Quanto in Ancona arivava l'Idruvulante

 

de Piero Rumagnoli


 

Al giorno d'ogi, Ancona ciÓ n'aruporto degno de 'n capuluogo de regiˇ. Cul'aereo se p˛le arivÓ, da Falcunara, miga solo a Roma o a MilÓ, ma acora in tanti altri posti in Uropa. Ma na volta, miga era cuscý. Senza bisogno da andÓ tanto indietro,  ancora al tempo che ci˛ fato el militare io, ai primissimi ani Utanta, al'aruporto de Falcunara c'era si e no 'n volo al giorno.

E invece, cel zzapÚ che durante j Ani Trenta la citÓ nostra ciÓ avuto 'n periudo de gloria ntÚla storia del'aviaziˇ? E nun Ŕ manco de Falcunara che stÓmo a discˇre, ma propio del porto d'Ancona, ndˇ ce aterava e ce partiva, cun grande spetaculo per tuti, l'idruvulante.

Queli che ce sta pi¨ atenti ale imagini d'epuca, de sciguro l'avrÓ viste, le bele foto panuramighe del porto d'Ancona ndˇ se vede in primu piÓ l'idruvulante. NtÚ ste poghe pagine, ringraziando cume al zzolito el Circulo Filateligo Dorigo che Ŕ na fonte d'infurmaziˇ preziosa, pruvamo a racuntÓ cusa sucedeva qula volta.   

J Ani Trenta segna el massimo dela pupularitÓ del regime fascista. A qui tempi, c'era el famoso Italo Balbo, un omo cul mito del'aviaziˇ e un omo che, cun tuti i difeti che ciaveva - e nun era poghi! - pela storia del volo ha segnato na pietra migliare.

"Ho il piacere di comunicare che per diretto interessamento del Duce la linea aerea Venzia - Trieste - Zara con il 15 dicembre sarÓ completata col tratto Ancona - Venezia e sarÓ giornaliera". Cuscý diceva el telegrÓma che Balbo aveva mandato al pudestÓ d'Ancona Riccardo Moroder al 28 de nuvembre del 1928.

Questa saria la data de nascita uficiale del'Idruscalo, ma prima bisogna dý che dagiÓ dai tempi dela Prima Guera Mundiale el porto d'Ancona era stato usato dala Aviaziˇ Navale dela Regia Marina Militare. PezzÚ solo ale  imprese de Vincenzo Buratý, l'asso del'aviaziˇ ancunetana, che ntÚl 1918 aveva butato giˇ a dˇ aerei ustriaghi! Le attrezature e j hangar del'aviaziˇ navale stavane ntÚla zona norde del porto, in quelo che ogi se chiama molo Luigi Rizzo (altro nome glurioso d'Ancona e dela Grande Guera...). Ala fine dela guera, ma pr˛, la Regia Marina aveva disativato e' scalo d'Ancona, e aveva trasferito merci e perzzone sia sul Gargano che sui lidi ravenati. Ndˇ prima c'era j hangar, pr'un po' de tempo c'aritorna el garbˇ. 

Ma pr˛, la Grande Guera, cun tuti i dÓni e i morti che aveva fato, almeno era servita per dÓ al'aviaziˇ u' svilupo enorme. Cuscý, ntÚj Ani Venti se penzzava d'estende ancora al trasporto civile el novo mezo mecanico, e, dato che a custruý aruporti novi era n'impresa longa e costosa, al'inizio era stati j idruvulanti a avÚ la mejo, dato che arivava e partiva ntÚla pista fata dal Padreterno, ciuŔ el mare. 

Cume spesso capita, l'Itaglia era partita 'n po' pi¨ tardi dej altri su st'argumento. Ma pr˛ ciaveva penzzato el Duce, che intanto aveva preso el putere ntÚl 1922, a ricuperÓ el tempo perduto. Cun tuti i difeti che ciaveva, el regime fascista da sta rechia ce sentiva bŔ. Zara era diventata itagliana ntÚl 1921, e 'l Duce penzzava a Venezia come base de partenza per zzervý tute e dˇ le sponde del'Adriatigo da un punto de vista de aviaziˇ civile, e per ragiunge l'Afriga setentriunale da quelo militare.. Ancona in sto prugŔto ce cascava propio bŔ.

