DA LGE B

El zzito de AnconaNostra 'n zzito dedicato a tuti j ancunetani, sopratuto a queli che vle b a sta cit nostra e che ama la PACE.  propio cu' stu spirito e cu' sti sentimenti che avemo vuluto mand 'n penziero cumosso ale vitime dei bumbardamenti dela fine del 1943, come rapresentanti dele vitime de tute le guere.  Ma qualchiduno ha fato el furbeto e nt 'n zzito che nun ci gnente - ma propio gnente - da spart cun nialtri, ha usato i linke a st pagine che avemo dedicato ale vitime d'i bumbardamenti per mte in evidenza, cun qualche tunelata de malafede, el fato che sti morti l'ha fati j aleati. Certo, questo 'n fato vero, che avemo messo in evidenza ntla presentazi dele pagine dedicate ai bumbardamenti, ma 'n conto critig 'n aspeto particulare de na guera, cume tute le guere bruta e urenda; diverzo invece el discorzo - e qui sta la malafede - se la critiga la fa chi sta dala stessa parte de queli che la segonda guera mundiale l'hane pruvucata, cercata, preparata, e vuluta. E per furtuna ogi nun c' bisogno de ricurd a nisciuno chi ha straginato l'Itaglia ntla tremenda aventura dela segonda guera mundiale!  E alora chi capitato nt ste pagine partendo da qul zzito che ci fato el linke ha propio sbajato posto.

DA LEGGERE BENE

Il sito di AnconaNostra un sito dedicato a tutti gli anconitani, soprattutto a quelli che vogliono bene a questa nostra citt e che amano la PACE.  proprio con questo spirito e con questi sentimenti che abbiamo voluto inviare un pensiero commosso alle vittime dei bombardamenti della fine del 1943, come rappresentanti delle vittime di tutte le guerre.  Ma qualcuno ha fatto il furbo e in un sito che non ha niente - ma proprio niente - da dividere con noi, ha usato il link a queste pagine che abbiamo dedicato alle vittime dei bombardamenti per mettere in evidenza, con qualche tonnellata di malafede, il fatto che questi morti sono stati provocati dagli alleati.  Certo, questo un fatto vero, che abbiamo messo in evidenza nella presentazione delle pagine dedicate ai bombardamenti, ma un conto criticare un aspetto particolare di una guerra, come tutte le guerre brutta e orrenda; diverso invece il discorso - e qui sta la malafede - se la critica viene dalla stessa parte di quelli che la seconda guerra mondiale l'hanno provocata, cercata, preparata e voluta.  E per fortuna oggi non c' bisogno di ricordare a nessuno chi ha trascinato l'Italia nella tremenda avventura della seconda guerra mondiale.  E allora chi capitato in queste pagine partendo da quel sito che ha inserito il nostro link ha sbagliato davvero posto.

I bumbardamenti del 1943


Raconta mi madre

Raconti de guera de Elena Rinaldini (la madre de Pieru nostro)

 

Me dice mi madre (ultimo raconto inzerito)

 

EL RISTURANTE A VIENNA (raconto dela Sora Elena Rinaldini che ad ci 77 ani)

