Ancona tua e Ancona mia


╚ vero picený che Ancona Ŕ bela
'legante, nova; Ŕ tuta diferente
da quela ch'era quindici ani fa,
streta fra la Portacia e la PortŔla,
fra el Munumento, Palombela e el PiÓ.
Ma te quando sei nato? ╚ poghi j ani
che giri per 'ste strade, nun sai gnente
e nun t'importa gnente del passato;
te l'hai vista cuscý, te preferisci
quel ch'ai trovato e quelo che domani
sarÓ pi¨ belo ancora. Io so 'tacato
invece a 'n'altra Ancona, me capisci?
Una citÓ scalercia, antiga, bruta,
indove che mi' nona c'Ŕ cresciuta,
mi' madre, el zangue che m'ha dato vita,
una citÓ purtropo ch'Ŕ sparita
o c'Ŕ rimaso apena qualcoseta
che sta niscosto come in sogeziˇ
dietro ale robe nove. Una caseta,
meza che sconochiata, un curnigiˇ,
un vigolo, un selciato e tutu, presto,
dovrÓ fený com'Ŕ fenito el resto.
Ancona tua, scý, Ŕ bela per davero
ma, cusa t'ho da di', nun me ce trovo!?
Un efeto me fa tutu 'stu novo!?
Me pare d'esse come un furestie ro,
me viene voia de piÓ su, andÓ via.
E solo quando fago quatro passi
tra 'stu bucˇ de vechio ch'Ŕ rimaso,
alora sci me sento persuaso
d'esse de casa perchÚ Ancona mia
Ŕ tuta in tel ricordo de 'sti sassi.


Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "Sfrigi"