la Festa d'i fiori

dala pÚna del Pieru Rumagnoli

 

Un zzeculo fa in Ancona la gente fadigava 'l dopio d'adŔ e scý e no che riusciva a mÚte inzieme i quadrini pe' magnÓ. Nun c'era i cinema, nun c'era la partita de palˇ, nun c'era gnente de gnente pe' divertisse 'n po' ala dumeniga che era l'unigo giorno che se stava senza fadigÓ.

IntÚ qule poghe ucasiˇ che jÚ veniva date, el populo nostro partecipava c'un'entusiasmo che adŔ che ciavÚmo tuto, nun ze vede pi¨.

Una de ste rare ucasiˇ Ŕ stata per diverzi ani le "Feste dj Fiori". N'avenimento che se ne saria perza la memoria, si nun fosse per qul'ente benemerito che Ŕ 'l Circulo Filateligo Numismatigo Dorico, che magari a qualcuno jÚ p˛le sumigliÓ a 'n clÚbe de vechi rimbambiti che giogane cui francubˇli, tanti de sciguro manco saprÓ che esistene, ma che ala memoria dela bela CitÓ nostra hÓne dato tanti cuntributi.

Le Feste dj Fiori hÓne lasciato 'n ricordo veramente artistigo, ciuŔ le unighe cartuline in stile Liberty che Ŕ state fate in Ancona. Atraverzo sta breve rievucaziˇ, AnconaNostra ve le farÓ vÚde tute, e cercherÓ mejo che pˇle de fÓ rivýve 'n pezetý d'Ancona che Ŕ vechio de cent'ani, che al giorno d'ogi invece de cento pare mile.

 


 

La prima Festa dj Fiori Ŕ del 1904, al 29 de magio. Chi l'ha fata da padrˇ Ŕ stato el Corzzo Vitorio Emanuele (ogi Corzzo Garibaldi).

La Dita MINCHIONI sotu la direziˇ del Zzignor BUFFONI (nun stamo a scherzÓ: se chiamavane cuscý per davero!!!) avevane fato le robe in grande: al'inizio e ala fine del Corzzo era stati montati dˇ archi alti 14 metri, tuti ricuperti de piante e fiori (foto 1 - a sinistra). Su in cima a sti dˇ archi c'era la scrita "PRO ANCONA" fata ancora lia cui fiori.

La Pro Ancona era la SucetÓ che urganizava sta festa. De sti archi c'Ŕ armasta na futugrafia cu u' sfragŔlo de gente soto, che ce fÓ capý che raza de partecipaziˇ c'era stata.

InfrÓmezo ai dˇ archi, c'era na fila de festoni tuti decurati de fiori 'ncora loro. In Piaza Caure, invece, ciavevane meso na piataforma pel bÓlo publico cun tut'intorno i chioschi che te vendeva le gazose e 'l vý.

Tuto era stato urganizato aposta pe' cuincýde cul'inuguraziˇ del munumento a Stamura. Stu munumento, purtrˇpo nun era tanto bŔlo, e giustamente nun ciÓ avuto furtuna. Echilo qui (foto 2  a destra).

Raconta el prufessor Mariano che era fato da 'n lastrˇ (el munumento... no el prufessor Mariano!) e era opera de u' scultore piutosto famoso del'epuga, Etore Ferrari. Ma stu lastrˇ era bruto davero, tant'Ŕ che 'l prufessore azarda l'ipotesi che l'avesse firmato Ferari ma che in invece l'aveva fato un garzˇ. Prima l'hÓne piazato fˇri dal Palazo dela Prefetura, ma dopu na diecina ani hÓne deciso giustamente  che era mejo levÓlo de torno, e cuscý l'hÓne meso al'ingresso dela scˇla Stamura aj Archi.

NtÚ stesso giorno 29 magio c'era in prugrama ancora el Cunvegno Garibaldino. A qui tempi campava  qualche reduce dela spediziˇ dj Mile e la figura de Peppý Garibaldi ciaveva na pupularitÓ enorme.

La SucetÓ dj Vuluntari Garibaldini d'Ancona che ciaveva la sede in Via Matas, aveva urganizato le robe per bŔ e c'era gente che veniva da tute le Marche.

