Un bucuncý de paradiso


El Padreterno, da diversi giorni,

andava in giro tutu sfacendato

per da' 'na ritocata a 'sti dintorni

dopo avÚ fato el grosso del creato.

 

Scotava el zole; molo, zupo, straco,

fa tapa a qui, fa un stuzighý, pia l'aria

p˛, 'pogiata la testa sopro al saco

in dˇ c'era la roba necessaria

 

per fa' la facia al mondo, adio Garola,

s'indorme come un zoco. El giorno dopo

s'alza de scato per rifa' la spola

che s'Ŕ necorto ch'ha dormito tropo.

 

"Ho perzo qualch'oreta de fadiga

- dice - ma varda un p˛ che dormiˇ!?

O'... dopo tutu, cos'j fa, nemiga

ci˛ el cuntrolo, l'orario, ci˛ el padrˇ;

 

nun posso fa' un bucˇ quel che me pare?

Se stava tanto bŔ!?... Per ricumpenza

a qui ce fago 'na citÓ de mare!!

Anzi, t˛, ciarimando la partenza!"


Eugenio Gioacchini (Ceriago) - dal "Calendario anconitano"