Stavolta ma pr˛ s'era penzzato d'usÓ el molo sud pele infrastruture che serviva: un hangar, u' scivulo pe' mÚte in acqua j idruvulanti, e quatro muri pj servizi.. A qui tempi, era i primi Ani Venti, ancora c'era Vincenzo Buratý che a pagamento faceva pruvÓ aj ancunetani l'emuziˇ del volo. Pratigamente el novo idruscalo, che era stato intitulato a Sanzio Andreoli, uficiale de marina disperzzo in guera, l'usava solo l¨.

Ma i tempi era maturi: el guverno stava a scrive i regulamenti pj servizi publici de trasporto aereo, e aveva previsto de dÓ le linee in cuncessiˇ ai privati, cun varie suvenziˇ delo Stato a favore dele cumpagnie interessate. El Duce ciacava ala libertÓ, ma dal punto de vista de' sviluppo 'cunomigo dava nbel po' de punti a tuti.

Era stata la "SISA", societÓ triestina de prupietÓ dela famija Cosulich, che l'aveva spontata...e eca che sŔmo arivati al famoso telegrÓma de Italo Balbo. L'inuguraziˇ era previsa, apunto, pel 15 de dicembre del 1928.    

Quantu se fa n'inuguraziˇ in sto periudo, toca a mÚte in preventivo, che miga sempre 'l tempo Ŕ bono. L'idruvulante, mono-mutore da 6 passegeri, era partito da Trieste ale oto e meze del matino, e da Venezia ale undici e meze. L'amaragio in Ancona ariva a mezugiorno e tre quarti, in ritardo nbel po', ma cumunque sempre salutato ala grande da u' sfragŔlo de gente che s'era radunata. Segue rinfresco con uturitÓ e trumboni vari. Al giornu dopu, invece, duveva arivÓ el tri-mutore che traspurtava a 10 passegeri e ciaveva el radiotelegrafo e adiritura ancora la toilette: l'idruvulante parte da Zara, quanto ariva fa tre giri de saluto su Ancona e po' ala fine ariesce a amarÓ ancora "con vento fortissimo e mare agitatissimo": cuscý usava dý qula volta!

Inutile a dý tuti i festegiamenti che c'Ŕ stati dopu: rinfresco, pranzo cule uturitÓ al'Hotel Roma, cena al Casino Dorico. Prima d'amarÓ, via radio l'idruvulante aveva mandato el messagio: "Idrovolante San Marco in rotta da Zara ad Ancona saluta romanamente Mare Nostrum!" Ai fascisti, la retoriga jÚ gustava nbel po'!

Nun era cuminciata tanto bŔ, ma invece, dopu, i voli ciavevane avuto subito successo. El zzervizio era diventato stabile e se chiamava "Periplo dell'Alto Adriatico". Tuti i giorni al'inf˛ri dela dumeniga, c'era dˇ idruvulanti che faceva la trÓta Trieste - Zara - Ancona e Ancona - Venezia - Trieste. VulÓ da Ancona a Zara custava 100 lire de qula volta... supergi¨ duvria esse 'n centinaro de euri d'adŔ...e ntÚl bijeto c'era cumpreso el trasporto in machina da Piaza Roma al'Idruscalo. Ce se meteva n'ora e 'n quarto, ma ala fine dj Ani Trenta se fÓne vulÓ j idruvulanti pi¨ grossi, tipo Macchi MC94 da 12 passegeri e i Macchi 100 da adiritura 26 passegeri, e i tempi se scorcia.