Ale cinque e meze del pumerigio c'era stato el corzzo dj fiori, cui cari da ndˇ veniva butati verzo la fˇla fiori e fujÚti de carta multiculori.

InfrÓ i Garibaldini e i curiosi dela festa dj fiori, c'era tanta de qula gente, anche furestieri, che ala sera in staziˇ nun ze riusciva a truvÓ posto ntÚl treno che andava a FabriÓ e le Feruvie avevane duvuto urganizÓ in quatro e quatr'oto 'n treno straurdinario.

Pela festa dj fiori c'era stato pure 'n cuncorzzo dela mejo vetrina. Pela croniga, ha vinto la "vetrina PANZINI, di natura squisita, fatta esclusivamente con merce intatta, senza tagliarla, disposta artisticamente a formare disegni bellissimi". Cus'era sta roba  esposta, nun cel zzapÚmo...

Come ricordo de sta giurnata de festa, c'Ŕ stata la splendida cartulina a culori in stile Liberty, che ne hÓne tirate 6mila copie. Una Ŕ quela che vedÚ ntÚla foto (foto 3 - a sinistra)

Ste cartuline era numerate perchÚ se faceva n'estraziˇ a premi: chi vinceva se purtava a casa 100 lire in oro. Ha vinto la numbero 2076, mentre quela che vedÚ aquý Ŕ la numbero 76... dˇmila de meno! (foto 4 - a destra)

 


 

La Festa dj Fiori ciaveva avuto 'n successo cuscý strepitoso, che l'ano dopu nun ciÓne penzzato dˇ volte a arfÓla. Stavolta su dˇ giorni: el 20 e 'l 21 de magio 1905. Da Roma era arivata na squadra de ciclisti pe' partecipÓ ala sfilata, e in Piaza Caure se balava, cume l'ano prima.

La sfilata era operta dal cÓro publicitario de BORGHETTI, scý, propio quelo del famoso CaffŔ Sport .  Sto cÓro era fato cu'n palˇ bianco invurichiato da 'n reticuato de fiori, e soto c'era na navicŔla piena de fiori 'ncora lia, ndˇ ce stava scrýto "CaffŔ Sport". Da drento ala navicŔla i 4 fjoli del Cumendator BurghÚti butava ala gente le cartuline publicitarie. MbŔ, una de queste adŔ sta ntÚla culeziˇ mia perzunale e la pudÚ vÚde aquý (foto 5 - a sinistra).

In fondo ala sfilata c'era na raritÓ...n'utumobile! Era quela del Sig. Clemente Ricci-Rossi, cariga de fiori e de dolci che le dˇ gentili Signore che stavane a bordo lanciavane verzo la gente (...v'imaginÚ la scena?)

Ale dieci de sera in piaza Caure c'Ŕ stati i foghi d'artificio: un successˇ!

De cartuline de st'ediziˇ ce n'Ŕ armaste diverzi tipi. Questa Ŕ quela uficiale (foto 6 - a destra),  che era numerata e legata al'estraziˇ dele solite 100 lire d'oro (ha vinto la 1085, questa invece Ŕ la numbero 536).  Ma prˇ n'Ŕ venute fˇri ancora tipi diverzi, cume questa (foto 7 - a sinistra)

 


 

NtÚl 1906 la SucetÓ Pro Ancona aveva urganizato la Festa dj Fiori aposta pela visita che i Reali ciavria fato pela Posa dela Prima Pietra del'Uspedale Umberto I. I festegiamenti duevva da durÓ na setimana intera, dal 24 al 30 de giugno. Quantu se spostava el Re, se spustava in dosi massicce ancora l'esercito: parlÓmo de regimenti e batajoni interi pr'un tutale de 6.500 militari che arivava in Ancona!

El Re e la Regina arivane da Roma al 24 giugno cul treno, ale oto meno cinque del matino e fÓne na visita sbrigativa: posa dela prima pietra, gara al puligono de tiro, bagno de fˇla, e via: ale undici e un quarto giÓ stavane a ripartý. (foto 8 - a destra)

Al 28 de giugno arfÓne el cuncorzo pela mejo vetrina. Nun ze capisce bŔ chi ha vinto, ma de sciguro c'Ŕ armasto scrýto che le vetrine nun era cuscý bule cume j ani prima.