Chiss, se c'. Pe' no scherzo dela Storia, quela cula S majuscola che f schiup le guere ma ancora quela cula s minuscula che f incuntr le perzzone, ce pudria esse a Vienna 'n risturante che f da magn brudeto, vincisgrassi e stucafisso. Almeno, si quel brav'omo j l'ha fata a turn a casa... st a sent sta storia, che merita, perch te fa penzz che dietro ale tragedie de ogni guera c' ancora tanta brava gente!
C' stato 'n periudo de qualche giorno, quanto erimi sfulati ala vila dej Angeli de Camer, che s' visti j uficiali todeschi. Era l'istate del '44 e Ancona stava pr'esse liberata dai Pulachi e i Todeschi se ritirava. M madre era l'uniga de tuta casa che sapeva parl in todesco. L' aveva studiato a scola, a ragiuneria. El belo che m padre a mama l'aveva cunusciuta propio sui banchi de scola e quindi se penzzava che avevane studiato le stesse robe, ma invece l in todesco nun zzapeva d nemanco bongiorno o bonasera.
Co sto fato che mama sapeva el todesco, era diventata impurtantissima pela relazi - dificile da mur!... ntl zzenzo propio che ce pudevi lasci le penne! - cuj uficiali todeschi in ritirata. Ce n'era uno in modo particulare, che aveva fato amicizia cun mama. Mama era na signora che a quarant'ani gi pesava na quintalata e era talmente brava a f da magn...! ma brava de brutu, cume ad nun se trova pi in giro!
St'uficiale todesco, in efeti nun era todesco ma ustriago, e ciaveva 'n risturante a Viena. L e mama avevane capito subito che visto che la guera li aveva messi a cuntato contru voja, tantu valeva a prufit dela situazi, e passavane le meze giurnate a sgambiasse le ricte. St'omo diceva che la guera j faceva schifo e nun ne pudeva pi dele purcherie atroci che aveva visto f dai cunaziunali sui. Int'una dele poghe ore che ha puduto pass aj Angeli, infr na ricta de vincisgrassi e n'antra dela torta Sacher, ha guardato a mama e j'ha dito: "Io nun ne posso pi.Te ad m'hai da ajut a scap via. Dme 'n vestito da omo e io lascio aqu la divisa e provo a fug!" (nun j l'ha dito propiu cusc, j l'ha dito in todesco...).
Mama che era na dna curagiosa, ma no propio mata del tuto, ha capito e j'ha risposto: "Io nun me vojo f truv cu na divisa todesca ntle m e nmanco me vojo f vde da nisciuno mentre la sto a brugi. Stanote io te lascio 'n vestito da omo ntl fosso in fondo al viale de querce. Vede te cusa pi f."
El giorno dopu el vestito nun c'era pi. Nisciuno ha saputo pi gnente de st'omo, si jl'ha fata a fug o no. Ntl giro de pogo tempo s' perza pure la memoria de cume se chiamava. Io vojo penzz che j l'ha fata e che ad a Vienna c' 'n risturante nd fne da magn i vincisgrassi - e dopu tuto giusto, no? E' n piato che pija el nome da 'n generale ustriago, e in Austria turnati!...e nt sto risturante magari c' 'n vechito 'n po' sciapito che te raconta de quantu j'hne inzegnato la riceta ntl periudo dela Linea Gotica!

 

I raconti vechi

 

"Io ad ci 74 ani, un fjolo e d nipoti beli cume 'l zzole. Nun z pi impipirita cume quantu eru na fiola seca cume u' sp, ma pr la memoria m' armasta bona e de qul'epuga m'aricordo tuto.

Anzi, ad che st a divent vechia, me capita sempre de pi da ripenz ai tempi de guera. Eh, sc, perch in tempo de guera pare che tuto andava pi de fuga: che tuto pudeva sucde, e davero sucedeva de tuto!

Io al tempu de guera stavo sfulata ntla vila de Leunardi aj Angeli de Camer. na vila antiga, bela 'n bel po', che la pud vde ancora ad, ntla salita che da' stadio novo ariva su su fino al'arco che fino a poghi ani fa ce passava sotu la strada che va a Camer. La vila dala parte de destra andando su, c' 'n viale de querce seculari che solu a vde quelo te se slarga 'l cre.

Nt qula vila ce stmi in tanti, si m'aricordo b c'era cinque famije, pi de na ventina de perzzone. Quelo che nun me pudr scurd mai stato el passagio del fronte. Mi madre era na dona grassa e cui capli bianchi 'ncora si qula volta ciaveva apena na quarantina d'ani. Sc, ma pr ciaveva n'energia drento, che le dne d'ad se la scorda!

Era ragiugnera, e a scla aveva studiato el todesco, e diceva da saplo b 'n bel po'. Emo penzzato che sta roba pudeva f comudo, ad che i Todeschi arivava propio dale parti nostre!

E defati, quantu s' presentati in vila d uficiali pr dce da slugi tuti, che loro la vila la duveva requis pr fce st i militari, mi madre ha cuminciato a discrece in todesco, e pruvava a dje che l ce stava tante perzzone, e che era mejo si 'ndava a st da n'antra parte, che l de vile disabitate ce n'era diverze. E intanto, in ancunet me diceva sotuvoce: "O Elena, va a chiam i cuntadini, dije da ven qui in pi tanti che ple, e da purt tuti l'acta e 'l furc.

