I discorzi sciapi


(D'inverno)

JŔ, gente mia, se pole andÓ pi¨ avanti!?
Sentý che fredi? Nun ve dole j ossi?
E, segondo l'orlogio de Balanti
ancora n'Ŕ rivati queli grossi!
Nun te possi pi¨ move: la burina
te pica in te la facia, piove, gela,
vienene le buganze, catarina,
c'Ŕne pescole, malta, pachiarela.
╚ tuto giacio, tuto quanto teso;
el da magnÓ s'inzega in t'un menuto!
El fredo? Mancarialtro! M'Ŕ mai inteso
bramÓ el freso? Pessea chi l'ha voluto!
Viva l'istate e el zole benedeto;
te sciuchi j ossi, possi sta' cui źslipe╗,
ciuci el gelato, fai qualche bagneto,
vai a fa' l'amore al fresco su a le Ripe ...
C'Ŕ chi vole l'inverno! E a ea, pi¨ bruti!
Si nun tir'ea a fený crepamo tuti.
(D'istate)

JŔ gente mia che stracio de caldagna!
Sentý che ariacia? Pare de piÓ fogo?!
Ogni menuto bevo; ci˛ la smagna!
Diceme in do' se pole trovÓ logo!

Si te movi te squai, schiati, boli;
te senti a spisciolÓ tuta la pela
dal gran zudore, fiolo mio, te scoli
che pare quanto buta 'na canela.

Fai el bagno? L'aqua Ŕ come la lesciva.
La polvere te cega; mosche, cali
che te pica!... Me pari el caldo!? Viva
la facia del'inverno; godi, sciÓli!

Te copri su, vai a fa' 'na caminata,
quatro castagne aroste, un bel ponceto,
te scaldi a casa c'una pulentata,
levi via el prete e ... ale', te schiafi a leto!

E v˛lene l'istate! E a ea, pi¨ bruti!
Si nun tir'ea a fený, schiopamo tuti.


Eugenio Gioacchini (Ceriago)  - da "'Na chiachiarata cun nona bon'anima"