Vilario Bordicchia   


  Dala Linterna verde


 

In te stu solustro 1 del mare

te senti legero

cume l'aria che viene dal largo.

Rispiri tuti i sprufumi

che cunosci da quandu

eri ragazu,

che sane 2 de sale,

de Óliga 3

e de robe che la mareta

ributa sui scoj. 4

 

***

 

L'aria fresca te sfriza 5 in tel zangue

e te senti rinasce.

Tuto intorno c'Ŕ 'na pace

che te cunzola

e te scacia i penzieri.

 

***

 

A sede 6 sopra un pietrˇ 7

un vechietu cun la ma' rinsechita

tiene 'na cana da pesca,

biatu, e fuma la pipa.

Cun l'ochiu panatu 8

fissa l'azuru del mare

e 'gni tantu suride

mentre l'onda che sciÓcula 9

sotu i pietroni

i raconta le fole 10

del tempu passatu.

 

***

 

Distante distante

pÓssane le paranze 11

cun le vele bianche cume cucali 12

e pare che te mandane i saluti

e le speranze.

 

***

 

Versu tera

te se stende davanti

Ancona tuta quanta, bianca de sole,

bela,

cun la tore de Piaza del Papa, 13

cun le culone del Ges¨ 14

e lass¨, in cima al Guasco, 15

el Domu, el Domu nostru 16

che spica altu in tel cielu,

sopra ogni tore

e che solu a guardalu

te fa slargÓ el c˛re.

 

(1955)

 

1)   riverbero

2)   sanno, hanno sapore

3)   alga

4)   rigetta sugli scogli

5)   penetra frizzante

6)   sedere, seduto

7)   piccolo scoglio

8)   appannato

9)   sciaborda

10)  favole

11)  le vecchie barche a vela, da pesca, cosý dette perchÚ solitamente appaiate nel pescare

12)  gabbiani (la Lanterna Verde Ŕ in cima al Molo Sud, romantica passeggiata degli anconitani)

13)  la torre campanaria di Piazza del Plebiscito, edificata nel 1612 in sostituzione di quella medioevale, di forma esagonale, che si trovava molti metri addietro, verso l'arco di piazza, che venne abbattuta minacciando rovina

14)  la chiesa del Ges¨, edificata dai Padri Gesuiti nel 1605, ampliata nel 1743 dall'architetto Luigi Vanvitelli che la muný dell'attuale facciata, il tutto per mecenatismo del conte Giovanni Nappi

15)  il colle su cui nacque Ancona, anticamente detto CumŔro (forse deformazione di C˛nero o derivazione dal gr. k˛me = villaggio ed ˛ros = monte) poi Marano (Ŕ tradizione che ivi fossero tenuti in carcere i marafios, cioŔ mussulmani ed ebrei convertiti) assunse il nome attuale dal colonnello pontificio Cesare Guasco che nel 1570 fece costruire sulle pendici formidabili fortificazioni su ordine di Pio V

16)  il Duomo-Cattedrale di S. Ciriaco, edificato nel XII-XIII sec. sui ruderi della Cattedrale di S.Lorenzo (VIII-IX sec.) a sua volta edificata sui ruderi del tempio di Venere Euplea (IV sec. a.C.)

 


  Vilario Bordicchia - dal volume "Il vernacolo anconitano" di Mario Panzini


Torna al'indice d'i pueti