Come se fa le crucete in porcheta ...


Se sbeca, sara a di' se leva va,
i bechi e el cuderizo, po' se pa
l'aqua salata e lava che te lava
fino a che c' la bava.

Po' ce vole 'na pigna; ce se mete
oio,  fenochio forte, do' brancete
d'usemar, do' spichi d'aio, sale,
i di (che n'j fa male)

de ppe a stufo e apena rusulato,
buti gi le crucete ch'hai spurgato.
Per fai pi l'onto j dai do' o tre sbalzate
e, quando ch'ne ble che rivate,

daqui c'un po' de vi' de la chiaveta.
Di qualch'altra scosseta,
gintece la conzerva ch'hai squaiato
e, quando che 'l ciciolo s' stacato

dala scorza, leva la pigna e svta
che la cruceta  cota.

... e come se magna ...

Se pine 'n tra do' deti com'un fiore;
le bagi come fosse el primo amore;
prima in tel cuderizo un bagio seco,
p volti e bagi in do' che c'era el beco.

Ciuci e riciuci, lichi scorze e deti;
 un ino de chiopeti e de fischieti
e te vinene su qi ciciolini
che udorene de mare e de giardini.

Ricrdete ma pr che la cruceta
da per lia sola  misera, pureta,
 com'un quadro pieno de vernige,
un quadro blo senza la cornige.

E alora, perch el gode sia completo,
ce vle, digo vle, un bichiereto
de vi' ogni sete cici, in abundanza,
de modo che ce sguazi in te la panza.
. . . . . . . .
Io guardo 'sta cruceta sbruzulosa
cun 'st'anima gentile; ci qualcosa
del caratere nostro anconit;
rozo de fra, duro, un po' vil

ma drento bono, un zuchero, 'n'amore ...
ch nun conta la scorza, conta el cre.

Eugenio Gioacchini (Ceriago)  - da "'Na chiachiarata cun nona bon'anima"