

quanto dulore!

 

Tra la pora gente

el male spadrona da boia incuscente.

 

E i rombi ritorna, ritrema la Tera,

sussulta, se rialza, ricasca e sutera.

 

L'Ŕ bruta la guera!

 

Spietata Ŕ la morte e maligna ripassa,

spalanca le porte, se sente vecina

che sfregula i denti,

e ride d'i pianti, suspiri, lamenti;

distruge la vita, vigliaca, predona,

e nisciuno perdona.

 

Ma cresce i'urore, che strazio, fa pena

le guance d'un fiolo rigate dal pianto,

por'anima trema e singhioza parole...

chiama ci fratelo che pi¨ nun risponde,

fa tanta pietÓ...

che umanitÓ!

 

E cerca pietÓ che pare smatita

na madre che langue e struge dal piagne

la fine del fiolo che stregne ala vita,

vede qui celo culore dei zangue,

e prega vilita, sciatata, sfenita,

lý, tra le macerie,

in genochio per tera.

 

E' urenda la guera!

Indice:

1 nuvembre 1943 - ore 11 e 40 - Stralcio della relazione sul bombardamento del rifugio delle carceri

Poesie di Ernesto Marini (NazarŔ) dai libri "Se sai d'Ancona lŔgeme" e "Pianto, amore e 'n po' de bonumore"

Raconta mi madre - Raconti de guera de Elena Rinaldini

Fotografie dal libro 'Bombardamenti su Ancona e Provincia 1943/44' di Camillo Caglini