ricordo de murtatela
(enrico saviotti)

Un quadro de Mortatela (1)
di Mario Panzini
dal volume "Il vernacolo anconitano"
Ancona 1977

Un muru neru, zzozo (2), scalcinato.
De pŔto
(3) 'n altro uguale. 'Na gran pace.
Un purtˇ' scunuchiato e sganganato.
(4)
CurdŔle a spingulˇ'.
(5) Ciufi d'erbace.

'Na scalinata streta. In tel zelciato
'na rete inveruchiata.
(6) D˘ sediÓce.
L'ochio incumincia a c¨re
(7) com'un mato
sopro 'sti muri, e nun ze fa capace:
(8)

dal scuru al bigio al chiaro, s¨, s¨, in fondo,
in do' la luce bianca, ch'Ŕ 'na f˘la,
rinvivisce a la vita el pi¨ bel mondo;

drent'a 'sta luce c'Ŕ un rond˛' che svola.
El c˛re j zompa dietro, in girutondo.
A tuto quanto j manca la parola.


(1)  Enrico Saviotti, bancarellaro, gestore del locale "El Vigolo"
      ed ottimo pittore paesaggista, di singolare stile;
      il soprannome gli fu affibbiato da bambino poichÚ,
      molto povero, mangiava i sederi della mortadella,
      andandoli a cercare presso gli alimentaristi

(2)  sporco
(3)  di fronte
(4)  sconquassato e fuori dei gangheri
(5)  penzoloni
(6)  avvoltolata
(7)  correre
(8)  stenta a crederci

 


 

La pesca d'i ricordi
di Enrico Saviotti (Mortatela)
dal volume "L'Ancona de MurtatŔla"

Da fjolu eru sempre lý,
m'andavu a divertý
cul fjolo de Giunchetu,
a fa' i zzucheti da in cim'al palchetu.
Un po' giugÓmi a un po' 'jutami;
apena vedÚmi lanciÓ i sassi 'ntel'aqua,
per mandÓ el brancu d'i pesci
in mezu ala rete,
sganciÓmi el laciu e curými a girÓ l'arganu,
per nun fÓli fuge.
cuscý che li fregÓmi
a chi pori sarduncini, sgombri,
rusci˛li e mignatini ...
Ala fine sempre arimediami
'na cartata de pesce frescu e bŔlu,
da purtÓce a casa,
per fÓce un brudetu o un fritarŔlu.

 


In alto: PORTO' DE VIA MATAS
Al centro: LA PESCA D'I RICORDI
Quadri di Enrico Saviotti (Murtatela)