Sfogu de dulore e de rabia davanti a le bare bianche de San Giugli


.I.
Se sa che l taramotu  na bestiacia
che nun ze sa quand che sgapa fri,
ma sti puzzoni, digu, sta gentacia
che frega i scudi in garnbio de dulori...

Ce mete l calcistruzo o la rubacia
pe fa su i muri?!... O traditori.
Na scla, digo!! N na capanacia
che sta in brughiera!... Veni fri!

Tuta lItaglia piagne pe sti fili
che nun c pi! Pe stangiuleti
sepolti sotai sassi tuti soli!

Ven fri, o bruti delinquenti!
Duv pag sti giorni maledeti
chave fatu la strage dj nocenti!

.II.

Un Tizio cha studiato, un musu storto,
(pel fatu de sta scla ch crolata)
dice cunvintu che me so sbajata,
che digu le fregnace, che ci torto.

Inzoma, vle di, pe taj corto,
ch colpa del dest, la sorte ingrata...
che la mapa del sisma era spiegata
e che nisci ci colpa si c l morto.

O farabuto pzzo de ciambto!
Le case del paese  tute in piedi
benanca che ci i crepi e l tetu roto...

Me di perch, cari, solu la scla
s slamata?! Ce credi o nun ce credi?
Ave robato...  questa la parola!! 
1 novembre 2002

Cesarina Castignani Piazza - Inedita