Domanda e risposta


La domanda ...
	(davanti)
Gregio Comandatore, il sotoscrito
arivolge domanda rispetosa
perchÚ la Sua Celenza riverito
gli possi cresce almeno de qualcosa
la paga per far fronte a la familia
il quale se la passa malamente;
a otobre gli si sposano la filia
e nun ciÓ manco un soldo per faj gnente.
In oltre ciÓ la molie che sta male,
un maschio che aripetono in nei studi
e ce ne volion tanti, onde la quale
le spese Ŕ molte e poghi sono i scudi.
Con la cierteza che me viena in contro
e se meti la mano sopro al core,
l'aringrazio in atesa d'uno scontro
con tanti esequi, sor Comandatore.
	(de dietro)
Pezo de rospo che fai tanto el duro
nun l'hai capita che la paga Ŕ poga?
Te, se capisce, giÓ se sa, sciguro,
te ciai tanti quadrini che te 'foga,
la serva, l'utumobile, el morbý,
tut'al par dela boca ma sta' atento
che miga durarÓ sempre cuscý;
basta che gambia un tantinelo el vento!?
A che gi˛go giogamo? Te sa l'ora
de tirÓ f˛ra 'sti do' b˛chi mufi
o la slongamo 'n'altro pezo ancora.
Nun te pare che stomighi, che stufi?
Senza rimane tra la pera e el figo
risponde a tono che se no me puzi;
se nun me cresci el zai cusa te digo?
Podessi fa' la fi' del cÓ de Luzi!
... E la risposta
	(davanti)
Mio stimato e devoto dipendente,
alla Vostra dell'ultimo decorso
sono dispiacentissimo, dolente,
di non potere dar felice corso.
Mi vietano il benchŔ minimo aiuto
la crisi, i tempi, le difficoltÓ;
gradisca il distintissimo saluto
del Presidente della SocietÓ.
	(de dietro)
Ce vole un bel curagio; un p˛ro cÓ
sbacila tra i penzieri tutu l'ano
e pure i lagni j toca a soportÓ!
Nun Ŕ nÚ ragionevole nÚ umano.
Chi paga i contributi, chi le tasse,
i conti dela serva e del fatore,
e portiere, benzina, luce e gasse?
Sapessi che fadiga Ŕ a fa' el signore!?
Te nun c'el zai cus'Ŕ tute 'ste spese;
ot'ore de lavoro apena apena
e nun te basta quel che papi al mese...
Voristi le bragiole a pranz'e cena,
la bote piena cu' la moie imbriaga;
te piacerýa, Niný, che te crescessi?
Invece io te vorýa calÓ la paga..
Scý, perchŔ, belo mio, se n'el sapessi,
'st'ano el bilancio Ŕ andato tanto male
ch'ho fato apena un mese de Cortina,
sei cavalchine in tutu a Carnevale
e un palazacio per mi' moie... purina!
7 febbraio 1955

Eugenio Gioacchini (Ceriago) - da "Sfrigi"