Un equivoco


'Na serva che puliva 'na finestra
per guard 'n suldato che passava,
anzi un caporale,
casca dal bancheto e sa fa male;
'na mra grossa in te 'na chiapa,
cusc o tale e quale!
Dopo avece fato d bagnli
cun aqua aceto e sale
ricore a l'ospedale.
Al portiere 'j fa: - Nun c' el dutore?
So' cascata, me so' fata male. -
- In fondo a destra - l'omo 'j dice franco -
Nun po sbaj, ci el camigioto bianco. -
Quela se stragina come ple,
guarda de qua e de l un po' cunfusa
po' fa bub: c' l tre giuvinoti
tuti de bianco e la bereta in testa.
Guarda un altro tant, po' entra lesta.
Senza di' nemeno una parola,
n d, n tre, n quel che s'era fata
se scopre gi la parte interessata.
A vede l sta roba, me minchioni,
el primo fa d ochi come un mato;
un altro, un bel pogheto pi sfaciato,
'j d 'na tucatina intorno intorno;
el terzo invece, serio, pi posato,
come p' esse un omo gi sposato,
'j dice: - Signorina, cosa fa?!
Cusc perdemo tuti la creanza!
Per lei ce vo' el dutore.
No' semo qui per imbianc la stanza! -


Adriano Cancellotti - da "Il Vernacolo Anconitano" di Mario Panzini