Dopopranzo d'agosto


Me slacio le scarpe, el coleto,
me slongo qui sopro ala sdraia
al'ombra in teraza
per vde de fa' un palucheto
ch ogi c' un zole che 'maza,
un'aria che fiara, che squaia
l'asfalto, che fiaca le piante,
un'aria sciatata, pesante;
che straca, che leva ogni voia.
Framzo al caligo s'inoia
e pare che smagna
ch'j pa la pagnagna
de sono, non solo ala gente
ma a tute le robe e la vita
del mondo. Se sente,
cusc, tra la veglia e l'inzogno,
qualcosa, un bisogno
de pace, de calma infinita.
'Compagna, ogni mossa e rumore,
'sta vita che pare che more
svoiata, beata tra i bagi
roventi d'i ragi
del zole. E pare pi lenti,
pi fiachi, i rumori e le voce;
ancora le goce
che scola inzistenti
in te'l sciaquarolo,
i boti d'un straco martelo
che sbate in t'un canticurtelo,
la gnagnera lenta d'un filo,
le scale provate in falzeto
de quelo del'ultimo piano
che ci l'organeto,
el chiasso che fa qu'l mutore
che passa de fuga e p more,
se smorcia lontano ...
Me pare che tutu sprufonda
sepolto, 'sfisiato in te st'onda
de caldo e stracheza.
Ma un branco d'alegri rondoni
che stridene forte, che sfreza
e pare i padroni
del'aria, strisciando de nero
el grande mistero
del celo, me guasta 'sta pace,
'sta fiaca che tanto me piace.
Per loro  la festa d'amore
per me languideza del core ...
Con tuti 'sti strili, 'stu gheto,
adio palucheto!...
Me alzo, sbadiglio, me stendo,
me dago 'na bela sciaquata,
rilacio le scarpe e riprendo
la vita che avevo lasciata.
(Primo premio Concorso Poeti dialettali di Recoaro)

Eugenio Gioacchini (Ceriago)  - da "Fresche e bone"