PRIMO BIAGINI

 

Solamente el deto (1)

 

I░

 

Al tempo del papa generale (2)
che ciaveva Venezia a gran dispetu,
quando in Ancona giÓ da qualche anetu
era Pietrucio Accolti gardinale,
(3)

 

vigeva seriamente in te le sale
un certu famusissimo decreto
ch'obligava de piÓ
(4) soltanto el detu
'nte le feste da balu a carnevale.

 

Nemancu la manina delicata
strenge se puteva cun modi grati
'ntel tempu che durava la balata.

 

E chi sta lege po' nun rispetava
j tucava a pagÓ trenta ducati,
(5)
che a sta' digiunu un ano l'obligava.

 

(1) dito
(2) Giulio II, Giuliano della Rovere, 1503-1513
(3) arcivescovo di Ancona, zio del futuro cardinale di Ravenna Benedetto Accolti, che per conto del futuro papa Clemente VII proditoriamente occuperÓ Ancona e ferocemente la governerÓ soffocando definitivamente la Repubblica
(4) pigliare
(5) il ducato d'oro, equivalente ad attuali lire 90.000 circa

-------------------------------------------------------

 

II░

 

Adesu, oh, adesu i tempi ene (6) gambiati!
El dicÚa sempre el mi' maestro a scola:
ź La sucetÓ 'gni tanto gambia s˛la,
(7)
come se fa a' stivali scalcagnati. ╗
(8)

 

El balu, adŔ, Ŕ calcosa che cunzola,
che te porta a sugnÓ 'nti mondi alati;
stregni da tuti i posti, in tuti i lati,
e nisciuno te dice 'na parola...

 

E lia, la dama, po' che s'abandona
in tel peto ribusto inamidatu,
te mete el fogu in tuta la persona.

 

E in te le vene senti un desideriu
che te turba, te fa diventÓ matu...
ma dopu c'Ŕ 'l bufŔ per refrigeriu.

 

(6) sono
(7) suola
(8) senza tacco; l'aggettivo si usa per˛ nel senso di malandato

 


Primo Biagini - da "Il Vernacolo Anconitano - Compendio storico-antologico" di Mario Panzini