Aj ancunetani che nun ciaveva gnente da fÓ, jÚ gustava na muchia a vÚde e' spetaculo del'idruvulante: quantu arivava, el porto se fermava: c'era tre colpi de sirena e le navi duveva da liberÓ de fuga i spazi e dÓ la precedenza aj aerei. Quanto era fenito tuto c'era 'n fischio prulungato che vuleva dý che se pudeva ricuminciÓ cume sempre..

Incidenti nun Ŕ capitati mai...trÓne unu che fÓ 'n po' rýde: al 21 d'agosto 1939 i galegianti de n'idruvulante chiapa a na lancÚta ndˇ c'era i gitanti: se risolve tuto cu 'n bel bagno, tanto in quela stagiˇ l'acqua era calda! La famosa "Dumeniga del Curiere" dediga a st'episodio comigo na tavula del grande ilustratore Achille Beltrame. Purtr˛po nun s˛ riuscito a truvÓla da nisciuna parte: si per tant'Ŕ ce fosse qualcuno brau che la trova, nun ce penzi su dˇ segondi e ce la mandi che la publicamo.

A Zara c'era el porto franco e se pudeva cumprÓ a pogo prŔzo generi de lusso: eca perchÚ j idruvulanti era sempre pieni e sta linea era quela cun pi¨ passegeri de tuta Itaglia.

L'Idroscalo d'Ancona vive ntÚj Ani Trenta 'n mumento de grande splendore, e ai voli la prupaganda fascista ce tÓca spesso e vulentieri eventi cume la Fiera dela Pesca , ndˇ se faceva voli de prupaganda pj visitatori. Fra l'altro, a Falcunara c'era la piataforma de Bedeti che davanti ce facevane amarÓ j idruvulanti pj voli de prupaganda.. Inzzoma, in Ancona c'era 'n trafigo aereo che nun te digo, e perzzino el grande pueta dialetale Dulio Scandali decide da dedicÓ na serie de sunÚti ai voli.

NtÚl '33 l'idruscalo Andreoli diventa la base de 'n distacamento de "Alta VelocitÓ" dela Regia Aeronautica". El culunŔlo Cassinelli, al'8 de utobre 1933 bÓte el recurde de velucitÓ sui 100 km vulando a na media de 629 al'ora. Inzzoma, se faceva sul zzerio.

Purtr˛po Ŕ la Segonda Guera Mundiale che dÓ na batosta al'Idruscalo: se riduce tute le ativitÓ ecunomighe, e dagiÓ dal 1940 viene suspesi i voli, che ripija solo in parte l'anu dopu, e solo riservati ai militari. Quantu po' le cose se mÚte male sul zzerio, pr'un pelo j equipagi de sette idruvulanti che era dela Squadrija de Ricugniziˇ dela Marina se salva dala catura da parte d'i todeschi. Po' cumincia i bumnbardamenti e 'l porto diventa n'inferno.

Quantu fenisce la guŔra, Ŕ tramuntato per zzempre el tempo dj idruvulanti. C'Ŕ da dý che fino  aj Ani Sessanta n'idruvulante vulerÓ pr'interventi de sucorzzo in mare, ma ala fine se chiude tuto e l'Idruscalo viŔ disativato.

Armane ntÚla storia e ntÚla memoria d'Ancona le splendide imagfini dj idruvulanti davanti al prufilo dela pi¨ bela citÓ del mondo. Imagini che te fÓ strÚgne 'l core al penzziero de cum'era Ancona soto el Domo prima dela guera.

Cume spesso Ŕ capitato ala citÓ nostra, Ŕ stato 'n periudo breve de gloria prima de turnÓ a durmý el s˛no dela pruvincia itagliana.   

Se ringrazia el Circulo Filateligo Numismatigo Dorico e l'Aeroclub Vincenzo Fogola che hÓne urganizato ntÚl zzetembre del 2001 la mostra "In volo sull'Adriatico - U Letu nad Jadranom" publicando, cul patrucinio dj Cumuni d'Ancona e de Zara, l'umonimo libricý che ciÓ furnito tute ste infurmaziˇ.