Al 29 de giugno c'Ŕ l'inuguraziˇ stagiunale de n'antro pezo de storia dela CitÓ nostri. i Bagni Marotti, che da soli jÚ ce vuria 'n capitulo a parte, e 'l raduno ciclo-utumobilistigo. El giro che facevane era da Piaza Caure giˇ pel Corzzu, ala Staziˇ, al PiÓ e ritorno fino ala Logia dj Mercanti. Duvria esse stato 'n bel spetaculo de culori, sopratuto la Signora Ramellini che "con braccia e gambe nude" guidava la delegaziˇ de Pesaro in mutuciclÚta!

Ancora le auto nun scherzava gnente! C'era la FIAT del Conte Leupardi de Osimo, la machina roscia del conte Gallo e qula bianca del Zzignor MemŔ!

Al giorno 30 la festa se sposta sul mare: de pumerigio, cu' na caldana giÓ da piena estate, u' sfragŔlo de gente se raduna sule banchine e sui moli: c'era la regata dele barche tute decurate! StÚ a sentý cusa dice le cronighe ntÚ stile robuante del'epuga: "Bellissima l'imbarcazione all'orientale della Pro Ancona con a bordo tutto il direttivo di detta societÓ. Nel mezzo del barchetto sorgeva un'elegante pagoda giallo oro con intagli e mosaici, sulla prora era un grifo di forme maestose che dava artistico risalto all'imbarcazione. Dalla pagoda scendevano drappi con frange, velluti e tappeti sino a lambire le acque come le sontuose imbarcazioni dei rajÓ indiani"

 


  

NtÚl 1907 la Festa dj Fiori l'hÓne urganizata inzieme al Cunvegno dj Studenti Marchigiani, al 18 e 19 magio. Un curteo de giuvinˇti d'Ancona vÓne in staziˇ a ricevere i treni speciali che rivavane da norde, da sude e da FabriÓ.  Po' 'l curteo, ingrandito cui furestieri, sfila pej Archi e va su al Cumune (aricurdÚve che alora el Cumune stava al Palazo dj Anziani !!! el municipio d'adŔ ancora miga l'avevane custruito!). Aquý i studenti viŔ ricevuti in pompa magna dal Zzindico e jÚ viŔ uferto 'n rinfresco servito dal "Vermouth di Torino".

El Corzzo era stato decurato ala grande dal zzolito Signor BUFFONI che su ste robe nun badava a spese. StÚ a sentý 'l giurnale de qul giorno: "E' una ridda di orifiamme, una fantasticheria di colori, un trionfo di verde". Cuscý se discureva a qui tempi! C'Ŕ armasta na bela foto de qula giurnata, che merita da esse vista se nun antro pe' cum'era vestita tuta la gente che c'era!  (foto 9 - a sinistra) 

Tuto el pumerigio c'Ŕ state le sfilate dele carozze, che se ricorda quasnt'era bela quela del conte Ricotti (scý, propio quelo che Ŕ armasto famoso pela frase: "Avanti si vada!"). Po' c'era le utumobili, ndˇ cume sempre faceva  bela mostra quela del conte Gallo, e po' i cÓri e le biciclÚte decurate de fiori.

Quant'Ŕ stato 'l mumento de dÓ i premi, Ŕ sucesso 'n casý: el giurý, che duveva esse na muchia esigente, aveva deciso da nun dÓ 'l primo premio "per mancanza di concetto e di forma artistica inerente al programma della festa dei fiori", e alora queli del cÓro "Regina del Mercato" s'Ŕ incachiati, ha rifiutato el terzo premio e ha cuminciato a tirÓ la roba verzo 'l palco dela giuria. Cu' 'n suriso, legÚmo che a 'n giurnalista jŔ rivato 'n cunfŔto ntÚla facia che j'ha roto j uchiali.

De sta Festa dj Fiori c'Ŕ armaste dˇ cartuline: una cuscý cuscý (foto 10 - a destra) , ma n'antra che segondo me Ŕ la pi¨ bela de tute. E' in pieno stile Liberty, vardÚ vujaltri che spetaculo!  (foto 11 - a sinistra)

 


 

La Festa dj Fiori del 1908 Ŕ stata purtropo 'n falimento cumpleto. La direziˇ dela Pro Ancona, che al'inizio aveva prugramato la festa a magio, l'aveva duvuta rinviÓ a setembre. Po', l'urganizaziˇ jÚ l'avevane tolta de mÓ queli del' Associazione Nazionale per il Movimento dei Forestieri.