Io s corzza a chiam i cuntadini, e tempo dieci minuti ntl zzal dela vila c'era na trentina d'omini: chi cul'acta, chi cula vanga, chi cul furc ntle m. La situazi pudeva precipit da 'n mumento al'altro.

Intanto, inzieme a mi madre ce s'era messa 'ncora la cuntessa Fatati, che era 'ncora pi bassa e pi bianca de lia, a discre in todesco cu sti d uficiali. Nisciuno ce stava a cap gnente, ma se vedeva che la discussi diventava sempre pi acesa.

A 'n certo punto, vedo a mi madre e ala cuntessa che pijane st'omo ch'era alto un metro e utanta e ciaveva el mitra ntle m, e 'l cumincia a sbte ntl muro. Ntla foga dela discussi, ste d dne urlava cume le bestie e aveva smesso de parl in todesco e ad parlava in ancunet. Urlava: "Io te mazo! Te nun pi rompe le scatule ala gente che nun c'entra gnente!"

Pudeva sucde 'n macelo. D uficiali cul mitra da na parte e i cuntad da qul'altra. E invece, sto todesco j'ha cuminciato a pij la ridarela, ha cuminciato a rde che nun zze fermava pi, a vde ste d dne imbestialite che el sbateva ntl muru.

Si ad ala matina ce svejamo e vedmo la luce del zzole, se deve a sto brav'omo che 'ncora ch'era todesco, ha dimustrato da avcce na cuscienza e ce s' messo sopro na m. Ma pr, 'ncora mi madre e la cuntessa, avevane fatu vde de che pasta era fte!

Io, pr'ani e ani, j'ho chiesto a mama, mia cusa j'aveva dito qul todesco da fje prde cusc 'l lume d'j ochi. M'ha risposto sempre: "Lascia prde!" e cusc nun l'ho saputo mai.

 

(raconta sempre mi madre...)

 

Mi padre era el Sor Piero Rinaldini, el gazusaro che ciaveva la fabrica de aque minerali, aranciate e gazose ntla piazeta de Via Gardeto, davanti al Tribunale. Ntl periudo de guera, la fabrica nun ha chiuso mai e cusc mentre che stmi sfulati in campagna, mi padre pijava la bicicleta ala matina e andava in Ancona.

'N pumerigio passa da' strad de Camer n'omo cul careto, che quantu c'incontra dice: "In Ancona successo 'n macelo: le bombe ha pijato dapertuto! El finimondo!"

Ve pud imagin cume ce semo armaste io e mama, tant' che mi madre me dice: "Elena, partmo de fuga e andamo a vde cus' sucesso. Purtamoce 'ncora 'n po' de quadrini, tante volte ce duvesse serv pr fce aiut a scav ntle macerie".

Nun era discorzi che metva alegria, ma cumunque mo involtolato na sbalza de quadrini nt na federa de guanciale e ce smo mese in viagio pr'Ancona... a pedagna, perch de bicicleta ce n'era una sola e quela la pijava mi padre.

Ad pare gnente, ma a fla a pedagna qula strada, ce se mte! Quantu erimi 'rivate su in cima ale Tavernele, vedmo u' stormo d'aerei che ariva a bumbard. Io e' spetaculo urendo che ho visto qul giorno nun mel pudr scurd mai. Vedmi le bombe che cascava gi a grapuli e po' se sentiva el chiopo e se vedeva 'l fume. Na roba da fte ven i capeli bianchi! Ce semo sdrajate gi longhe distese ntl'erba e mo spetato che fenisse da bumbard.

Quantu j aerei va via, j digo a mama: "Vulemo pruv a telefun, tante volte babo ce rispundesse?" Mi madre me guarda e me risponde: "E cusa vi telefun, o sciapa? Te pare che 'ncora funziona i telefuni cun tutu stu macelo che sta a sucde?"

