PRIMO BIAGINI

 

'Na scenata (1) vicino a Piaza de l'Erbe (2)

 

Molte erano le donne che facevano ressa attorno al camion di un venditore ambulante e si pigiavano nel desiderio di acquistare oggetti di vetro che venivano venduti a prezzi di convenienza.
- E', quela duneta? Cusa me spingete?
- E' de dietru, sora sposa, che me spegnene! Nun ved cume sudu?! Qui se mre 'ncastrati!
E il venditore ambulante (un meridionale) continuava dall'alto del camion a gridare:
- Guardate! La cchi belle lavoraziono, le vase cristalle inflessibile noe le vendiame a prezze de rigale!
- Dteme un po' qula bucaleta!
(3) Quantu me la metete?
- Une lire! Queste ha rimaste l'ultime che abbiame!
- Dela
(4) un po' a me, per una lira, qula bucaleta!
- Oh, me dispiace tantu, sora spimpinosa,
(5) ma l'ho dumandata prima iu, e me la piu iu! (6)
- E iu sono do' ore che sono qui, e ho diritu de piarla iu!
- Insomme! - grida impaziente il venditore, pressato da altre richieste - Insomme, a chi la duvesse dare queste bucaletto?! Mettitevo d'accorde!
- Dela a me, nun me f discre,
(7) se no metu a ma' le parulacce!... (8)
- Ma no, ho diritu iu, me la daga (9) a me!
E mentre le due donne cercavano di strappare dalle mani del venditore il vaso conteso, questo va a finire in terra e si frantuma. Ilarit generale! Indispettito e pieno di collera, il venditore esige il pagamento del vaso.
- Adesso me lo pagato listesse! O, diche a vuie, fre li solde!
- Feveli d da cula
(10) che vuleva la bucaleta per forza!
- Oh, io non c'entru!
- Nun c'entri? Paga, paga! Nun fuge! Nun te squaj!
(11) El vasu cascatu a te da le m, e te el paghi, sora cuntessa!
- Io nun me posso mete a la berlina in mezu a la piazza! Adessu vadu dal pizardone! Ce se rimete sempre a f a cagnara cun certa gente... de strada!
- Cun chi ce l'hai, cun me? Cusa hai da d, de me? Iu, gente de strada?! O sfaciata! A mumenti te levu cula ccuma
(12) che ci hai in te la testa e te ce fagu 'na scufia! (13)
- Nun vale la pena rispndeve! Tantu, tuti el za chi ste!... (14)
- O bruta mori mazata! O zznghera! (15) O sdrogia! (16)
- Badate come parlate, perch mi' marito tranviere!
- Hai ditu gnente! Tranviere! E nun te mazi? Hai ditu s la moje del conte Gadulini!
(17) J hai mesu pi corni te, a tu' maritu! Altru che 'n canestru de bumbarli! (18)
Impettito, s'avanza un vigile.
- Cos' questo baccaneggiare?! Bisogna ormai finiamola!
- Voi che dite tantu di me, pensate a vostra fiola che se fa curtegi da tuti i suldati de piazza d'Armi!!!
(19)
- O bruta schifosa, o sbriuta! (20) Cus'hai da di' de mi' fiola?! O zznghera! A mi' fiola 'ndata a tuc, 'sta purcacciona, 'sta zzoza, zzaculona! (21) Tenme, dne, (22) si no la mocigu, la cncigu (23), la sgranfignu (24) tuta qula facia piturata! Se pitura i labri!... sara meiu che te piturassi...
- O, per Bacco, finiamola questa scena... incoerente! Lei state zitta con quella lingua... afosa, e non lanciate epittti ingiurianti!
E, sia per l'energico intervento del vigile, sia per intercessione dei presenti, le due contendenti si sono allontanate brontolando ed ingiuriandosi, mentre il venditore ambulante ha dovuto rinunciare al prezzo del vaso rotto gustandosi per, in compenso, la breve ed umoristica scenetta.

 

(1) litigio tra pi persone

(2) il Mercato Centrale su Corso Mazzini

(3) brocchetta, caraffa

(4) datela

(5) azzimata, affettata

(6) piglio io

(7) non mi fate aprire bocca

(8) inizio a dire

(9) dia

(10)fateveli dare da colei - il pronome usato in senso spregiativo

(11) fuggire

(12) bricco da caff - si riferisce al cappellino della donna

(13) colpo dato con la mano dall'alto in basso sulla testa altrui

(14) siete

(15) zingara

(16) donnaccia

(17) ricchissima famiglia dell'epoca

(18) piccole chiocciole terrestri

(19) il campo di Marte al Piano S. Lazzaro, ove allora era una grande caserma

(20) sfacciata, sgualdrina

(21) sporca, inzaccherata, anche in metafora

(22) tenetemi

(23) mordo, rosico

(24) graffio

 


Primo Biagini - da "Il Vernacolo Anconitano - Compendio storico-antologico" di Mario Panzini