Vilario Bordicchia   


  Cesaro 1  dopo la morte de Cesira 2 


 

Cesaro 1 dopo la morte de Cesira 2

Bon giorno a tuti, cari 'scultatori,

qui Cesaro vostro,

solo e scunzulato,

ch Cesirina sua l'ha 'bandunato.

So' tantu, tantu triste,

epure ho da parl

perch questa la sorte del'artista

ch'ha da fa' ride,

pure se in tel cre

ci 'na frata 3 spinosa de dulore.

Se qualche volta in te la voce mia

sent 4 'n'incrinatura,

'n'ombra de pianto, de malincunia,

se 'na lagrima birbona

dai ochi me viene a fa' bub,

nun ce f 5 casu,

perch se vede che propio in qu'l mumento

iu sento

la voce de Cula che nun c' pi,

che me sussura:

"Credevi che t'avevo 'bandunato?

D, fustacio?

Nun vedi che so' sempre qui cun te?...

Fte 6 curagio, brutu befolcaciu!... "

 

(1967)

 

1-2) Cesaro e Cesira furono i personaggi che per anni ci allietarono nelle trasmissioni della RAI di Ancona - Ugo Cedroli, il nostro pi grande attore vernacolo - Regina Servadio, la nostra pi grande attrice vernacola, morta il 6-7-1967

3) siepe

4) sentite

5) fate

6) ftti

7) Cedroli giustamente famoso anche per l'interpretazione di personaggi in vernacolo contadinesco ideati da lui, da Attilio Giantomassi e da Vilario Bordicchia.

 


  Vilario Bordicchia - dal volume "Il vernacolo anconitano" di Mario Panzini


Torna al'indice d'i pueti