Io ma pr, ci vuluto pruv uguale: entro int'un bare e fago la telefunata. Sento el telefuno che sna e po' la voce de babo che rispundeva: "Pronto!" cume se gnente fosse. Quanto mi madre ha sentito che babo rispundeva al telefuno, m'ha presu la curneta dale m e ha 'ncuminciato a sbrait: "O pezo de ciamboto! O disgraziato! Nialtri smo ale Tavernle che ce disperamo, a mumenti j aruplani ce buta le bombe sopro la zzoca, e te armani l a fadig cume se gnente fosse? Viene a casa, o tonto! Cusa speti?"

Babo era unu che in vita sua ha sempre penzato solu a fadig, nun ha fato mai 'n giorno de ferie. Me sa che l'uniga volta che ha lasciato prde prima de sera tardi, stato qul giorno, perch dal tono de voce de mi madre nun c'era da spetasse gnente de bono. Ha pijato, e rivato ale Tavernele cula bicicleta, po' ci dito che sc, era successo 'n po' de cas, ma per furtuna ntla fabrica le bombe nun ciaveva chiapato.

Passato qualche giorno, smo andati tuti in Ancona a rndece conto d'i dani.

Na bomba aveva chiapato a San Cosma, 'n'antra al Tribunale, e n'antra a casa nd abitmi nialtri, in Corzzu Vitorio Emanuele al'ultimo pi. Anzi, a casa nostra era sucesso che na bomba aveva pijato ntl parchegio che c'era de fianco al Cinema Metruplita, aveva sulevato 'n pietr dala strada, che era vulato fino a sopro 'l teto. Po' stu pietr era ricascato gi sfundando prima el teto e po' 'l pavimento de casa, e era andato a fen al piano de soto: penzz 'n po' vujaltri cusa pudeva esse stato! E babo invece cume se gnente fosse, aveva risposto "Pronto!"....

 

(raconta sempre mi madre...)

 

Topi (se scrivera Toppi) era n'uprajo che fadigava ntla fabrica de gazose de babo. Era venuto a fadig che era pogo pi de 'n fjolo, e tuti j vulevane b, era 'l coco dela fabrica. Stu Topi ciaveva la forza de 'n toro... penzz che na volta ha vinto cu n'Inghelese na scumessa che l saria stato capace da purt na mutucicleta a spala su in cima fino al quinto pi de na casa!

Era bono e era forte, stu Topi, ma pr ciaveva d prublemi: el primo che quantu sunava j alarmi antiaerei a l j pijava na striza boja e qualunque cosa stava a f nt qul mumento, l nun ragiunava pi: lasciava prde tuto e cuminciava a cre cume 'n mato. El zegondo prublema che era cego cume na talpa, e senza j uchiali sui, nun ce vedeva da qui a l.

Na volta stu Topi stava a guard 'l quaderno de scla de mi surela picula che faceva le elementari e che turnando da scla s'era fermata in fabrica. Propio in qul mumento sna l'alarme antiaereo, alora Topi che ciaveva 'l quaderno ntla m, pija e 'l lancia ala dietro e cumincia a cure verzo el rifugio. El quaderno fenito drito drito drento a na cisterna nd c'era l'aranciata.

Quantu era drento al rifugio, Topi se corge che per fuge aveva perzzo j uchiali. Era n'omo fenito senza sti uchiali. A stu punto ha duvuto decde si era de pi la striza d'i bumbardamenti upure quela da rest mezo cego, e ha deciso che era pi pegio esse cego. Alora cus'ha fato? scapato fri dal rifugio e ha arfato a gato mign tuta la strada ala dietro tastando per tera a sent se artruvava j uchiali sui. E 'l belo che l'ha truvati!

 

(raconta sempre mi madre...)

 

 

Indice:

1 nuvembre 1943 - ore 11 e 40 - Stralcio della relazione sul bombardamento del rifugio delle carceri

Poesie di Ernesto Marini (Nazar) dai libri "Se sai d'Ancona lgeme" e "Pianto, amore e 'n po' de bonumore"

Raconta mi madre - Raconti de guera de Elena Rinaldini

Fotografie dal libro 'Bombardamenti su Ancona e Provincia 1943/44' di Camillo Caglini