L'uniga roba riuscita bŔ de st'ediziˇ Ŕ stata la luminaria pel Corzzu. La tombula ha tirato su  meno quadrini de quanto se penzava. Al cuncorzo utumobilistigo c'era quatro gati, el Cuncorzo Ipico a Piaza d'Armi Ŕ stato anulato pe' mancanza de partecipanti e quelo Ginnico perchÚ hÓne fato a cagnara. E i foghi d'artificio,  Ŕ cuminciati in ritardo!

Ce pudeva esse na cartulina pe n'edziˇ cuscý sfigata? E defati nun c'Ŕ!

 


 

Dopu 'l falimento del'ediziˇ del 1908, la Festa dj Fiori nun s'era fata pi¨. Solo ntÚl 1921 a qualcuno jŔ venuto in mente da rinuvÓ 'l Corzzo Fiorato. C'era 'n certo aucato PAOLINI che dirigeva 'l cumitato urganizatore e che sperava da mÚte inzieme 'n po' de quadrini da dÓ in beneficenza al' Uspizio Marino e al'Uspedaleto dj Bambini.

La festa nun Ŕ venuta male. L'hÓne fata el 3 de lujo lungo 'l Corzzu Tripuli (adŔ Corzzu Amendula). Soliti adobi e soliti archi triunfali, finestre e balconi decurati, c'era 'l Prefeto e c'era 'l Zzindico, e c'era 'ncora la fanfara dj Berzajeri. E sopratuto c'era nbel po' de gente.

C'era la pesca de beneficenza e le gentili Signore che distribuiva le cartuline ricordo (foto 12 - a destra).

Pecato che proprio infrÓmezo ala sfilata c'Ŕ stata la piova, ma e' spetaculo Ŕ stato belo uguale. Utumobili, cÓri, biciclÚte, moto... La roba pi¨ bula pare che Ŕ stato 'l cÓro alegorico che rafigurava "La CiviltÓ", e che ha vinto el primo premio.

Ale dieci de sera Ŕ partiti i foghi d'artifcio e stavolta Ŕ riuscito tuto ala perfeziˇ.

 


 

L'ultima Festa dj Fiori Ŕ stata quela del 1922, 'ncora questa pel Corzzu Tripoli. De sta festa se sa che l'hÓne fata al 21 de magio, che ciÓ partecipato - se dice - 30mila perzone, e che c'era na muchia de cÓri decurati. Ala gente j'era gustato nbel po' 'n cÓro de Lureto tirato dai buoi, perchÚ sopro c'era dele bele cuntadinŔle  che era 'l ritrato dela salute! N'antra roba che fa surýde Ŕ che ai fjoli jŔ gustato nbel po' Ŕ stato  e' spetaculo de paluncini aerostatighi a forma de purcelý, d'elefante e de animali vari.

C'Ŕ armasta la cartulina ricordo de st'ediziˇ: nun Ŕ al'alteza dele prime. (foto 13 - a sinistra). D'altronde i tempi stava a gambiÓ, e forzze nun c'era pi¨ spazio pe' sti tipi de festa: la gente stava a diventÓ pi¨ smaliziata. Si questo Ŕ un bŔ o un male, nun cel zzapÚmo.

Na roba la sapÚmo de sciguro ma prˇ: che de lý a poghi ani la gente rimpirÓ le piaze, invece che pele Feste,  pr'urlÓ "Duce! Duce!" - e questo de sciguro nun Ŕ stata na roba che ne pudÚmo andÓ fieri!

 


 

 

BIBLIUGRAFIA:

(1) T. De Martiis -  Le Feste dei Fiori in Ancona, dela serie "Quaderni Filatelighi" del CFND, Ancona 1986

(2) prof. Fabio Mariano -  Ancona: la cittÓ e le immagini, Ancona 1987

-    Se ringrazia sentitamente el Circulo Filateligo Numismatigo Dorico